Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

«Che senso ha rinnovare il CdA di una società a maggioranza pubblica a ridosso di nuove elezioni amministrative?»: la minoranza di Predaia deposita un’interpellanza

Pubblicato

-

Giovedì sera, a 10 giorni dalle elezioni comunali, si terrà l’assemblea dei soci di Joy Val di Non Alps, alias Altipiani Val di Non, nel corso della quale è previsto il rinnovo del consiglio d’amministrazione della società.

Proprio la vicinanza con le elezioni ha destato delle perplessità nei consiglieri di minoranza di Predaia Angelo Potì (gruppo indipendente), Lorenza Mattedi (Predaia Futura) e Michele Pinter (Predaia Unita), che hanno depositato un’interpellanza rivolta alla giunta comunale e al sindaco Paolo Forno.

«I giorni 27 e 30 agosto 2020 alcuni articoli di stampa locali fanno cenno alla situazione societaria della Società Altipiani Val di Non S.p.a. – si legge nel documento –. I giornali riportano un aggiornamento dell’assemblea dei soci che in data 30 luglio 2020 propose il “congelamento” del rinnovo del Consiglio di Amministrazione per protesta a seguito della mancata risposta della Provincia Autonoma di Trento sul finanziamento del piano strategico triennale da 1,3 milioni di euro predisposto dalla società».

Pubblicità
Pubblicità

Negli articoli pubblicata è riportata anche l’intervista al socio privato Lino Rizzardi, il quale dichiara che ci sarebbero diversi soggetti privati interessati a investire nella società e critica la decisione di indire l’assemblea il 10 settembre, a pochi giorni dal voto delle elezioni comunali, dal quale usciranno i nuovi sindaci.

I consiglieri di minoranza di Predaia, tenuto conto che il capitale della società è costituito a prevalenza pubblica (poco più dell’88%), di cui il Comune di Predaia ha una partecipazione di poco superiore al 26%, «considerano interessante la proposta del socio minore Lino Rizzardi – viene scritto nell’interpellanza – il quale tra l’altro, tanto sta investendo sull’Altipiano di Predaia».

Ma non solo. «Il piano di sviluppo approvato in linea tecnica dal Consiglio Comunale nella seduta del 30 aprile 2020 con parere favorevole all’aumento di capitale, prevede investimenti per un importo complessivo di 1.387.000 euro con corrispondente aumento di capitale per una quota spettante al Comune di Predaia stimato in 415.000 euro – aggiungono i consiglieri –. In considerazione di questo, sottolineiamo l’assoluta importanza dello sviluppo locale dei vari comprensori sciistici che gestisce la Società non solo da un punto di vista turistico ma anche di sviluppo ludico-sportivo per tutti i residenti».

Pubblicità
Pubblicità

Ai firmatari dell’interpellanza appare dunque opportuno quindi che i futuri assetti vengano decisi con la partecipazione delle nuove amministrazioni comunali, legittimate dal voto popolare delle prossime e imminenti votazioni.

«Nell’interesse della collettività proponiamo che il nuovo Cda della Società venga formato dopo le votazioni comunali del 20 settembre prossimo – concludono i consiglieri di Predaia – e non dalle attuali amministrazioni prossime alla scadenza».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza