Connect with us
Pubblicità

Trento

In frenata di oltre il 20% l’import – export del Trentino, Bort: «Quadro inquietante ampiamente previsto»

Pubblicato

-

In base ai dati Istat, elaborati dall’Ufficio studi e ricerche della Camera di Commercio, nel secondo trimestre di quest’anno il valore delle esportazioni trentine è stato pari a 741 milioni di euro, facendo registrare una contrazione tendenziale del 27,7% (-285 milioni rispetto a aprile-giugno 2019).

Si tratta di un calo consistente, ma in linea con le anticipazioni fornite dall’indagine sulla congiuntura della Camera di Commercio, ed è sicuramente da ricondurre in massima parte all’impatto negativo sulla produttività e sulla domanda di beni provocato dalle misure di contenimento al diffondersi della pandemia.

Nel periodo aprile-giugno 2020 l’interscambio commerciale con i Paesi extra-Ue è diminuito del 25%, mentre quello con i Paesi dell’Unione europea ha subìto una contrazione pari al 29,2%.

Pubblicità
Pubblicità

Per la provincia di Trento, l’Unione europea (28 Paesi) si conferma essere la principale direttrice per l’interscambio di merci con l’estero, avendo assorbito nel secondo trimestre il 63,9% delle esportazioni complessive.

Tutti gli interscambi con i principali partner commerciali hanno registrato flessioni superiori al 20%. Rimane comunque invariata la classifica dei Paesi con cui la provincia ha maggiori interessi economici, che vede al primo posto la Germania (17,2% dell’export complessivo), seguita dagli Stati Uniti (12,7%) e dalla Francia (8,9%).

Tra le merci esportate figurano in prevalenza quelle dell’attività manifatturiera (93,4% del valore complessivo). La quota maggiore è da attribuire ai “prodotti alimentari, bevande e tabacco” (21,2%), seguiti da “macchinari ed apparecchi” (18,4%), “mezzi di trasporto” (10,2%) e “sostanze e prodotti chimici” (8,2%).

Pubblicità
Pubblicità

La criticità del momento ha penalizzato in particolare le vendite all’estero di “macchinari ed apparecchi” (-74 milioni), di “mezzi di trasporto” (-84 milioni) e, in termini relativi, di “articoli farmaceutici, chimico-medicali e botanici” (-12 milioni pari a -79%). Mostrano ancora segnali di tenuta le esportazioni di produzioni agricole non trasformate, di prodotti del settore estrattivo e quelle della filiera alimentare e delle bevande.

Sempre nel periodo aprile-giugno 2020, il valore delle importazioni di merci in Trentino è risultato pari a 449 milioni di euro, registrando un calo del 33,5% (-226 milioni) rispetto al secondo trimestre 2019; il calo registrato è particolarmente intenso nelle forniture provenienti dai Paesi europei (-36,5%); risulta invece più contenuto il calo dell’import dai Paesi extra-Ue (-21,4%) sul quale incide, in controtendenza, il deciso balzo delle importazioni dalla Cina (+41,2%), che diventa il terzo Paese fornitore della nostra provincia.

Tra le categorie merceologiche importate, al primo posto si collocano “legno, prodotti in legno, carta e stampa” (14,6% dell’import complessivo) e i “prodotti alimentari, bevande e tabacco” (12,5%).

“I dati che abbiamo di fronte – ha commentato Giovanni Bort, Presidente della Camera di Commercio di Trento – ci forniscono un quadro inquietante per il drastico calo subìto dall’interscambio tra la nostra provincia e i nostri partner commerciali. Si tratta di dati attesi e ampiamente previsti, che però sollevano preoccupazioni allarmanti per la loro consistenza. Nel registrare la discontinuità delle importazioni dalla Cina, che quasi raddoppiano per entità, è importante rivolgere la massima attenzione alle dinamiche in atto e lavorare per ristabilire al più presto le condizioni necessarie alla ripresa dei rapporti commerciali con il resto del mondo”.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza