Connect with us
Pubblicità

Trento

Il Covid rivela a tutti l’inefficienza e i problemi della scuola: a due settimane dalla riapertura ancora professori mancanti e norme incerte

Pubblicato

-

La scuola è cominciata già da due settimane ma i problemi continuano a persistere: mancano ancora gli insegnanti, le norme sono incerte e molte regole vengono disattese in una situazione che oggettivamente è difficile e del tutto nuova da affrontare

Andando ad analizzare la giornata tipica di uno studente, si parte la mattina viaggiando all’interno di unautobus generalmente sovraffollato, si arriva a scuola camminando senza mascherina e davanti alla scuola ci si ferma a parlare con i compagni o a fumare una sigaretta in compagnia. Dopo la sigaretta mattutina gli studenti si suddividono e devono accedere alla scuola da porte diverse in base alla zone in cui la loro classe si trova, naturalmente all’entrata tutti in fila uno attaccato all’altro per aspettare il proprio turno di misurare la temperatura.

Dopo aver scoperto se si ha la febbre oppure no, è il momento di entrare in classe; ci si siede sul banco nella teoria distanziato un metro da quello degli altri  con cui prima stavi parlando dell’uscita fatta il sabato sera e a questo punto ci si può togliere la “museruola”. Arrivano poi i professori che devono stare all’interno di un’area circoscritta con del nastro adesivo che alcuni (studenti e professori inclusi) chiamano recinto.

Pubblicità
Pubblicità

A questo punto gli studenti più fortunati (o sfortunati a secondo della visione) cominciano a fare lezione; i più sfortunati invece si trovano senza professore poiché come sempre ma in particolar modo quest’anno all’inizio dell’anno mancano insegnanti e alcuni studenti devono ancora cominciare a fare lezione.

Questo è il caso di Francesco di un’istituto tecnico informatico nel quale l’insegnante della sua materia d’indirizzo è arrivato solo ieri. Ma oltre alla disorganizzazione di tipo  gestionale, il Covid ha accentuato la mancanza di strumenti della scuola italiana. Su questo il ministero guidato dall’Azzolina può e deve migliorare. Ma l’organizzazione della scuola, lo sappiamo bene, è iniziata in grave ritardo.

Nelle scuole manca innovazione, si è rimasti fermi alla penna ed al calamaio e alle materie e ai metodi d’insegnamento di tipo arcaico. Sarebbe inoltre bene spendere due parole per quanto riguarda le verifiche;  i professori giustamente hanno subito cominciato a fare dei test alle classi, il problema attuale a causa del Coronavirus è che per protocollo anche le verifiche devono restare svariate giornate in quarantena all’interno di teche fatte ad hoc.

Pubblicità
Pubblicità

Ma quale potrebbe essere la soluzione di igienizzarsi continuamente le mani, di mettere le prove in quarantena quattro giorni, correggerle, rimetterle in quarantena e poi riconsegnarle?

Semplicemente l’utilizzo del computer che tra l’altro eviterebbe anche agli insegnanti di doversi dannare cercando di decifrare delle grafie a dir poco oscene.

Ma i computer all’interno delle scuole sono quasi un’utopia, o non ci sono oppure quando bisogna fare una verifica è necessario aspettare mezz’ora che i tecnici portino gli strumenti, un’altra decina di minuti per distribuirli e un paio di minuti per collegarli ad internet ed al server  per evitare le copiature da parte degli studenti più scaltri.

Sarà anche interessante capire quest’anno come si svolgerà l’alternanza scuola lavoro e come faranno gli studenti di quinta quest’anno a recuperare le ore perse a causa della pandemia.

Per ora nessuna notizia al riguardo. Insomma, il Covid ha fatto emergere la necessità di un’istruzione pubblica più moderna, tecnologica e di un’organizzazione più efficiente e volenterosa. 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il futuro abbraccia l’ecologia e la natura: anche in Italia spopola la moda delle Tiny House
    Sono conosciute come le” Students Tiny house talk”, ovvero 10 metri quadrati di vivere ecosostenibile. Si tratta di tipiche casette svedesi completamente costruite in legno dal design moderno e pensate inizialmente per ospitare universitari. L’efficienza energetica e l’impronta ecologia sono l’aspetto fondamentale di queste abitazioni che puntano a minimizzare al massimo le emissioni di carbonio […]
  • La Nasa lo conferma: sulla Luna c’è acqua ed è accessibile
    Sulla Luna c’è acqua, un annuncio clamoroso ma vero. L’incredibile notizia arriva da due studi della Nasa pubblicati su Nature. Il primo studio coordianato dalla Nasa dimostra la scoperta rilevata dal telescopio volante Sofia della molecola dell’acqua sulla Luna. Grazie al telescopio Sofia, montato a bordo di un boeing 747 ha infatti risolto il mistero […]
  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]

Categorie

di tendenza