Connect with us
Pubblicità

Trento

L’eterna disperazione degli abitanti della Portela. E dopo il danno arriva la beffa

Pubblicato

-

Ormai ogni speranza è persa. In anni di disastrosa gestione della sicurezza di questa giunta comunale di centro sinistra non solo non è stato fatto nulla ma la situazione della Portela è peggiorata esponenzialmente.

Si sono rivolti a noi un nutrito gruppo di residenti di quel quartiere talmente esasperati da non saper più che pesci pigliare e trovare conforto almeno nello sfogo parlandone sulle pagine del nostro giornale che in questi anni ha denunciato attraverso testimonianze migliaia di casi di degrado e delinquenza.

Ma hanno paura ad apparire per evitare rappresaglie, e quindi siamo arrivati al punto di non ritorno. Altro che isola verde, altro che qualità della vita.

Pubblicità
Pubblicità

Abbiamo paura a tornare a casa la sera – ci dicono – e ogni ora del giorno troviamo spacciatori e tossicodipendenti gravitare attorno ai nostri portoni di ingresso, assistiamo a risse, a manifestazioni di ubriachezza molesta, ad episodi quotidiani di prostituzione, di degrado fatto di escrementi, urina e vomito sui muri che al mattino dobbiamo ripulire, di bottiglie rotte, di drogati che barcollano allucinati in cerca di una dose. Il senso di insicurezza è totale.

Oltre la paura arriva anche beffa.

I prezzi delle case del quartiere sono crollati. E l’intenzione di andarsene è più o meno quella di tutti, ma rimetterci e svendere gli appartamenti viene considerato un fardello pesante da sostenere dopo anni di disagio.

Pubblicità
Pubblicità

Quindi si resiste, si resiste e si cerca di portare in tutti i modi a galla il problema, anche se le istituzioni lo conoscono benissimo, ma non è stato fatto nulla.

Molti si sono sentiti ripetere il solito refrain: se li spostiamo dal centro vanno da un’altra parte e non si risolve nulla.

Ma, come osservano i residenti, la risposta lascia il tempo che trova per due motivi: «il primo è la condivisione del disagio – spiegano –  dopo decenni di degrado il nostro quartiere avrebbe almeno diritto di respirare, il secondo è che il centro è più appetibile delle periferie da parte dei tossici, che spesso arrivano in treno perché non hanno la patente, è più facile passare inosservati per via della folla e occultare le dosi negli anfratti della città vecchia o nei parchi».

L’ulteriore beffa è rappresentata dall’atteggiamento della Polizia Municipale: multe inflessibili alle macchine ma poche identificazioni dei soliti personaggi che gravitano attorno alla malavita che si è creata e pascola come una mandria alla Portela, piazza Leonardo da Vinci e in S.Maria Maggiore. Insomma come se loro fossero invisibili.

«Lo stupore è dato anche dal vedere come il degrado urbano non viene sanzionato come previsto dal regolamento comunale. Ci raccontano che hanno appreso che le multe non vengono comminate perché vi è la diffusa certezza che tanto non le pagano. A parte che ogni atto sanzionatorio comporta un fastidio per chi ne viene colpito, si chiedono come sia possibile che a questa gente, dopo che non ha pagato decine e decine di multe non venga applicata qualche sanzione alternativa. Si chiedono come sia possibile che gli extracomunitari siano tutti in regola con il permesso di soggiorno, ma sanno già che non è così, e nonostante tutto vivono e vegetano nel quartiere a spese della pazienza e paura degli abitanti» – aggiungono

A questi abitanti andrebbe chiesto se sono convinti che il problema della sicurezza sia sopravvalutato, così come pensa una certa classe politica che taccia di populismo ogni osservazione riguardante il degrado totale in cui versa la città.

I residenti ci raccontano inoltre di aver parlato con alcuni agenti di Polizia che inaspettatamente a cicli non continui arrivano nel quartiere con più macchine e fanno dei controlli serrati. Sono Poliziotti chiamati da fuori, molti arrivano dal nucleo di Milano, perché le pattuglie locali non ce la fanno, e si chiedono perché, vista la quantità di Forze dell’Ordine presente in città.

Questi Poliziotti hanno raccontato che mai come a Trento vi è una assoluta indifferenza nei confronti dell’autorità di Polizia, quasi che delinquenti, teppisti e spacciatori fossero stati abituati troppo bene da un certo lassismo, se non assenza nei controlli. «Difficilmente – riporta un poliziotto – a Milano le forze dell’ordine vengono aggredite dagli spacciatori o dai delinquenti, qui invece è diverso, sembra che non esista nessun rispetto e timore di chi deve mantenere l’ordine.»

Abbiamo qui raccolto lo sfogo corale di questi cittadini esasperati, e temiamo che finché ci sarà questa Giunta sarà lettera morta. Confidiamo nell’anno che verrà, noi ci stiamo preparando….

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza