Connect with us
Pubblicità

Musica

La musica «live» a Trento: un problema rimasto irrisolto troppo a lungo

Pubblicato

-

Trento, città d’arte e di architettura, di musei e di natura, sede di una importante Università e di una rinomata Fondazione di Ricerca, sede internazionale di Festival del Cinema della Montagna e dell’ Economia … non riesce proprio a convivere con la musica live.

Se non fai parte di un coro della montagna, di una banda comunale o dell’Orchestra Haydin è come essere affetti dal Coronavirus, per questa città non fai musica, fai solo rumore.

Eppure i musicisti in regione sono tanti e rappresentano ogni tipo di genere musicale: dagli irriducibili reduci degli anni ’60 ai cantautori, cover e tribute band, i cultori del jazz, del blues, del rock, dell’heavy metal, del pop, dell’hip pop, del gospel e tutte le nuove leve del rap, trash, noise e musica elettronica.

Pubblicità
Pubblicità

Non mancano neppure gli interpreti della musica latino-americana, del folk e del liscio, deejay, karaoke e pianobar. Tutti però con un denominatore comune, in città si fa fatica a suonare condannati da una burocrazia disarmante e vessati da regolamenti miopi ed ignoranti.

Ad ogni tornata elettorale e cambio amministrativo c’è sempre qualcuno che tira fuori l’argomento e fioccano le proposte di nuove regole per risolvere il problema. Non ci siamo fatti mancare nulla nel corso di questi ultimi anni fra cui la perla di proposta del 2012 per l’utilizzo della strumentazione amplificata con alcune limitazioni che rende chiara l’incompetenza e l’ottusità della stessa: limitazione alle ore 22,00 dell’orario di chiusura dell’evento, nessuna amplificazione per batteria e/o strumenti a percussione, limitazione a n.4 suonatori nel caso di band musicali, utilizzo di massimo due diffusori sonori liberi (casse acustiche) da posizionare in alto rivolti verso il suolo e quindi non in direzione degli edifici limitrofi, limitazione per il diffusore tipo “subwoofer” al solo basso elettrico.

Idiozie del genere e continue successive deroghe su deroghe sempre peggiorative, il limite di 4 appuntamenti mensili all’esterno con strumentazione acustica senza alcun tipo di amplificazione o diffusione sonora, non solo hanno reso incomprensibile qualsiasi regolamento di Polizia Urbana per le esibizioni di musicisti dal vivo, ma hanno costretto molti gestori ad abbandonare l’idea di proporre musica live per non incorrere in continue sanzioni.

Pubblicità
Pubblicità

Tra i casi più clamorosi quello del locale e della band che, lo scorso giugno (2019) sono stati obbligati al pagamento della multa (179 euro) per il mancato rispetto del regolamento dopo che i musicisti avevano eseguito, a richiesta del pubblico, il bis di un pezzo facendo slittare la conclusione del concerto dalle ore 23,00 alle ore 23,10!

Perché se è vero che nessuno è più in grado di essere aggiornato su quale altra demenziale deroga sia stata aggiunta al fantomatico “regolamento” è anche vero che i solerti tutori dell’ordine, a loro dire, sempre sollecitati dalla potente e misteriosa “lobby dei residenti in centro” che hanno il loro numero memorizzato sullo smartphone, arrivano puntuali a sanzionare i locali per lo sforamento dell’orario anche di 5 minuti, per una personale valutazione di impatto acustico o perché i Clienti si attardano all’esterno del locale a fine concerto.

Eppure la musica dal vivo è l’esperienza più intensa che si possa provare ed i concerti sono capaci di unire le persone più di ogni altra cosa e se, connettersi alle persone non è mai stato così facile grazie alla tecnologia, è difficile creare delle relazioni reali con le persone e la musica live è l’antidoto alle esperienze solo “virtuali e digitali”.

I fan della musica live sono veri e propri catalizzatori culturali, viaggiano per assistere ai concerti, spendono nei locali e sono molto influenti fra i loro coetanei. La musica è memoria di incontri, avvenimenti importanti o anche di interi periodi di vita di ognuno di noi.

Le canzoni possono essere utilizzate per raccontare avvenimenti, diffondere ideologie e pensieri politici, idee di rivolta e ribellione grazie al coinvolgimento emotivo dell’unione fra parole e musica. La musica è anche aggregazione e integrazione e non è raro trovare sul palco band multietniche con diverse estrazioni e generi musicali in cui le differenze culturali non solo coesistono, ma dialogano fra loro dando vita a un’arte musicale assolutamente nuova.

La musica è un canale universale di comunicazione che supera ogni barriera culturale e linguistica. A Trento ci sono molti luoghi ormai degradati ed abbandonati alla microcriminalità. La musica potrebbe essere l’arma segreta per il recupero di questi spazi dando modo ai trentini di riappropriarsi di suggestivi angoli della propria città, ma serve una programmazione ragionata ed intelligente, non bastano le Feste Vigiliane o una Notte Bianca all’anno! Ma i musicisti trentini continueranno a “fare rumore”, il rumore della speranza che qualcosa possa cambiare!

A cura di Giorgio Cascone

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]
  • Botticelli va all’asta: raro dipinto, valore stimato 80 milioni di dollari
    La straordinaria stagione del Rinascimento italiano ammirato da tutto il mondo grazie al domino culturale, economico e sopratutto artistico di quegli anni, attira nuovamente l’attenzione a causa del recente annuncio d’asta di un capolavoro del Botticelli. La nota casa d’Aste Sotheby’s ha infatti comunicato che nel gennaio 2021 verrà messo all’asta un magnifico dipinto del […]

Categorie

di tendenza