Connect with us
Pubblicità

Trento

Aumento shock dei parcheggi a Trento (oltre il 40%). Ecco di chi sono le responsabilità, Maestranzi: «Hanno nascosto vigliaccamente tutto»

Pubblicato

-

Nell’ultimo assestamento di bilancio il consiglio comunale ha deciso di aumentare la tariffa oraria dei parcheggi urbani. L’aumento è considerevole: si passa dalle tariffe di 1,50 e 1,80 alla tariffa unica di 2,20 euro l’ora.

Nell’area di seconda corona, quella un po’ più esterna rispetto al centro, si passa da 1 euro a 1,20 euro l’ora. Nell’area periferica la tariffa è stata invece ridotta da 0,60 euro a 0,50 euro l’ora.

Nelle vie dell’area periferica gialla, cioè quelle  con un elevato grado di occupazione, la tariffa è aumentata da 1 euro a 1,20 euro l’ora. Rimane invece uguale la tariffa nei parcheggi ospedalieri.

Pubblicità
Pubblicità

Un’aumento shock di oltre il 40% che fa infuriare non poco gli automobilisti già costretti a pagare fior fiore di tariffe in una città dove il 99% dei parcheggi sono color blu, cioè a pagamento. Il provvedimento era stato firmato quasi 2 mesi fa ma è stato reso noto solo 3 giorni dopo le elezioni.

Ma c’è un giallo intorno all’aumento. Stamane un giornale locale ha parlato di aumento consapevole in pieno accordo con tutti i consiglieri di maggioranza e minoranza. Ebbene invece non è così.

Tutto nasce da una mozione delle lega e successivamente di un punto del maxi emendamento di Andrea Merler presentato a Luglio dove veniva chiesto di impegnare la giunta per deliberare che la mezz’ora gratis il sabato. 

Pubblicità
Pubblicità

Poi la giunta per non avere un brutto impatto sul bilancio ha aumentato tutti i prezzi, ma è evidente la sproporzione per un’aumento di oltre il 40%. Una follia.

Il mandato dato alla giunta comprendeva di stabilire le tariffe per non avere impatti negativi sul bilancio ma a saldo zero però. In questo caso invece c’è stato un vero e proprio aumento e di proporzioni gigantesche.

La giunta furbescamente ha giocato sull’ordine del giorno il cui intento doveva essere l’introduzione di una maggiore turnazione e non certo quello di aumentare il costo dei parcheggi. L’operazione doveva essere massimo a saldo zero, invece il rincaro per le tasche degli automobilisti sarà allucinante. In sintesi per il gentile omaggio di mezz’ora gratuita il sabato ora la giunta chiede un 40% in più su tutti in parcheggi di Trento. 

L’aumento è stato anche deciso per scoraggiare gli stessi automobilisti a muoversi con il proprio mezzo all’interno del centro, favorendo così mezzi alternativi come la bicicletta. Ma così facendo allontanerà ancora di più i cittadini dal centro.

«Iniziamo bene: un mese e mezzo fa la Giunta Comunale, approfittando di una decisione del Consiglio Comunale volta a rendere gratuita la prima mezz’ora il sabato, decideva l’aumento generalizzato delle tariffe dei parcheggi. E quando sono entrati in vigore? Due gg dopo le elezioni! Perché non prima? Perche’ temere delle proprie azioni? Bastava spiegarne la logica e sicuramente i cittadini di Trento avrebbero capito…»commenta il consigliere di Rinascimento Trento Dario Maestranzi che poi attacca il nuovo sindaco Ianeselli che tanta di difendere la vecchia giunta: «Caro Sindaco – dichiara Maestranzi rivolgendosi a Ianeselli –  ricordi male o te l’hanno spiegata male: il Consiglio Comunale stabilì la gratuita’ per mezz’ora il Sabato. Dando mandato la giunta di intervenire sulle tariffe perché il saldo rimanesse inalterato. La giunta di Centrosinistra, di cui facevano parte molti tuoi candidati nonché papabili nuovi assessori, ha approfittato di questa situazione per aumentare le tariffe in maniera generalizzata. Altroché saldo invariato. E soprattutto vigliaccamente nascondendolo. Non ricordo infatti annunci su tale provvedimento in campagna elettorale. Benvenuto caro Sindaco, l’eredità pesa.»

Sotto l’esito della votazione che ha visto favorevoli Il sindaco Andreatta e gli assessori Franzoia, Bungaro, Gilmozzi, Maule, Salizzoni, Stanchina ed Uez.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]
  • L’Italia e i boschi incantati: alla scoperta di fate, gnomi e folletti
    Ogni stagione con i suoi profumi e i suoi colori, invita qualsiasi escursionista ad esplorare la natura che, tra vegetazione ed alberi si mostra in tutto il suo splendore. In particolare, l’Italia è nota per essere una miniera di patrimoni artistici e culturali inestimabili capaci di scatenare la curiosità di grandi e piccini, con la […]

Categorie

di tendenza