Connect with us
Pubblicità

Socialmente

Pensioni d’invalidità: nel resto d’Italia aumentano e a Trento?

Pubblicato

-

Le pensioni d’invalidità erogate dall’INPS saranno incrementate dal prossimo primo novembre.

l’INPS fornisce, con la circolare n. 107 del 2020, i chiarimenti sui soggetti che hanno diritto all’incremento, quali sono i limiti di reddito per accedere all’aumento e cosa fare per ottenerlo.

L’aumento, che in presenza dei requisiti può far arrivare gli importi fino ad un totale di 651,51 euro mensili per tredici mensilità (ora l’importo è pari a 286,81 euro/mese), sarà disposto d’ufficio per gli invalidi civili totali, i ciechi civili assoluti ed i sordi che sono titolari di pensione di inabilità assistenziale con decorrenza 20 luglio 2020; mentre, sarà a richiesta per i titolari di pensione di inabilità previdenziale (pensione di inabilità lavorativa L. 222/1984) con riconoscimento della decorrenza dal primo agosto, solo se espressamente richiesto dagli aventi diritto, che presenteranno  la domanda per accedere al beneficio entro il 30/10/2020 (messaggio INPS n. 3647 del 09 ottobre 2020, che supera la precedente scadenza del 09/10/2020 fissata dalla circolare 107/2020). Chi appartiene a questa seconda categoria e presenterà la domanda successivamente a tale data, vedrà riconosciuti i benefici dalla data della domanda, senza più possibilità di ricevere gli arretrati da agosto.

Pubblicità
Pubblicità

Il provvedimento dell’INPS recepisce quanto disposto dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 152 del 23 giugno 2020 (link) e dall’art. 15 del D.L. 14 agosto 2020 n. 104 (link), che prevedono che il cosiddetto “incremento al milione” (di lire), finora spettante solo ai soggetti con più di sessant’anni di età, sia applicato anche ai soggetti invalidi civili totali o sordi o ciechi civili assoluti titolari di pensione o che siano titolari di pensione di inabilità lavorativa, di età compresa tra i diciotto ed i sessanta anni.

Sono esclusi da tale provvedimento gli invalidi parziali.

I requisiti reddituali previsti per il 2020 (ricordiamo che all’aumentare del reddito del beneficiario diminuisce l’incremento dell’aumento) per avere accesso al beneficio sono i seguenti:

I beneficiari non coniugati non devono possedere redditi propri superiori a 8.469,63 euro (pari all’importo massimo moltiplicato per tredici mensilità);

Se il beneficiario vive con la famiglia di origine, ma non è coniugato, il reddito da considerare è solo quello personale;

I beneficiari coniugati (non effettivamente e legalmente separati) devono possedere redditi propri di importo non superiore a 8.469,63 euro e redditi cumulati con quelli del coniuge di importo annuo non superiore a 14.447,42 euro.

Se entrambi i coniugi hanno diritto all’incremento, ciò concorre al calcolo reddituale. Pertanto, nel caso in cui l’attribuzione del beneficio a uno dei due coniugi comporti il raggiungimento del limite di reddito cumulato, nulla è dovuto all’altro coniuge.

Se invece il limite non viene raggiunto, l’importo dell’aumento da corrispondere a un coniuge deve tener conto del reddito cumulato comprensivo dell’aumento già riconosciuto all’altro.

Ai fini della valutazione del requisito reddituale concorrono i redditi di qualsiasi natura, ossia i redditi assoggettabili ad IRPEF, sia a tassazione corrente che a tassazione separata, i redditi tassati alla fonte, i redditi esenti da IRPEF, sia del titolare sia del coniuge.

Non concorrono al calcolo reddituale:

– il reddito della casa di abitazione,

– le pensioni di guerra,

– l’indennità di accompagnamento,

– l’importo aggiuntivo di 300.000 lire (154,94 euro) previsto dal comma 7 dell’articolo 70 della legge 23 dicembre 2000, n. 388,

– i trattamenti di famiglia,

– l’indennizzo previsto dalla legge 25 febbraio 1992, n. 210, in favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazioni di emoderivati.

Quindi dal primo novembre l’INPS dovrebbe adeguare le pensioni d’invalidità, e la Provincia Autonoma di Trento cosa farà?

Proprio grazie allo statuto di autonomia, nella nostra provincia, l’erogazione delle provvidenze agli invalidi civili assoluti residenti (in età compresa tra i 18 ed i 65 anni e 3 mesi, dopodiché la competenza ritorna all’INPS per l’erogazione dell’assegno sociale) non sono a carico dell’INPS ma dell’APAPI (Agenzia provinciale per l’assistenza e la previdenza integrativa).

In queste ultime settimane, abbiamo chiesto più volte all’APAPI, abbiamo scritto e telefonato ai patronati ed all’Ufficio di Gabinetto dell’Assessorato alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia per saperne di più, ma ad oggi non abbiamo ricevuto ancora alcuna risposta su come e soprattutto quando la P.A.T. avrà intenzione di adeguarsi alla normativa nazionale per non creare sperequazioni su un tema così delicato, come le pensioni dei disabili, col resto dello stivale.

A cura di Mario Amendola

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori
    Dal Governo si lavora a nuove regole per lo smart working post emergenza covid-19, tra queste la riduzione delle tasse in busta paga e sgravi per le imprese. Da luglio, Camera e Senato hanno presentato... The post Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori appeared first on Benessere […]
  • Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse
    Una delle novità anticipata dall’ex Ministro dell’università, Manfredi e concretizzata dall’attuale Cristina messa prevede ad allargare la no tax area per gli studenti universitari, comprendo i costi fino alla fascia reddituale di 22 mila euro.... The post Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse appeared […]
  • Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli
    Dall’Unione Europa arriva il via libera agli aiuti di Stato per le imprese italiane colpite economicamente dalla pandemia Covid-19. I gravi effetti economici causati dall’arrivo del Coronavirus stanno avendo ancora pesanti ripercussioni per le attività... The post Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli e le novità
    Anche quest’anno torna il bonus pubblicità per le aziende puntano su investimenti pubblicitari, con l’invio delle domande che partirà dal 1 fino al 31 ottobre 2021. Bonus pubblicità 2021 Per il 2021 -2022, il credito... The post Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli […]
  • Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri
    Da novembre 2021 i costi di revisione delle auto aumenteranno. Decisione concordata dai Ministeri dell’Economia e della Mobilità Sostenibile. Dal 1 novembre aumenti prezzi revisione auto L’aumento che inizialmente sarebbe dovuto partire il 30 gennaio,... The post Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri appeared first on Benessere Economico.
  • Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro
    Il Ministro dello Sviluppo economico, Giorgetti ha attivato un fondo pari a 140 milioni di euro a sostegno delle attività rimaste chiuse in conseguenza delle misure restrittive anti-Covid. In dettaglio Il fondo avvivato dal Ministero... The post Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro appeared first on Benessere Economico.
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]
  • L’Italia e i boschi incantati: alla scoperta di fate, gnomi e folletti
    Ogni stagione con i suoi profumi e i suoi colori, invita qualsiasi escursionista ad esplorare la natura che, tra vegetazione ed alberi si mostra in tutto il suo splendore. In particolare, l’Italia è nota per essere una miniera di patrimoni artistici e culturali inestimabili capaci di scatenare la curiosità di grandi e piccini, con la […]

Categorie

di tendenza