Connect with us
Pubblicità

Giudicarie e Rendena

Targa d’Argento a Teresina Monegatti Casanova, una vita per la solidarietà alpina

Pubblicato

-

Teresina Monegatti Casanova

In controtendenza rispetto a tanti eventi annullati in quest’anno di Covid-19, il Premio Internazionale di Solidarietà Alpina verrà assegnato con una cerimonia pubblica sabato 19 settembre al PalaDolomiti a Pinzolo.

Questa è la decisione del Comitato organizzatore, dopo una attenta considerazione della situazione, che ha fissato la cerimonia di consegna del Premio nel segno della continuità di una tradizione che vuole premiare i protagonisti della montagna e di chi si è speso per la solidarietà.

Il Premio, infatti, nasce a Pinzolo nel 1972 da un’idea del cavalier Angiolino Binelli che era il responsabile  della prima Stazione di Soccorso alpino sorta in Italia, il 22 maggio del 1952 proprio a Pinzolo.

Pubblicità
Pubblicità

Con questo Premio l’intenzione era quella di voler ricordare i vent’anni di fondazione della Stazione, ma  l’iniziativa era volta anche  a sottolineare il merito e rendere omaggio a tutti quei volontari, senza nome e senza volto, che si spendono generosamente, spesso a rischio della vita, per correre là dove c’è bisogno di aiuto.

Interessante è leggere la storia del Premio con i personaggi ed i premiati delle precedenti edizioni. Il sito rinnovato ed arricchito si trova su www.targadargento.com

Quindi la 49° edizione del Premio Argento avrà luogo, pur con i necessari adeguamenti dovuti alla pandemia e con le opportune misure di sicurezza.

Pubblicità
Pubblicità

Ciò significa che per la cerimonia della consegna della Targa d’Argento e della Medaglia d’Oro alla memoria, invece della Sala Consiliare del Municipio come d’abitudine, la sede per l’edizione 2020 sarà il PalaDolomiti in grado di ospitare tutti gli invitati nel rispetto delle norme di sicurezza.

Purtroppo questa edizione non vedrà la partecipazione di delegazioni internazionali causa le difficoltà e limitazioni degli spostamenti, ma la volontà di continuare la tradizione non è venuta meno e gli organizzatori  preannunciano  questa edizione non meno “speciale” delle precedenti.

Il premio quest’anno verrà assegnato a Teresina Monegatti Casanova descritta come “esemplare figura di gestore di rifugio alpino, una vita generosa di fatiche e di sacrifici sul rifugio Mantova al Viòz, il più alto delle Alpi orientali (3.535 m.), al servizio con la famiglia degli amanti della montagna e di quanti avessero avuto bisogno di aiuto”. Con questa scelta il Comitato ha inteso riconoscere a tutta la categoria dei gestori di rifugio l’importanza del loro ruolo e della loro opera nei confronti di quanti frequentano la montagna: custodi dell’ambiente, consiglieri preziosi, vigili sentinelle, di giorno e di notte, sempre a disposizione, sempre pronti a soccorrere chi si trovi in difficoltà”.

Una vita passata in alta quota, in quel rifugio dove si è sposata ed ha cresciuto i figli. Teresina nasce a Pejo nel 1945, dove è tornata a vivere ora.

Viene assunta al Vioz fin da ragazza. All’epoca il Rifugio è gestito dai fratelli Casanova: Enrico, Renato e Oreste. Nel 1968 sposa Renato. Il rito viene celebrato lassù, al rifugio. Con quella cerimonia danno il via a una tradizione. Da allora molti alpinisti saliranno a celebrarvi il proprio matrimonio.

Alleva quattro figli (3 maschi e una femmina), patisce la tragica scomparsa del maggiore, Roberto, travolto da una valanga nel 1984 a 24 anni.

 Poi, pur restando vedova prosegue l’attività al rifugio, fino a quando le subentrerà il figlio Mario, che continua la tradizione di famiglia.

Intere generazioni di alpinisti passati di lassù, le sono rimasti affezionati e ancora le scrivono o la vanno a trovare… riconoscenti.

Gestire una struttura come quella, in alta quota, dove manca tutto (l’acqua in primis) e bisogna fare tesoro di ogni cosa, aiutarsi a vicenda e spesso prevenire i bisogni del prossimo, non è solo fatica, sacrificio e capacità di adattarsi a ogni imprevisto, è una vera e propria scuola di vita, straordinaria. Ne sanno qualcosa i figli, cresciuti in quell’ambiente. Hanno trascorso giornate intere, addirittura una settimana che non finiva mai, chiusi nella loro cameretta in mezzo alla tormenta, senza vedere nessuno. Ne sa qualcosa Teresina. Quando uscivano a giocare all’aperto, in spazi ristretti e non privi di pericoli, la preoccupazione si mescolava alla fiducia nel loro buonsenso: un occhio alle faccende, l’altro a vigilare sui loro spostamenti” racconta Giuseppe Ciaghi, vicepresidente del Comitato.

Attraverso le parole di Giuseppe Ciaghi si ha anche una descrizione della storia del Rifugio. “Anzitutto va detto che si tratta di un rifugio singolare, il più alto delle Alpi orientali, eretto dalla sezione tedesca del Alpenverein di Halle sulla Saale nel 1911, a 3.535 metri di altitudine su un piccolo terrazzo scavato pochi metri sotto la cima del Viòz, in competizione con gli “irredentisti” della Sat, che avevano costruito il “Città di Mantova” tre anni prima, poco più in basso. Nel 1921 il Governo italiano l’aveva ceduto alla Sat. Nel secondo dopoguerra venne ristrutturato alla meglio e dal 1958 ne venne affidata la conduzione ai fratelli Casanova: Enrico, Renato e Oreste, i cui famigliari continueranno a gestirlo fino ai nostri giorni, salvo una brevissima parentesi agli inizi degli anni Settanta. Renato gestirà il Viòz, mentre Oreste, carismatica guida alpina, prenderà in mano il rifugio Guido Larcher al Cevedale”.

Come da tradizione nella circostanza viene coniata una Medaglia d’Oro alla memoria di chi ha perso la vita in operazioni di soccorso. Quest’anno verrà consegnata ai famigliari di Lukas Forer, 43 anni, un soccorritore dalla grande esperienza e molto apprezzato per le sue capacità, capo della stazione di soccorso alpino di Campo Tures, perito in un tragico incidente durante un’esercitazione del Soccorso alpino a Riva di Tures.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Bear with Benefits: gli integratori a forma di orsetti gommosi
    Bears with Benefits sono degli orsetti gommosi ricchi di vitamine e minerali. Si tratta infatti di integratori alimentari con un complesso vitaminico e minerale altamente concentrato. Le formulazioni sono sviluppate in Germania e rispettano i più elevati standard di qualità. Durante la produzione, non vengono utilizzati antiagglomeranti, agenti di carica e allergeni: i prodotti sono […]
  • MasonBees: la casa delle api
    MasonBees Ltd. è nata come parte della Oxford Bee Company, ovvero un’organizzazione che ricerca il ciclo di vita delle Red Mason Bee. CJ Wildbird Foods Ltd. ha acquistato la Oxford Bee Company nel 2006 ed ha proseguito la ricerca, conducendo varie prove sul campo con le Red Mason Bees. Queste prove avevano lo scopo di […]
  • Dolomiti Wellness Hotel Fanes: un piccolo angolo di paradiso in Alta Badia
    Il Dolomiti Wellness Hotel Fanes è in una delle terrazze più assolate e panoramiche di San Cassiano, piccolo e grazioso villaggio di montagna, nelle Dolomiti a poco più di 1.500 metri s.l.m. in Alta Badia: cinque minuti per raggiungere il centro a piedi, isola pedonale ricca di vetrine e negozi, servizi ancillari e noleggio attrezzatura, […]
  • Abiby: la Beauty Box perfetta per chi vuole qualità e innovazione
    Abiby è il servizio in abbonamento che permette ogni mese di scoprire le migliori novità in ambito skincare, make-up e beauty con un’esperienza unica e a sorpresa. La missione di Abiby è quella di usare l’esperienza per far scoprire i migliori brand al mondo, quelli che da soli è difficile trovare. Come? Viaggiando costantemente alla ricerca di prodotti […]
  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]

Categorie

di tendenza