Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Elezioni comunali, a Peio la sfida è tra Aldo Bordati e Alberto Pretti

Pubblicato

-

Aldo Bordati, a sinistra, e Alberto Pretti, a destra: uno dei due sarà il nuovo sindaco di Peio

Da una parte Aldo Bordati, imprenditore nell’ambito dell’elettronica e telecomunicazioni, nonché consigliere di minoranza, e Alberto Pretti, geometra libero professionista.

A Peio è corsa a due per la poltrona di sindaco. Quella per la successione al primo cittadino uscente Angelo Dalpez, giunto ormai agli sgoccioli del suo terzo mandato, è una partita elettorale che si preannuncia combattuta e avvincente.

“INNOVIAMO PEIO”: COME VORRESTI LA TUA VALLE DI DOMANI? Aldo Bordati, 35 anni, è stato consigliere in Comunità di Valle dal 2010 al 2015, presidente del Comitato Grandi Eventi Val di Sole ed è membro del cda di Pejo Funivie e dell’Apt.

Pubblicità
Pubblicità

Ad affiancarlo in questa nuova avventura elettorale c’è la lista “Innoviamo Peio”, formata da Sonia Berti (36 anni), Ivan Daldoss (45 anni), Enrico Dallavalle (33 anni), Katia Gabrielli (36 anni), Daniel Gionta (28 anni), Mauro Gionta (37 anni), Ilaria Groaz (28 anni), Silvana Iachelini (49 anni), Matteo Longhi (20 anni), Franco Moreschini (41 anni), Helga Moreschini (47 anni), Sara Moreschini (30 anni), Paolo Paternoster (49 anni), Vito Pedergnana (61 anni) e Luca Veneri (33 anni).

Come vorresti la Val di Peio di domani?” è la domanda su cui è incentrato il programma elettorale del gruppo. «Per noi è fondamentale il benessere della persona, vogliamo tornare al dialogo e capire le esigenze della gente – spiega Bordati –. Stiamo assistendo a uno spopolamento delle frazioni, dobbiamo incentivare le persone a rimanere sul territorio».

Per Bordati e la sua squadra non basta portare avanti delle politiche sociali adeguate, occorre anche progettare interventi mirati e funzionali, che abbiano ricadute positive su diversi settori. «Per esempio i parco giochi o le aree ludico-sportive in fase di realizzazione potranno avere effetti incisivi anche su commercio e turismo».

Pubblicità
Pubblicità

Importante sarà inoltre investire sulle infrastrutture, oltre al recupero di aree a prato e pascolo. «L’intenzione è di riportare il municipio a Cogolo – rivela in conclusione Bordati – ma anche dar vita al polo delle associazioni alle ex scuole, oltre a realizzare il polo interrato per ospitare Vigili del Fuoco e Protezione Civile con la piazzola per l’elicottero: una struttura moderna e sostenibile».

“IL FUTURO È OGGI”: ESPERIENZA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ – Il geometra Alberto Pretti, 55 anni, ha scelto di mettersi in gioco forte di un’esperienza professionale trentennale nel settore tecnico-amministrativo. La sua idea di base si fonda su politiche di sviluppo lungimiranti, coraggiose ma concrete.

A sostenere la sua candidatura e a condividere con lui idee e proposte c’è il gruppo “Il futuro è oggi”, composto da Giulia Girardi (47 anni), Viviana Marini (41 anni), Cristiana Moreschini (46 anni), Giulia Moreschini (32 anni), Patrizia Pedergnana (33 anni), Sabrina Veneri (21 anni), Michele Caserotti (31 anni), Federico Daprà (28 anni), Pier Ettore Gabrielli (55 anni), Gianpietro Martinolli (48 anni), Paolo Moreschini (48 anni), Pierluigi Pedergnana (58 anni), Simone Pegolotti (42 anni), Alberto Penasa (45 anni) e Aurelio Veneri (66 anni).

«La nostra intenzione – spiega Pretti – è di costruire insieme ai cittadini una valle più sostenibile, smart e capace di dare prospettive di crescita a chi ci abita o a chi la sceglie per  le vacanze».

Per quanto riguarda le opere, servirà un nuovo edificio comunale, oltre a nuovi spazi per gli ambulatori medici. Peio Fonti dovrà diventare il fiore all’occhiello turistico della valle, per questo è prevista una riqualificazione urbana complessiva.

Si punterà molto sulla mobilità sostenibile e per abbellire tutte le frazioni l’idea è di re-introdurre il “Comitato Abbellimenti”. Sono previsti interventi anche negli ambiti dello sviluppo economico, dell’agricoltura, dell’ambiente, dei giovani, della cultura, dello sport.

«Il nostro programma è ambizioso e corposo – conclude Pretti –. Il filo conduttore è rappresentato dalla qualità e dal benessere della persona, evitando lo spreco di risorse e garantendo un miglioramento del territorio».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza