Connect with us
Pubblicità

Trento

Il governatore Fugatti contro il Dpcm di Conte: «Lavoriamo per tenere aperto i ristoranti fino alle 22.00. Avanti con la scuola in presenza»

Pubblicato

-

Durante la conferenza stampa post giunta, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti ha spiegato che sono in corso approfondimenti per consentire un maggior respiro sia sul fronte della didattica come pure su quello di attività economiche quali ristoranti e bar. Questo è possibile visto che la situazione in Trentino è ancora «moderatamente sotto controllo». 

Per il momento sono infatti solo 76 i pazienti ricoverati negli ospedali con sintomi da Covid 19 e 4 in terapia intensiva. Le classi in quarantena ad oggi sono 122 sulle 4.000 presenti sul territorio di cui 2/3 sono istituti superiori. 

Fermo restando che invece palestre, piscine, teatri, cinema, sale giochi e scommesse e centri benessere invece rimarranno chiusi almeno fino al 24 novembre.

Pubblicità
Pubblicità

Nel merito Fugatti ha detto un no secco ad DAD (didattica a distanza) confermando che la scuola andrà avanti in presenza. Per i trasporti  pubblici si sta lavorando per portare la capienza al 75%.

Il governatore lavorerà nei prossimi giorni per spostare l’orario di chiusura dei ristoranti alle 22.00 anziché le 18.00. Pronto anche il protocollo che permetterà alla nostra provincia di consentire di svolgere le attività in sicurezza sulle piste di sci. 

“Premesso che ogni decisione è stata finora presa sulla base di una ‘diagnosi’ continuamente aggiornata della situazione epidemiologica da parte dei nostri esperti sanitari – ha detto Fugatti – abbiamo ragione di ritenere che per il momento in Trentino possono continuare le lezioni a scuola così come fatto finora, senza applicare la didattica a distanza e continuando ad osservare tutte le misure di sicurezza finora adottate. Miglioreremo ulteriormente il servizio del trasporto scolastico, con l’obiettivo di diminuire la portata degli autobus, tenuto conto però che stiamo facendo il massimo con i mezzi pubblici e privati disponibili”

Pubblicità
Pubblicità

“Nelle pieghe del Dpcm – ha quindi aggiunto il presidente che ha dato conto anche di un confronto con la Provincia di Bolzano – riteniamo possano esserci margini per consentire di tenere aperti ristoranti e bar fino alle 22 anziché le 18 previste dal decreto nazionale. Abbiamo posto particolare attenzione ai protocolli sanitari e non c’è ragione di non ritenerli efficaci a cena, se per il pranzo vanno bene.

Oltretutto già ieri, assieme agli altri presidenti di Regione, abbiamo fatto presente al Governo che precludere il pasto serale significa di fatto costringere alla chiusura la maggior parte degli esercizi”.

Il presidente è intervenuto inoltre sul tema delle aperture degli impianti sciistici. “Prendiamo atto con soddisfazione che le nostre osservazioni sono state recepite dal Governo, che in una prima bozza prevedeva da subito la chiusura.

Ora c’è una mediazione ragionevole che ci vede già impegnati con le altre regioni simili alla nostra per adottare specifici protocolli che possano consentire di svolgere le attività in sicurezza. Naturalmente se la curva dei contagi non dovesse imporre ulteriori restrizioni”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza