Connect with us
Pubblicità

Trento

Il Covid rivela a tutti l’inefficienza e i problemi della scuola: a due settimane dalla riapertura ancora professori mancanti e norme incerte

Pubblicato

-

La scuola è cominciata già da due settimane ma i problemi continuano a persistere: mancano ancora gli insegnanti, le norme sono incerte e molte regole vengono disattese in una situazione che oggettivamente è difficile e del tutto nuova da affrontare

Andando ad analizzare la giornata tipica di uno studente, si parte la mattina viaggiando all’interno di unautobus generalmente sovraffollato, si arriva a scuola camminando senza mascherina e davanti alla scuola ci si ferma a parlare con i compagni o a fumare una sigaretta in compagnia. Dopo la sigaretta mattutina gli studenti si suddividono e devono accedere alla scuola da porte diverse in base alla zone in cui la loro classe si trova, naturalmente all’entrata tutti in fila uno attaccato all’altro per aspettare il proprio turno di misurare la temperatura.

Dopo aver scoperto se si ha la febbre oppure no, è il momento di entrare in classe; ci si siede sul banco nella teoria distanziato un metro da quello degli altri  con cui prima stavi parlando dell’uscita fatta il sabato sera e a questo punto ci si può togliere la “museruola”. Arrivano poi i professori che devono stare all’interno di un’area circoscritta con del nastro adesivo che alcuni (studenti e professori inclusi) chiamano recinto.

Pubblicità
Pubblicità

A questo punto gli studenti più fortunati (o sfortunati a secondo della visione) cominciano a fare lezione; i più sfortunati invece si trovano senza professore poiché come sempre ma in particolar modo quest’anno all’inizio dell’anno mancano insegnanti e alcuni studenti devono ancora cominciare a fare lezione.

Questo è il caso di Francesco di un’istituto tecnico informatico nel quale l’insegnante della sua materia d’indirizzo è arrivato solo ieri. Ma oltre alla disorganizzazione di tipo  gestionale, il Covid ha accentuato la mancanza di strumenti della scuola italiana. Su questo il ministero guidato dall’Azzolina può e deve migliorare. Ma l’organizzazione della scuola, lo sappiamo bene, è iniziata in grave ritardo.

Nelle scuole manca innovazione, si è rimasti fermi alla penna ed al calamaio e alle materie e ai metodi d’insegnamento di tipo arcaico. Sarebbe inoltre bene spendere due parole per quanto riguarda le verifiche;  i professori giustamente hanno subito cominciato a fare dei test alle classi, il problema attuale a causa del Coronavirus è che per protocollo anche le verifiche devono restare svariate giornate in quarantena all’interno di teche fatte ad hoc.

Ma quale potrebbe essere la soluzione di igienizzarsi continuamente le mani, di mettere le prove in quarantena quattro giorni, correggerle, rimetterle in quarantena e poi riconsegnarle?

Semplicemente l’utilizzo del computer che tra l’altro eviterebbe anche agli insegnanti di doversi dannare cercando di decifrare delle grafie a dir poco oscene.

Ma i computer all’interno delle scuole sono quasi un’utopia, o non ci sono oppure quando bisogna fare una verifica è necessario aspettare mezz’ora che i tecnici portino gli strumenti, un’altra decina di minuti per distribuirli e un paio di minuti per collegarli ad internet ed al server  per evitare le copiature da parte degli studenti più scaltri.

Sarà anche interessante capire quest’anno come si svolgerà l’alternanza scuola lavoro e come faranno gli studenti di quinta quest’anno a recuperare le ore perse a causa della pandemia.

Per ora nessuna notizia al riguardo. Insomma, il Covid ha fatto emergere la necessità di un’istruzione pubblica più moderna, tecnologica e di un’organizzazione più efficiente e volenterosa. 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE!
    Le soluzione di YWN – la rete nazionale delle imprese Il mondo del lavoro è oggi tormentato da una miriade di problemi ulteriormente aggravati dalla pandemia che ci accompagna ormai da quasi due anni. La... The post RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE! appeared first on Benessere Economico.
  • IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA
    La motivazione del personale strategia centrale nel business plan della ripresa. Condividere sorrisi, esperienze, riflessioni per consolidare lo spirito di squadra e la voglia di normalità negli ambienti di lavoro diventa oggi la leva principale... The post IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA appeared first on Benessere Economico.
  • Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti
    Dal 1 ottobre, come annunciato, sono scattati gli aumenti in bolletta per gas ed elettricità rispettivamente del 14,4% e del 29,8% per la famiglia tipo. Per contenere l’emergenza, il Governo ha stanziato oltre 3 miliardi... The post Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti appeared first on Benessere Economico.
  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Appartamenti moderni fatti in tubi di cemento, Hong Kong trova la soluzione per la crisi immobiliare
    L’improvviso aumento della popolazione, ha portato Hong Kong ad attraversare una crisi immobiliare dettata proprio dalla crescita della domanda di alloggi. Di conseguenza, con i prezzi immobiliari alle stelle e i sempre più scarsi spazi disponibili, l’architetto James Law ha trovato una soluzione davvero innovativa per risolvere il problema della carenza di appartamenti. L’architetto ha […]
  • Verso una caricabatterie universale per tutti i dispositivi mobili, la proposta dell’UE
    Da una proposta presentata dalla Commissione Europea, spunta la possibilità di un carica batterie universale e utilizzabile per qualsiasi dispositivo mobile. Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti, la proposta punta quindi ad armonizzare i cavi di ricarica su una serie di dispositivi elettronici venduti nell’Unione Europea. In particolare, è stato proposto di puntare sull’utilizzo del […]
  • In Cile, il meraviglioso hotel interamente ecologico costruito con container ricilati
    Negli ultimi anni, il mondo dei viaggi tende sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente tanto che la ricerca di spostamenti meno inquinanti, i cottage o le casette in legno immerse nella natura, sono diventate una vera e propria tendenza. La ricerca di alloggi in strutture sempre più originali è in […]
  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]

Categorie

di tendenza