Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

«Cari genitori, mettiamoci l’anima in pace….»: la lettera di una mamma arrabbiata e perplessa

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Spett.Le Direttore,

Sono una mamma di tre bambini e voglio denunciare un fatto gravissimo accaduto stamane presso una scuola materna di Trento Nord frequentata dai miei figli, perché credo sia giunto il momento di iniziare ad esprimere il proprio punto di vista per smuovere la coscienza delle persone riguardo a quanto stiamo vivendo (in nome di un’emergenza sanitaria tutta da verificare con dati alla mano).

Dal momento che vanno tanto di moda le etichette, premetto che non mi ritengo né negazionista, né no vax o no mask, sono solo una persona che si interroga su quello che stiamo vivendo informandomi attraverso diverse fonti e non solo ascoltando una visione unica che quotidianamente ci viene proposta dai mezzi di informazione più conosciuti.

Pubblicità
Pubblicità

Ognuno di noi ha diritto di avere un’idea propria riguardo tutto quanto, ma credo che un genitore attento al presente e al futuro dei propri figli non riesca più a rimanere fermo a guardare inerme.

Alle ore 11.40 di questa mattina sono stata contattata dalla maestra del mio bambino in quanto dal termo scanner risultava che lui avesse 37.5 di febbre. Sono andata a prenderlo, l’ho portato a casa, gli ho misurato la febbre nel sederino (unica temperatura davvero attendibile perché rileva la temperatura interna) ed è risultato che lui avesse 36.1.

Dalla maestra mi è stato detto che durante tutta la mattina le è parso che il bambino fosse stanco.

Pubblicità
Pubblicità

Cari genitori, mettiamoci l’anima in pace perché da quando è stato scoperto il coronavirus, non è più contemplato che i bambini si sentano stanchi, stufi, si ammalino di altro o semplicemente manifestino un disagio emotivo attraverso il fisico.

Del resto è “normale” che i bambini stiano 8 ore nella stessa stanza e con gli stessi amici, costretti a vedere maestre mascherate e con la mente pre-occupata a mantenere distanze e ambienti sanificati, libere solo di seguire i protocolli anti contagio che ormai, abbiamo capito, essere divenuti la nuova sola ed unica pedagogia alla quale attenersi.

Del resto – mi chiedo – se tu adulto noti che un bambino non sta bene, non è buon senso chiamare la mamma affinché lo allontani da scuola indipendentemente dalla febbre? No, se il termoscanner segna 36 ma il bambino è bianco come un cencio può tranquillamente stare a scuola, così come viceversa, se un bimbo sta benissimo ma il termoscanner segna 37.5 il protocollo recita che deve essere allontanato.

Ci rendiamo conto di quanto tutto questo risulti assurdo? Ma questa è la triste realtà che viviamo tutti i giorni! Per non parlare poi dei tamponi invasivi che i piccolini sono costretti a subire per essere riammessi a scuola, o dei giardini con i separé alti 1,50 m posti per evitare che i bambini interagiscano fra loro se appartenenti a gruppi diversi.

Credo sia giunto il momento di dire basta, di dire che abbiamo superato una linea di confine pericolosa.  Io voglio denunciare tutto questo scempio perché i danni che questa situazione porterà ai nostri figli li vedremo solo con il passare del tempo.

Nella vita abbiamo sempre la possibilità di scegliere: scegliere di vedere e far finta di niente oppure scegliere di vedere e denunciare, per rivendicare i diritti che con la scusa della paura ci stanno togliendo.

Troviamo il coraggio di dire “no, non ci sto! “, di denunciare, di mettere davanti a tutto la voglia di rivendicare l’essere una persona con dignità, con diritti e doveri, con un’identità unica ed irripetibile, contro l’essere un numero potenzialmente contagioso.

Mettiamoci una mano sul cuore ed una sulla coscienza ed interroghiamoci davvero sul futuro che ci aspetta andando avanti in questo modo. L’opportunità di fermarsi c’è l’abbiamo, sta a noi volerla cogliere.

Luana Cestari

Potete inviare le email al direttore da inserire nella rubrica «io la penso così» scrivendo a: [email protected]

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Fiemme, Fassa e Cembra3 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: 603 contagi nelle ultime 24 ore, le rianimazioni sono «covid free»

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Si allarga pericolosamente il fronte dell’incendio sul Monte Baldo – IL VIDEO

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Riva del Garda: tornano i fuochi della «Notte di fiaba»

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: 977 contagi nelle ultime 24 ore. Dai 40 ai 59 anni la fascia più colpita

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Laghi di Levico e Caldonazzo fuori controllo: risse, pestaggi, furti e atti di pirateria

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Tragedia sul Monte Peller: muore un giovane di Cles

Politica4 settimane fa

Ugo Rossi: «Non mi ricandiderò, il PATT ha rinunciato ad essere protagonista»

Trento4 settimane fa

Valanga della Marmolada non è caso unico, 10 turisti salvi per miracolo – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Dopo la separazione arriva anche il divorzio: finisce la storia d’amore tra Francesco Moser e Carla Merz

Politica4 settimane fa

Sondaggio Mentana: si arresta la discesa della Lega, cresce Forza Italia

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Attentato alla sede della Lega: l’anarchico «trentino» Sorroche condannato a 28 anni di carcere

Italia ed estero4 settimane fa

Clamorose rivelazioni di Nicola Gratteri: «Questo Governo sta smontando un secolo e mezzo di Antimafia»

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 496 contagi e boom di ricoveri nelle ultime ore in Trentino

Trento1 settimana fa

Coronavirus: 117 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza