Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Orso: la situazione è sfuggita di mano, dove è finito il buon senso?

Pubblicato

-

Spett.Le direttore,

è ormai evidente che il progetto di reintrodurre l’orso bruno in Trentino sia sfuggito di mano. Nato una ventina di anni fa, il progetto Life ursus, finanziato dall’Unione europea, prevedeva la reintroduzione di un animale che da queste parti era estinto, arrivando a un massimo di 40-50 orsi, tutti super monitorati, e con l’esplicita previsione della cattura o abbattimento degli esemplari problematici e pericolosi.

Ebbene, gli orsi sono diventati un centinaio, i comportamenti dannosi e anche pericolosi si moltiplicano (basta seguire le cronache locali), mentre la cattura è oggi considerata contro natura, e di abbattimento guai a parlarne.

Pubblicità
Pubblicità

Di questo passo, a breve termine, la popolazione di orsi raddoppierà prima che i tavoli tecnici messi su dal ministero dell’ambiente riescano ad ipotizzare una soluzione.

In tutta la storia millenaria dell’umanità orsi e lupi sono sempre stati considerati bestie feroci da cui proteggersi. Rischiando l’estinzione, sono finiti sotto tutela. Negli ultimi anni, secondo una parte dell’opinione pubblica, sono diventate creature che hanno diritto di vivere libere e felici nei boschi in una mitica “pacifica convivenza con l’uomo”

È cambiato evidentemente il modo di pensare degli uomini, ma non la natura feroce degli orsi e dei lupi che sono e restano animali carnivori e predatori. Pertanto vanno gestiti con razionalità, competenza e buon senso, contenendo il loro numero, monitorando di continuo la situazione e intervenendo, se necessario, con rapida decisione e misure proporzionate al livello di pericolo, compreso l’abbattimento in certi casi (già previsto, in teoria), visto che non rischiano più l’estinzione, anzi aumentano rapidamente e possono costituire un serio pericolo.

Pubblicità
Pubblicità

“A mali estremi, estremi rimedi”, diceva un vecchio saggio proverbio di una volta.

Trovandosi in un ambiente non più selvaggio ma antropizzato, gli orsi infatti sviluppano comportamenti opportunistici pericolosi, predando il bestiame all’alpeggio, rovistando nei cassonetti dell’immondizia dei centri abitati, o addirittura forzando le porte di malghe e rifugi dove sentono odore di cibo.

Insomma non se ne stanno più schivi e sfuggenti nei boschi. Si tratta di comportamenti che provocano danni e suscitano apprensione. In più ci sono le aggressioni come l’ultima a Andalo, vicino a un campeggio, di un orso maschio, e non come ci hanno sempre detto dell’orsa che protegge i cuccioli. Se i danni materiali si possono risarcire, la tutela della sicurezza e incolumità delle persone dovrebbe essere considerata la priorità assoluta, non solo a parole, senza mai abbassare la guardia.

La situazione, al contrario, è sfuggita di mano. Al momento ci sono un centinaio di orsi e 13 branchi di lupi, l’anno prossimo molti di più. In un territorio, dove ogni valle e montagna è percorsa nel periodo estivo da frotte di turisti, non si può più stare tranquilli. Fino a pochi anni fa nelle escursioni si potevano vedere caprioli, camosci e cervi (soggetti da sempre alla caccia selettiva, loro sì, per evitare che si moltiplichino eccessivamente).

Ma incontrare un animale che per sua natura è feroce, è altra cosa. Si sentiva proprio la mancanza di orsi e lupi in Trentino dove l’habitat è totalmente antropizzato? E, soprattutto, perché la situazione è stata lasciata andare fuori controllo rispetto agli obiettivi iniziali del progetto con una popolazione di orsi raddoppiata e ingestibile? Perché non si riesce a intervenire con efficacia e tempestività nei casi problematici?

L’idea di “esportare” gli orsi nelle regioni vicine non sembra risolutiva, perché si esportano anche i problemi connessi, che non si è in grado di risolvere. Essendo una specie super “protetta”, gli orsi si moltiplicano rapidamente, come abbiamo visto nella Provincia di Trento.

Da ambientalista della prima ora (parlo dell’ambientalismo di 40 anni fa) ho sempre pensato che la natura vada salvaguardata dai danni nefasti dello sfruttamento, anche consumistico. La montagna andrebbe protetta dai comportamenti incivili del turismo di massa che ormai invade ogni luogo a qualsiasi quota.

Invece negli ultimi anni si è puntato, in modo peraltro assolutamente contraddittorio, da un lato sullo sfruttamento intensivo del turismo di massa con iniziative talvolta eccessive e non rispettose dell’ambiente montano, dall’altro si ritiene possibile convivere senza problemi con gli animali predatori.

Sarà mai possibile, nei giorni in cui viviamo, trovare un equilibrio fondato su sostenibilità e buon senso?

Anna Maria Bellesia, turista in Trentino.

Potete inviare le email al direttore da inserire nella rubrica «io la penso così» scrivendo a: redazione@lavocedeltrentino.it

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza