Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

I segreti del Duomo di Trento

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Il passante, o il turista, che si trova a percorrere la piazza principale di Trento e ad ammirare la Cattedrale dedicata a San Vigilio, non sa che la Cattedrale “parla” al visitatore attraverso le sue sculture e architetture.

Un linguaggio del tutto particolare fatto di simboli, iscrizioni e incisioni che risalgono principalmente all’epoca della sua ricostruzione per volere del principe vescovo Federico Vanga (?-1218). Questa simbologia e la sua storia è stata ricostruita nei due principali volumi dedicati al Duomo, curati dallo storico dell’arte Enrico Castelnuovo, e poi in un sito web ideato dalla Diocesi di Trento.

Proprio grazie a queste pubblicazioni è oggi possibile conoscere la simbologia nascosta della Cattedrale di San Vigilio. Una simbologia che non è solo di tipo religioso, ma anche laica, come quella nascosta dalla popolare Ruota della Fortuna, ovvero il rosone del Duomo che guarda verso la Fontana del Nettuno.

Pubblicità
Pubblicità

Una simbologia ancora oggi straordinariamente attuale perché la figura della Fortuna, sistemata al centro del rosone ricorda al passante che la vita è legata al ciclo inesorabile del tempo ed è un continuo oscillare di momenti funesti e momenti di trionfo.

I dodici petali del rosone simboleggiano le ore del giorno, o i mesi dell’anno, e la Fortuna, al centro, rappresenta l’atto simbolico di muovere i dodici petali, ovvero la sorte degli uomini raffigurati nella ghiera esterna del rosone. Sono dodici omini che rappresentano gli sfortunati, in posizione rovesciata, e i fortunati, in alto, dove il punto di massima felicità è raffigurato dall’uomo in cima alla ghiera che brinda con due coppe.

Un significato del tutto originale per un edificio religioso, ma non l’unico fuori da questo contesto. Infatti, al di sotto della Ruota della Fortuna, sulla fiancata settentrionale compaiono tre linee orizzontali che ricordano le antiche misurazioni utilizzate dai mercanti di Piazza Duomo per la vendita di stoffe, legna e pali di rincalzo delle viti. Ma i significati simbolici della fiancata settentrionale del Duomo non si esauriscono qui.

Pubblicità
Pubblicità

Sulla stessa fiancata compare la bellissima Porta del Vescovo, in stile romanico, coperta da un “baldacchino” con colonne sostenute da due leoni in pietra. Due leoni grandi e fieri che fanno da guardiani al Duomo di Trento, secondo l’antica fama dell’animale di dormire ad occhi aperti. Non a caso, a fianco della Porta del Vescovo, una delle porte principali del Duomo è stata sistemata la celeberrima “Madonna degli Annegati”, così chiamata per la consuetudine di deporre davanti a lei i cadaveri degli annegati del fiume Adige o delle rogge che un tempo attraversavano la città.

Molti altri significati sono veicolati dalle decorazioni esterne del Duomo di Trento. Ad esempio la zona del Duomo corrispondente all’abside, la parte più bella e più antica della chiesa ha un apparato decorativo di grande valore simbolico.

Tra queste decorazioni non sfugge all’occhio del visitatore la stupenda galleria di doppie colonne con la cosiddetta “colonna ofitica” (“òphis” dal greco serpente), ovvero una doppia colonna unita da un “nodo” in pietra. Un nodo dalla forte carica simbolica e il cui significato è molto antico, perché allude al Tempio di Salomone al quale si richiamava idealmente la chiesa cristiana.

Secondo la leggenda è il nodo che si formò fra i capelli del giovane Salomone, figlio di Davide, e re d’Israele, come monito ad essere più buono nei confronti delle persone che lo circondavano. Abbracciando le persone che vedeva, il nodo si scioglieva.

Questi nodi si ripetono all’esterno del Duomo e sono un avvertimento a percorrere una vita all’insegna dell’amore verso il prossimo. Un messaggio analogo è veicolato dai grifoni alati – testa e ali d’aquila e corpo di leone – che sostengono le due imponenti coppie di colonne annodate che incorniciano la finestra principale del Duomo, quella che illumina la zona dell’altare con la prima luce del mattino. Questi animali fantastici tengono tra le zampe un drago a rappresentare la vittoria del bene sul male.

Infine, ma non meno importante è curioso segnalare la lastra incisa, incastonata ai piedi dell’abside del Duomo, che oltre a ricordare l’antica zona cimiteriale di Trento ricorda la firma del costruttore, Adamo d’Arogno (originario delle Diocesi di Como), e la data 1212 relativa all’edificazione della Cattedrale di Trento. Epigrafi di questo tipo sono rare da trovare nelle chiese medievali; qui fu collocata verso la fine del XIII secolo, al fine di indicare il luogo della sepoltura di Adamo d’Arogno, ma anche quello dei suoi discendenti che intendevano celebrare i meriti del loro avo, ricordato come architetto dei lavori, e il ruolo della loro famiglia nella costruzione della Cattedrale di Trento.

Questi in breve sono alcuni dei tanti simboli e delle iscrizioni celate dall’apparato decorativo e architettonico della Cattedrale di Trento. Simboli ed epigrafi che oggi non tutti conoscono, ma che un tempo probabilmente sapeva leggere il fedele che entrava in chiesa e osservava l’immensa struttura del Duomo di Trento.

Una struttura non solo fatta di opere d’arte, ma anche come abbiamo visto di “parole” e immagini nascoste tra le pietre e le sculture di una delle chiese più importanti del Trentino.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento7 ore fa

Scuola, stop all’obbligo di indossare le mascherine per personale e alunni

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

“Quello che possiamo imparare in Africa”: Cavareno incontra don Dante Carraro

Trento8 ore fa

Sanità trentina: 4,5 milioni di euro per abbassare le liste di attesa

Valsugana e Primiero9 ore fa

Era evaso dai domiciliari, 25 enne del Burkina Faso arrestato a Levico Terme

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

La Pro Loco di Tassullo si rinnova: Luca Pilati è il nuovo presidente

Arte e Cultura10 ore fa

Il Mart a Palazzo Libera e al Parco Guerrieri Gonzaga di Villa Lagarina

Trento11 ore fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e 324 contagi nelle ultime 24 ore

Trento11 ore fa

Ancora un incidente nei boschi dell’Altipiano di Brentonico: ferito un boscaiolo 72 enne

Fiemme, Fassa e Cembra11 ore fa

Maltempo in Alta Val di Fassa, dichiarato lo stato di calamità

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

Anche il Comune di Spormaggiore è “cardioprotetto”

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

L’Asuc di Tuenno sistema la strada forestale, il consigliere Santini si complimenta col direttivo

fashion13 ore fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Italia ed estero13 ore fa

Lancia pietre sulle macchine in autrostrada e minaccia di tagliarsi la gola: bloccato col taser 22 enne egiziano

Alto Garda e Ledro14 ore fa

A Ferragosto la solenne celebrazione votiva di Santa Maria Assunta

Rovereto e Vallagarina14 ore fa

Violento scontro tra un furgone e una corriera a Santa Lucia di Ala, ferito un 48 enne

Val di Non – Sole – Paganella2 giorni fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Fiemme, Fassa e Cembra4 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento2 giorni fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

Trento2 giorni fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Rovereto e Vallagarina1 giorno fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

Trento2 giorni fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Val di Non – Sole – Paganella3 giorni fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Val di Non – Sole – Paganella1 giorno fa

Escono di strada con la moto, deceduti due motociclisti

Trento2 giorni fa

Grosso incendio presso la discarica Podetti. In azione decine di vigili del fuoco

Rovereto e Vallagarina2 giorni fa

Lavarone: anche oggi si cerca senza sosta il corpo di Willy

Rovereto e Vallagarina1 giorno fa

“Ciao Willy, avrai un intera comunità che pregherà e si ricorderà di te, buon viaggio” il saluto del Comune di Lavarone

fashion13 ore fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Trento3 giorni fa

1.000 euro ad una famiglia trentina: l’Hotel dovrà risarcire il 50% della vacanza

eventi3 giorni fa

Miss Italia: ad Andalo vince la 18 enne Isabel Vincenzi

Italia ed estero1 giorno fa

29 enne austriaca rifiuta un’eredità di 4 miliardi di euro

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza