Connect with us
Pubblicità

Piana Rotaliana

Chiesta la cassa integrazione straordinaria per gli ex Mercatone uno

Pubblicato

-

I commissari straordinari di Mercatone Uno in vista della scadenza del programma d’esercizio dell’impresa che scadrà il 23 novembre hanno chiesto un altro “salvagente” per i 1300 dipendenti, tra i quali anche quelli di San Michele all’Adige, per i quali è stata avviata la consultazione sindacale per usufruire della cassa integrazione straordinaria per cessazione di attività prevista dal decreto Genova per 12 mesi.

Oltre al supporto economico, gli ormai ex dipendenti potranno essere inclusi per tutta la fase liquidatoria in progetti di autoimprenditorialità, cessione dei punti vendita e di poter usufruire delle politiche attive del lavoro, mirate a favorire i ricollocamenti che saranno avviate nelle regioni interessate.

Al momento sono state perfezionate le cessioni dei punti vendita di Cesano Maderno, Pavia, Rubiera, Gravellona Toce e Sacile e salvaguardati 115 posti. Mentre sono già stati ceduti i negozi di Calenzano, Monterosi, Roma e San Giuseppe di Comacchio con la ricollocazione di 146 lavoratori.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza