Connect with us
Pubblicità

Politica

Mauro Corazza (Agire): un nuovo piano di viabilità e obiettivi ambiziosi per la Trento del futuro

Pubblicato

-

Dall’età di 12 anni lo chiamano «Scudo», «un soprannome a cui sono molto legato e che porto con me fin dalla tenera età» – spiega con orgoglio Mauro Corazza candidato di Agire per il Trentino alle prossime elezioni comunali e coordinatore del movimento su Trento.

Da allora ne sono passati altri 32 di anni e molte cose sono cambiate: da adolescente che calcava i campi di calcio di Gardolo e Cristo Re a uomo felicemente sposato con due figli di 6 e 4 anni, un lavoro e una grande passione: la politica. L’impegno lavorativo lo vede a stretto contatto con strutture alberghiere su molte delle nostre splendide località turistiche andando a fornire consulenze nel settore dell’arredo tessile per il quale ha recentemente integrato la sua formazione frequentando un corso per interior&home design.

Per il movimento segue le tematiche legate allo sviluppo urbanistico della città e le politiche turistiche. «Da coordinatore sono riuscito a creare un ottimo gruppo che condivide idee e valori, dando sempre spazio alle proposte piuttosto che alle polemiche»

Pubblicità
Pubblicità

Dove si colloca Agire per il Trentino?

“Agire per il Trentino è un movimento territoriale che si presenta a sostegno della candidatura di Marcello Carli a sindaco di Trento. Un nuovo progetto che si propone come alternativa ai classici schemi, una realtà che trova radici nell’area moderata e che grazie alla sua determinazione e concretezza vuole proporsi ai cittadini con le proprie idee e competenze.”

Quale è stato il percorso fatto da Agire per il Trentino finora?

Pubblicità
Pubblicità

“Il percorso di Agire verso le elezioni comunali è iniziato nel settembre scorso quando con il nostro tour interAgire abbiamo organizzato tre mesi di incontri su tutte le circoscrizioni raccogliendo molte informazioni su quello che funziona e su cosa bisogna invece lavorare. Molto spesso ci è capitato di ascoltare richieste disattese dall’amministrazione e su questo vorremmo porci in maniera del tutto differente.”

Quali indicazioni avete ricevuto da queste serate?

“Molte richieste di ascolto e di confronto che spesso sembra essere mancato. La città ha bisogno di una visione di medio-lungo termine per porsi degli obiettivi ambiziosi ma deve allo stesso tempo dare importanza a quanto i cittadini vivono nel quotidiano. Messa in sicurezza di attraversamenti pedonali, eliminazione delle barriere architettoniche, prolungamenti di percorsi ciclabili e messa in sicurezza degli ingressi e uscite dalle scuole sono solo alcuni esempi che devono avere la stessa importanza di un ipotetico interramento della ferrovia.”

Altri punti del vostro programma?

“Un nuovo piano di mobilità che privilegi il sistema pubblico e quello privato alternativo all’auto, rinverdimento delle aree urbane, la riscoperta delle periferie con attività continue e programmate, riqualificazione urbana del centro storico, nuovi eventi e festival che tengano viva e vissuta la città, importanza fondamentale allo sport al quale si deve riconoscere una valenza sociale di aggregazione positiva, attività per le famiglie da valorizzare come nucleo fondante della società, attenzione alla sicurezza cui dedicare anche uno specifico assessorato. I grandi progetti con particolare attenzione alla qualità dello sviluppo turistico con il Monte Bondone che deve tornare protagonista, la cittadella dello sport e la revisione del piano destra Adige che dovrà coinvolgere anche ex-Sit, San Severino e lo stadio Briamasco.”

Ci sono ulteriori proposte?

“Un nuovo modo di amministrare con la riscoperta delle assemblee pubbliche come partenza di ogni confronto e discussione per riavvicinare cittadini e politica. In tal senso immagino che i lavori delle commissioni consiliari si possano svolgere pubblicamente anche sul territorio. Revisione del regolamento comunale nei punti che riguardano la durata degli interventi in aula: troppo tempo a discutere che porta inevitabilmente a rallentare le decisioni e fanno viaggiare politica e città con ritmi completamente diversi.”

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza