Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Referendum: voto sì oppure voto no?

Pubblicato

-

Dalle osservazioni degli intervistati dello Speciale Referendum di “In Primo Piano”, trasmissione televisiva trasmessa da Voce24News, si possono trarre delle considerazioni utili a dare un voto consapevole: questo articolo ne riporta alcune.

Il dibattito sul sì e sul no al referendum costituzionale cui l’Italia sarà chiamata a votare domani 20 e lunedì 21 settembre 2020 infervora gli animi di taluni, ma spesso è accompagnato dalla mancanza di consapevolezza su argomentazioni ed effetti che vanno considerati per poter dare un voto consapevole.

Il numero di parlamentari in Italia, fissato oggi in 945, 630 alla Camera e 325 al Senato, ha un’origine legata alla rappresentanza, ossia avere un deputato ogni 80.000 abitanti e un senatore ogni 200.000.

Pubblicità
Pubblicità

In un secondo momento, sulla base dell’esperienza, si fissò il numero in quello attuale, ossia un deputato ogni 96.000 abitanti e un senatore ogni 192.000 circa. Il numero non era considerato elevato, nell’idea iniziale, e solo in età fascista ci fu una riduzione.

In quanto alle due camere, erano state inizialmente istituite per consentire la ponderazione e finirono poi per avere pari poteri.

Spesso in passato ci furono commissioni di studio parlamentari che proposero la riduzione del numero dei parlamentari, ma queste proposte erano inserite in un quadro più complesso di rapporto tra le due camere e delle loro funzioni, mentre quella di oggi si riferisce solo al taglio del numero dei parlamentari, per questo il referendum per molti ha un retrogusto di demagogia.

Pubblicità
Pubblicità

Con ogni probabilità una riforma sarebbe utile, ma bisognerebbe inquadrarla in un ambito più ampio, distinguendo il ruolo delle due camere e rivedendo la legge elettorale.

C’è chi ritiene che, seppur monca, la modifica della Costituzione oggetto del referendum sia comunque un passo avanti, un modo per scardinare l’immobilismo che sembra impedire qualsiasi tipo di cambiamento, ma è anche vero che i cambiamenti sono utili se portano a un’evoluzione, a dei miglioramenti, non se sono fini a se stessi.

Quando si tratta di Costituzione, è conveniente apportare delle modifiche senza avere un quadro organico e chiaro di dove queste si inseriscono? È opportuno fare dei cambiamenti e vedere come vanno le cose, riservandosi di apportare dei correttivi?

Quando le questioni sono così importanti bisognerebbe considerare i rischi, tra i quali c’è quello di mutilare il Parlamento senza nessun effetto, o peggio, di renderlo meno efficiente.

Se volessimo fare un paragone con il mondo produttivo, un datore di lavoro che vuole efficientare l’azienda, licenzierebbe la metà dei dipendenti? Il risparmio che ne deriverebbe – visto che è argomentazione ricorrente a favore del sì al referendum – andrebbe di pari passo con l’efficienza?

Senza esprimere giudizi e prendere posizioni, osserviamo i numeri e i fatti.

LA TESI DI COTTARELLI – Cottarelli ha stimato il risparmio in 57 milioni, che in rapporto ai 900.000 milioni di spesa pubblica è insignificante e si riduce a un caffè l’anno per elettore. È pur vero che qualsiasi risparmio è positivo, ma qual è la contropartita?

Lo stipendio dei parlamentari ci farà risparmiare un caffè, l’ulteriore e maggiore risparmio potrebbe invece venire da altro: meno parlamentari significa avere un numero minore di istanze che potrebbero essere portate in Parlamento; se ognuna di tali istanze comporta una richiesta di denaro, allora ci saranno meno richieste e meno uscite di cassa.

Ma in linea di principio se fosse proprio la nostra istanza a non poter essere rappresentata, forse non ne saremmo poi tanto felici; in quel caso probabilmente cominceremmo a pensare ai parlamentari che ci rappresentano come ad un investimento, anziché ad una spesa.

IL LAVORO DEI PARLAMENTARI –  poi c’è la questione del lavoro che i parlamentari sono chiamati a svolgere. Il pubblico televisivo resta indignato nel vedere le aule vuote al momento delle interrogazioni parlamentari, urlano all’assenteismo, immaginando gli stra pagati politici a sollazzarsi per Roma anziché lavorare come chiunque altro. Ma quelle persone tanto indignate, si sono mai chieste il perché di quelle aule vuote?

Conoscono il lavoro che viene svolto in simultanea nelle commissioni parlamentari che hanno il compito di definire i disegni di legge prima di discuterli in Parlamento? Se il numero di parlamentari diminuirà, non varrà lo stesso per le commissioni e per la mole di lavoro che devono svolgere. Quindi cosa potrà succedere?  Cosa accade in azienda se il lavoro da portare avanti rimane uguale, ma vengono dimezzati i dipendenti? Come fanno le persone rimaste a svolgere tutto il lavoro che prima facevano i loro colleghi?
Pensiamoci.

LA QUALITÀ DEI PARLAMENTARI – Un’altra questione che viene spesso richiamata all’attenzione dei cittadini, e che inevitabilmente suscita il loro interesse, è la qualità dei parlamentari. Oggi ci sono troppi parlamentari, non valgono quel che dovrebbero e quindi con il taglio si avranno meno parlamentari e di maggiore qualità. Dirlo è facile, ma nella pratica come si fa ad avere parlamentari migliori?

Non sarà di certo la riduzione del numero in sé; potrebbe esserlo la modifica della legge elettorale? Più facilmente dipende da chi si candida, prima ancora di chi arriva in Parlamento. La disaffezione alla politica, probabilmente, è il vero problema.

I cittadini devono avere la possibilità di eleggere persone capaci, competenti, che conoscono la macchina pubblica, che hanno esperienza.  Un operaio qualificato produce meglio di uno alle prime armi o con minori skills. Lo stesso vale per i politici. Questo consente di avere migliore qualità delle persone e del loro lavoro, non il loro numero.

IL CONFRONTO CON GLI ALTRI PAESI EUROPEI – Ulteriore questione che viene richiamata per indurre a votare sì, è il confronto con altri Paesi europei e con gli Stati Uniti. Ebbene, per valutare è necessario contestualizzare e questi paragoni rischiano di farci confrontare le mele con le pere, detto in gergo molto pragmatico.

Il confronto con la Germania è all’ordine del giorno, ma osserviamo le cose con oggettività.

Il Bundestag, la camera bassa tedesca, ha 709 componenti e la camera alta Bundesrat, ne ha 69, ma hanno competenze differenti – diversamente dalla situazione italiana.
Il Bundestag, ossia il corrispettivo della nostra Camera dei Deputati, è la camera politica e il Bundesrat, il nostro Senato, rappresenta gli Stati con dinamiche diverse dalle nostre.

I Lander impongono ai loro rappresentanti di votare tutti nello stesso modo, quindi che siano 69, 300 o qualsiasi altro numero, non fa differenza. Ancora una volta non è il numero che conta, ma le funzioni e le dinamiche.

In quanto agli Stati Uniti, innanzitutto bisogna ricordare che si tratta di un governo presidenziale e non rappresentativo. Il senato americano ha 100 senatori che rappresentano i loro stati di provenienza – sappiamo che gli Stati Uniti sono formati da 50 stati confederati – ma non è la camera elettiva.

Il congresso è formato quindi dal Senato che è espressione degli Stati in numero uguale e dalla camera che ha 435 deputati che rappresentano il popolo, ma anche in questo caso non è il numero ad essere significativo, lo è piuttosto la capacità di saper espletare adeguatamente le sue funzioni.

Negli Stati Uniti le funzioni rappresentative non si misurano solo sui rappresentati politici, ma anche su altri meccanismi di governance esterni al Parlamento che, insieme a quest’ultimo, consentono la rappresentanza degli interessi del Paese.

Pensiamo alle lobby; in USA hanno un ruolo molto importante e sono regolamentate, qui no e a volte arrivano a bypassare il Parlamento. La sostanza di questo discorso è che il numero dei parlamentari non può essere confrontato in modo assoluto, ma va contestualizzato. Da noi questo famigerato numero è un fattore di equilibrio e se si fa un cambiamento repentino non è detto che porti a un risultato apprezzabile.

LE PERSONE VOGLIONO VOTARE SÌ E OTTENERE UN CAMBIAMENTO? Bene, l’importante è che sia una scelta consapevole, dettata dalla conoscenza dei fatti e da valutazioni che esulano dalle motivazioni anti politica.

Se il motivo per cui si vuole mandare a casa la metà dei parlamentari è dettato dall’insoddisfazione, dalla frustrazione, dal pensiero che vengono pagati molto per fare poco, è bene essere consapevoli che siamo noi a votarli e a mandarli in Parlamento; dovremmo quindi avere maggiore accortezza nella scelta di chi vogliamo che ci rappresenti.

È utile e importante fare una riflessione su cosa davvero conosciamo delle istituzioni, del loro funzionamento, dei loro meccanismi e chiederci cosa comporta la modifica della Costituzione e quali ne saranno gli effetti.

Una volta presa la decisione, non è così facile tornare indietro, stiamo decidendo della Costituzione, non di un decreto legge; ricordiamolo. Vista la complessità dell’argomento – e potrebbe essere ulteriormente approfondito – sorge spontaneo pensare che sarebbe forse opportuno che fossero i rappresentanti politici conoscitori della macchina pubblica a decidere di una tanto articolata e delicata questione.

Per ascoltare la voce diretta degli autorevoli intervistati, si può guardare l’intero reportage su Voce24News

a cura di Iris Devigili

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze
    Dopo anni di pressione dell’Unione Europea, Whasington cede e apre la possibilità di una tassa digitale globale per le multinazionali del web. Di cosa si tratta e come funziona L’accordo parla di un’imposta minima del... The post Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze appeared first on Benessere Economico.
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]
  • Tempo di vacanze: conoscete già l’Hotel Alpen Tesitin a Tesido?
    A Monguelfo si trova un eccezionale luogo di benessere e relax, dove ci si dedica ai piaceri della bella vita. Gli spazi inondati di luce e la piacevole sensazione di essere a proprio agio sono frutto dell’arte dell’accoglienza che si respira dal primo momento durante le vacanze in Val Pusteria all’Hotel Alpen Tesitin. La posizione […]

Categorie

di tendenza