Connect with us
Pubblicità

Politica

Leonardo Divan, a 18 anni eletto in consiglio comunale a Rovereto: «Mi impegno a lavorare per la mia città»

Pubblicato

-

Leonardo Divan, ex-presidente della consulta provinciale studentesca della Provincia autonoma di Trento e da sempre leghista di ferro, quest’anno si è candidato come consigliere comunale alle elezioni di Rovereto.

Nonostante la sua coalizione a sostegno di Andrea Zambelli abbia perso al ballottaggio, lui è stato eletto consigliere comunale nella lista della lega(13,8%) con 87 voti.

Sei stato eletto consigliere comunale della Lega a Rovereto, a soli diciott’anni sei riuscito a raggiungere questo obbiettivo, ne sei compiaciuto? Credi di aver fatto tutto da solo o chi devi ringraziare per il tuo risultato?

Pubblicità
Pubblicità

 «Sono molto entusiasta del risultato ottenuto; devo ringraziare moltissime persone, tutti coloro che hanno creduto in me durante la campagna elettorale, nella quale ho lavorato molto, devo ringraziare anche la nostra capogruppo in Provincia Mara Dalzocchio e tutti i consiglieri che mi hanno consigliato durante la campagna. Voglio in particolare ringraziare i concittadini di Rovereto che hanno dimostrato quanto il volto giovane della città sia importante. Sono molto soddisfatto dei voti ottenuti e valuto quest’esperienza di confronto con la cittadinanza, per me completamente nuova, in maniera positiva; adesso mi impegno a lavorare per la mia città.»

 Tu sei riuscito ad entrare in consiglio in opposizione, quale linea adotterai con la giunta Valduga?

«Innanzitutto bisogna partire dal modello che egli rappresenta; se il nostro candidato sindaco, Andrea  Zambelli rappresentava una politica limpida, chiara e al servizio dei cittadini, il sindaco Valduga invece ha adottato un modo di fare atto a rendersi  amiche le clientele e gli scopi personali, un modo di fare rivolto solo ad una piccola parte dei cittadini e non a tutti, noi invece vogliamo rivolgerci a tutti gli abitanti della città, dalle famiglie alle imprese. L’atteggiamento nei confronti della confermata amministrazione sarà responsabile ma di opposizione dura

Pubblicità
Pubblicità

 Come mai il centro-destra e la Lega in particolare ha perso in maniera così netta nella tua città?

«Sono molto contento del fatto che per la prima volta il centro-destra alle comunali si sia presentato unito e che alle prime consultazioni abbia preso più del 30%. Sicuramente questo non era il risultato che ci aspettavamo, volevamo prendere molto di più! D’altro canto l’opposizione dalla sua poteva promettere di continuare alcune opere iniziate durante la prima amministrazione. Durante la campagna, da parte di Valduga, è stato anche utilizzato impropriamente il tema della Valdastico dimenticando che non è un tema di competenza comunale, chiunque conosca la costituzione dovrebbe sapere  che queste grandi opere sono di competenza statale, provinciale o regionale.»

 Cosa ti aspetti e cosa ne pensi del sindaco eletto?

 «Valduga si è candidato per proseguire la sua amministrazione uscente che a parer mio è stata inconcludente e che non ha ascoltato la cittadinanza dimenticando di curare l’economia e tralasciando gli investimenti e gli sviluppi della città. I suoi cinque anni sono stati anni negativi in cui la città di Rovereto non è cresciuta, è rimasta ferma e non si è investito in grandi opere; da un punto di vista economico la città non ha avuto respiro. Nei prossimi cinque anni purtroppo mi aspetto un proseguo dell’amministrazione uscente.»

Quale sarà il tuo obbiettivo principale per la città?

«Io penso che attualmente la tematica più importante sia quella dell’economia legata al lavoro, bisogna dare ossigeno alle imprese e aiuto ai piccoli artigiani che a causa della pandemia sono in particolare difficoltà

 E i giovani? Rovereto è una città abbastanza spenta dal punto di vista giovanile e di intrattenimento per i giovani, pensi di riuscire a fare qualcosa per loro anche dall’opposizione?

«Penso che già la mia presenza all’interno del consiglio, data la mia età, possa essere determinante per rappresentare anche la fascia dei giovani che sono molto estranei alla politica. Proprio su questo vorrei lavorare, ad avvicinare i giovani, i miei coetanei alla politica; cercherò di spingere il sindaco a confrontarsi con la gioventù, con le associazioni giovanili, con le scuole. Farò il possibile affinchè l’amministrazione sia più attenta alle nostre esigenze

E la Lega? Il tuo partito ha perso molto in tutto il Trentino, sarà necessario fare una riflessione?

«Sicuramente è necessario fare una riflessione, la riflessione già fatta dal segretario Matteo Salvini è stata quella di cambiare i vertici della Lega in molte regioni, compreso il Trentino. C è anche da ricordare che il lavoro della Lega nella nostra regione comunque è stato un lavoro immenso; Fugatti e la nuova giunta provinciale si sono trovati a dover affrontare una mole di lavoro enorme con i mezzi di comunicazione a noi avversi; di questo ne abbiamo pagato in passato e ne pagheremo in futuro.»

Chi sarà il nuovo segretario della Lega Trentina? 

«Penso che per la segreteria della Lega in Trentino serva una persona carismatica, conosciuta sul territorio che possa dare alla Lega uno sviluppo come quello avuto grazie al segretario Bisesti che sicuramente ha fatto un’ottimo lavoro.»

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]

Categorie

di tendenza