Connect with us
Pubblicità

Cui Prodest

Un ROF 2020 pieno di passione. Lo spettacolo del Rossini Opera Festival continuerà in novembre

Pubblicato

-

La città di Pesaro, provata dal covid ove è esploso con virulenza prima e più gravemente che altrove, con tenacia e buona volontà ha ripreso il suo destino artistico rossiniano e ha saputo trasformare questo infausto elemento sanitario della nostra vita in un punto di forza culturale: dosando saggiamente gli intrattenimenti, sempre elevati nel classico periodo estivo, ha saputo conservare le produzioni più complesse per un altro orizzonte 2020, quello autunnale.

Ecco la novità, che il sindaco Matteo Ricci espone lucidamente come fattore di grande importanza: “Vogliamo vivere di Rossini tutto l’anno, e questa è l’occasione per sperimentare l’allargamento della stagione rossiniana anche all’autunno”.

Ottimo. Bravi, va detto: una città che ha saputo preservare la sua dimensione turistica con un clima civile sereno, privo di eccessiva immigrazione e con una percezione di benessere quasi da Miami, Florida, in un litorale di grande bellezza, malgrado la prossimità con gli spiaggioni romagnoli.

Pubblicità
Pubblicità

Il Monte Bartolo (di sicuro non è un caso che questo nome sia ripreso da Rossini per un personaggio del suo Barbiere di Siviglia, che rivedremo in novembre…) fa da confine, con belle scogliere e baiette caraibiche raggiungibili a piedi sulla sabbia confortevole, tra la seria vocazione culturale pesarese e l’intrattenimento superficiale delle discoteche nella vicinissima Romagna.

Ed è fortificato da ville di grandi artisti, come Pavarotti e Florez, il re dei tenori e il suo luogotenente rossiniano, innamorati giustamente di questa bella città.

Florez non manca praticamente mai all’estate rossiniana e anche quest’anno la corrispondenza di amorosi sensi col pubblico del ROF ha prodotto un delizioso concerto, fruibile anche dalle vie vicine alla bella Piazza del Popolo, trasformata in un’arena con palcoscenico da 330 metri quadri e buca d’orchestra da 140 metri quadri, nonché una platea sotto le stelle da 2.300 metri quadri.

Pubblicità
Pubblicità

Lì ha giustamente trionfato in un assaggio concertistico anche la star soprano del ROF 2021 Karine Deshayes (nella foto), raramente in Italia, ma grandissima interprete internazionale che, oltre all’ottimo repertorio rossiniano, si è espressa magistralmente nel suo conterraneo Gounod.

Per rinsaldare il legame con il numeroso pubblico che, soprattutto dall’estero, non ha potuto essere a Pesaro questa estate, è stata trasmessa in diretta streaming gratuita sul sito web e sui canali social del Festival la serata inaugurale, con la Cantata Giovanna d’Arco e l’opera La cambiale di matrimonio.

La trasmissione è stata diffusa anche nell’ambito del progetto di Italia Festival Estate all’italiana promosso dal Ministero degli Affari Esteri in tutta la sua rete di Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura. La serata ha riscosso un dato record di circa 23.000 contatti.

Il Sovrintendente del ROF Ernesto Palacio (nella foto) ha una visione cristallina quanto la sua voce di grande tenore: “Abbiamo puntato, e continueremo a farlo, su giovani direttori d’orchestra, come il tedesco Nikolas Nagele” ben conosciuto anche per le sue vittoriose folate di grande interpretazione al festival wagneriano di Bayreuth.

Ma il ROF 2020 non finisce qui e proporrà una sezione autunnale in programma dal 1 al 29 novembre. In calendario il Concerto finale dell’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda”, rinviata per ovvie ragioni ad ottobre in luogo del consueto mese di luglio (1 novembre); una selezione dei Péchés de vieillesse eseguita dal pianista Alessandro Marangoni (14 novembre); la Messa di Milano, mai eseguita al ROF, diretta da Ferdinando Sulla, proposta assieme al Miserere (15 novembre); tre recite dello spumeggiante Barbiere di Siviglia messo in scena da Pier Luigi Pizzi al ROF 2018 (25, 27 e 29 novembre) e diretto da Michele Spotti; infine, due recite del classico Viaggio a Reims di Emilio Sagi ripreso da Elisabetta Courir, con gli allievi dell’Accademia Rossiniana 2020 diretti da Alessandro Cadario (26 e 28 novembre).

E intanto che si scioglievano le note del Rossini Opera Festival, edizione estiva, in attesa dell’autunnale, l’ottimo pianista Maurizio Baglini ci deliziava con la traduzione per solo piano, firmata Liszt, della IX sinfonia di Beethoven.

Una scelta ben riposta e un’alternativa non conflittuale d’alto livello voluta da un’altra grande mente musicale pesarese, la Prof.ssa Marta Mancini. Complimenti vivissimi a questi bravi pesaresi. A rivederci a novembre, allora: e speriamo “più sani”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • La Nasa lo conferma: sulla Luna c’è acqua ed è accessibile
    Sulla Luna c’è acqua, un annuncio clamoroso ma vero. L’incredibile notizia arriva da due studi della Nasa pubblicati su Nature. Il primo studio coordianato dalla Nasa dimostra la scoperta rilevata dal telescopio volante Sofia della molecola dell’acqua sulla Luna. Grazie al telescopio Sofia, montato a bordo di un boeing 747 ha infatti risolto il mistero […]
  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]

Categorie

di tendenza