Connect with us
Pubblicità

L antipatico

Il Pio Franco Ianeselli e le suore del Sacro Cuore di Trento

Pubblicato

-

Iniziamo con un breve riassunto di una dolorosa vicenda di Trento da anni in balìa di una minoranza gay (sempre meno gaia e sempre più aggressiva) che ci viene restituita in questa lettera di un cattolico seriamente preoccupato per le sorti della sua città.

La vicenda vissuta dall’Istituto Scolastico “Sacro Cuore” di Trento, negli ultimi 5 anni, è incresciosa ed emblematica della falsità e della menzogna tipica della sinistra.

In primo luogo della CGIL, guidata all’epoca dei fatti da Franco Ianeselli, il quale ha creato ad arte un polverone pazzesco, che gli ha permesso di distorcere la realtà, accusare ingiustamente e interpretare in modo arbitrario i fatti accaduti.

Pubblicità
Pubblicità

La questione riguardava, e riguarda tuttora in quanto non conclusa, una “controversia” di lavoro tra una insegnante lesbica o presunta tale, in quanto non si è mai dichiarata e l’Istituto stesso.

Primo e secondo grado di giudizio, entrambi estremamente sfavorevoli al Sacro Cuore, con una assurda condanna ad un risarcimento di circa 64.000 euro, a carico del Sacro Cuore. Una sentenza “ideologica-politica” figlia dell’imperante “politicamente corretto”.

Il 5 maggio 2017 l’Istituto delle Suore ha fatto ricorso in Cassazione, la quale a tutt’oggi, dopo oltre tre anni, non si è ancora espressa.

È evidente che è difficilissimo un bilanciamento dei diritti, o presunti tali. In primo e secondo grado i diritti erano tutti dell’insegnate lesbica o presunta tale, con sentenze da regime totalitario.

Purtroppo la superiora del Sacro Cuore nel frattempo è venuta a mancare, e non potrà vedere come si pronuncerà la Cassazione, che, prima o poi, dovrà pur farlo. Il sospetto, a questo punto, è che si aspetti l’approvazione del ddl Zan, per avere via libera alla conferma arbitraria della sentenza di secondo grado.

Al sottoscritto l’intera vicenda appare come un vespaio, dove chiunque mette le mani rischia moltissimo. Lo scopo politico, però, è la soppressione della scuola cattolica nel suo insieme, non solo del Sacro Cuore di Trento.

A Genova è già successo. Il problema è di Libertà e prima ancora di Verità, che va riconosciuta e rispettata. Per questo vale la pena di lottare e opporsi, sul piano civile e politico, al tentativo di sopprimere la scuola cattolica, anche solo pensando che storicamente è stata la Chiesa Cattolica ad inventare la scuola, che prima non esisteva”.

La prima cosa che viene da chiedersi è la seguente: una scuola cattolica è libera o meno di fare una scelta culturale secondo la dottrina cattolica, oppure è obbligata a seguire il vangelo politicamente corretto che prevede gender, gay e droga libera?

E poi: una suora che ha fatto una scelta di vita e religiosa ben precisa e che dirige una scuola cattolica, in coscienza, è libera o meno di scegliere un insegnante adatto per i bambini che le sono stati affidati da famiglie cattoliche?

Questa vicenda dolorosa e crudele del 2017, legata all’Istituto del Sacro Cuore di Trento, vede in primo piano il ruolo di Franco Ianeselli, sindacalista, segretario provinciale della Cgil, ora candidato sindaco per la città di Trento, e il ruolo dell’avvocato Alexander Schuster che ha assistito la donna, insegnante di educazione artistica, a cui l’Istituto del Sacro cuore non aveva rinnovato il contratto. Naturalmente Schuster è candidato ora nella coalizione del centro sinistra a sostegno di Ianeselli.

Questa vera batosta ha messo in ginocchio il Sacro Cuore, causando solo tanto dolore e tanta angoscia in tutta la città di Trento per i toni così crudeli ed aggressivi adottati da Ianeselli e da Schuster: eppure, una grande soddisfazione venne espressa da Ianeselli anche sui media nazionali. E’ da ricordare che, oltre all’insegnante, l’istituto Sacro Cuore ha dovuto pagare 10.000 euro alla Cgil e alla Associazione radicale “Certi Diritti”.

Questa batosta è il frutto avvelenato di un disprezzo e di un odio per il mondo cattolico, mondo a cui adesso l’ex sindacalista di sinistra guarda per rimpolpare il suo elettorato.

Ianeselli sembra addirittura, un’altra persona, nello sfondo celeste dei suoi manifesti, nell’aria serafica con cui cita ovviamente Chiara Lubich e Alcide Degasperi, pontifica sul Concilio di Trento e nel proliferare di selfie su sagrati delle chiese di San Pietro, Santa Maria e Piazza Duomo ed altre ancora…

Eppure in passato spiccano altre sue battaglie “de sinistra” che non hanno nulla di cattolico, in prima linea con striscione Cgil, come quella che lo ha visto in prima linea a favore del Dolomiti Gay Pride, il festival dell’orgoglio gay, insieme ai politici del PD, Alessandro Olivi, Sara Ferrari, Anpi e drag queen: Gay Pride dove i religiosi sono stati ridicolizzati e umiliati da provocazioni a dire poco sacrileghe.

Ianeselli e i suoi candidati sono dei paladini delle teorie Lgbt, che PAPA FRANCESCO ha definito “uno sbaglio della mente perché creano confusione con progetti educativi e orientamenti legislativi che promuovono un’identità personale e un’intimità affettiva radicalmente svincolate dalla diversità biologica fra maschio e femmina, dal diritto del bambino a crescere in una famiglia con un papà e una mamma: cattiveria che oggi si fa con l’indottrinamento della teoria gender questo è contro le cose naturali, fare insegnamenti nelle scuole su questa linea, per cambiare la mentalità, io chiamo questa colonizzazione ideologica”.

Le liste che sostengono Ianeselli sono piene zeppe di cattolici o sedicenti tali, annacquati dal politically correct tra atei devoti che contrabbandano valori eticamente sensibili con poltrone e cariche prezzolate, vecchi dinosauri della prima repubblica in odore di tangentopoli e riciclati politici che gridano al miracolo per il restauro alla buona di qualche sperduta chiesetta e snocciolano i santi del giorno.

Tutti insieme, appassionatamente, con femministe radicali, entusiasti di eutanasia libera, aborto chimico, gestazione per altri comunemente detta utero in affitto, adozioni da parte di omosessuali, abolizione dei termini mamma e papà con genitore 1 e genitore 2, anarcoidi, antagonisti, centri sociali, spacciatori di droga e infatuati per l’islam disposti alla sottomissione, ovviamente spacciata per dialogo interreligioso.

E l’elettorato cattolico che farà? starà a guardare questa coalizione rossa baizuo’? I cattolici seri si sveglieranno, o saranno superflui, come al solito?

Interessante anche il termine, una sorta di neologismo, che riassume un po’ tutta questa pagliacciata: Baizuò è un termine cinese dispregiativo che significa sinistra bianco e si riferisce a quella elite liberal, progressista e radical chic, tutta ponti e porti aperte, ambientalista da salotto, ossessionati dal politically correct, gender e immigrazionista ad oltranza: ebbene avremo il primo candidato sindaco autenticamente baizuò, o meglio celeste baizuò, vista la sua provvidenziale conversione sulla via Belenzani.

Non a caso, il candidato Ianeselli aprì la sua campagna elettorale in periodo Covid, con il memorabile slogan Abbraccia un cinese: chi di cinese ferisce….

Insomma, tra sinistri gay pride a go-go e bastonate alle suore del Sacro cuore, per l’ateo devoto Ianeselli val bene una messa. Rimane il mistero di come un cattolico serio possa votare Ianeselli, il PD e una coalizione imbarazzante profondamente e radicalmente anticristiana. È un mistero, o semplicemente, un caso di schizofrenia.

Da notare infine: Salvini mostra una piccola coroncina ed urlano allo scandalo, sbraitano indignati parlando di strumentalizzazione della religione: qui, invece siamo in piena libertà di espressione, poiché se sono loro a utilizzare i simboli e i riferimenti religiosi, è tutt’altro che indecente, anzi, è cosa buona e giusta, perché loro sono i più bravi e i più degni, erto sono i più furbi e, di sicuro, i più cialtronescamente spregiudicati.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento23 minuti fa

Poste italiane: 519 interventi nei 148 piccoli Comuni della provincia di Trento

Alto Garda e Ledro1 ora fa

Bocconi avvelenati a Tenno, la segnalazione del Comune: “Ora è caccia ai responsabili”

Valsugana e Primiero2 ore fa

Pergine: autista scuolabus senza Green pass. I carabinieri lo fanno scendere. Per lui multa e sostituzione

Trento3 ore fa

Plateatici, la Provincia aiuta gli esercizi commerciali. Per la Corte Costituzionale è illegittimo

Trento4 ore fa

Morte di Sergio Tell: riemerge il problema sicurezza. In via Alto Adige in arrivo due autovelox

Italia ed estero4 ore fa

Parlamento Europeo, approvata Riforma EMA: più poteri per l’Agenzia del Farmaco

Trento4 ore fa

Omicidio Deborah Saltori: Cattoni ora rischia l’ergastolo. L’atto violento aggravato dalla crudeltà

Piana Rotaliana4 ore fa

Raddoppio della linea del Brennero, l’incontro con gli amministratori della Rotaliana

Italia ed estero5 ore fa

Quirinale, Ipotesi voto dall’automobile per i positivi al covid: il parcheggio sarà attrezzato a seggio

Arte e Cultura5 ore fa

«Celebrare per crescere – Speciale Autonomia Trentino Alto Adige»: oggi la prima puntata su Voce24news

Trento5 ore fa

Prodotti vinicoli: alla scoperta dei vini bianchi più amati del momento

Arte e Cultura5 ore fa

Tornano le domeniche gratuite al museo: domenica al Mart l’arte è gratuita

Io la penso così…6 ore fa

Mancato intervento chirurgico: «Completamente abbandonati negandoci così un diritto essenziale alla salute» 

Trento6 ore fa

Il mese prossimo il progetto definitivo per la messa in sicurezza della curva del palloncino

Arte e Cultura6 ore fa

A Trento e a Rovereto ecco “Patria”, la rilettura di Roberto Zappalà sul concetto di patria e di appartenenza

Trento3 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento2 settimane fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento2 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento4 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento4 settimane fa

Coronavirus: nessun decesso e 139 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 3 vittime e 502 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un grande parco…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per…

Necrologi

Categorie

di tendenza