Connect with us
Pubblicità

Trento

Olive: i 1.200 coltivatori iniziano la raccolta in Trentino

Pubblicato

-

A soffrire di più dell’alternanza climatica di questi ultimi mesi, saranno le olive. La raccolta 2020 viene stimata tra i 23 ed i 25 mila quintali decisamente lontani dall’annata record del 2018 con 29 mila quintali.

Si parla quindi di una riduzione significativa causata anche dalla decisione di alcuni coltivatori di non iniziare nemmeno la raccolta.

Una decisione motivata oltre che dalle instabili condizioni climatiche che hanno influito negativamente sul prodotto, anche dalla diffusione della mosca olearia. L’inizio della raccolta è stato fissato per la prossima settimana e potrebbe durare, anche in base alle capacità di ricevimento dei frantoi, fino a metà dicembre.

Pubblicità
Pubblicità

La resa in olio è stimata sul 14% con qualità decisamente elevata. I coltivatori in Trentino sono 1200 per la massima parte hobbisti che coltivano circa 500 ettari di oliveti dei quali 400 sono coltivazioni speciali in collina.

Spesso si tratta di oliveti storici con piante centenarie. La Casaliva è la varietà più diffusa ed è quella tipica della zona trentina del lago di Garda. Il costo della frangitura per il 2020 si attesta sui 22 euro a quintale con la quantità minima conferita fissata in 200 chilogrammi giornalieri.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza