Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Immigrazione fuori controllo: sbarchi triplicati negli ultimi 12 mesi

Pubblicato

-

Arrivano notizie di continue aggressioni e rivolte in tutta l’Italia col rischio di contrarre il coronavirus dai migranti che riescono a fuggire dai centri di accoglienza e diventano vere e proprie bombe sanitarie in grado di scoppiare da un momento all’altro.

L’estate delle forze dell’ordine è rovente a causa dei continui sbarchi di migranti sulle nostre coste. Gli operatori di polizia sono allo stremo e arrabbiati.

A peggiorare la situazione c’è il covid-19 che spaventa chi lavora a stretto contatto con i clandestini, talvolta anche in condizioni estreme. In alcuni centri di accoglienza ormai al collasso, come Pozzallo, secondo alcune fonti parte dei migranti positivi al virus sarebbero tenuti in tende con recinzioni precarie.  Situazione invece drammatica a Treviso dove nella ex caserma Serena 260 migranti su 300 sono stati trovati positivi al tampone. I migranti non vogliono più rimanere in quarantena e tentano di fuggire. Da due giorni è nuovamente in corso una guerriglia contro la polizia dopo i disordini di giugno. 

Pubblicità
Pubblicità

Dal 1 gennaio ad oggi, da dati del Viminale, sono arrivate 15.198 persone contro le 4.261 del 2019. Il picco si è avuto a luglio con 7.067, il dato più alto degli ultimi tre anni. 

Negli ultimi 12 mesi, cioè dal primo agosto 2019 al 31 luglio 2020, il Viminale ha registrato 21.618 sbarchi, in aumento rispetto a quelli dello stesso periodo nel 2018-9, fermi a 8.691. (dati contenuti nel rapporto del dicastero dell’Interno presentato dal ministro Lamorgese in persona)

E in tutto questo, le forze dell’ordine devono contrastare un’escalation di violenze da parte degli ospiti nei Centri di accoglienza. L’ultimo episodio è quello di Marsala, dove un agente ha riportato gravi lesioni durante l’inseguimento di 40 tunisini fuggiti dal Cas. In seguito, sono state sequestrate le armi che i rivoltosi hanno usato per aggredire i poliziotti: pezzi di vetro appuntiti e una spranga. 

Pubblicità
Pubblicità

Sui questi dati drammatici è intervenuto anche l’ex ministro dell’interno Matteo Salvini che era riuscito ad azzerare gli sbarchi durante il suo mandato.

«15.198 sbarchi dall’inizio dell’anno a oggi, contro i 4.261 dello stesso periodo di un anno fa: il fallimento di questo governo è nei numeri, mentre il ministro Lamorgese si vanta di aver controllato più di 20 milioni di italiani durante l’emergenza Covid»

Sulla stessa lunghezza d’onda di Salvini anche Roberto Calderoli. Il vice presidente leghista del Senato ha così replicato alla conferenza di Luciana Lamorgese: «Sono davvero incredibili le esternazioni del ministro Lamorgese secondo cui in Italia il problema non sono gli immigrati che stanno arrivando ma il Covid».

«Intanto ha chiarito Calderoli– facciamo notare al ministro che sotto la sua gestione c’è stato un incremento degli arrivi rispetto ad un anno fa del 148%, con oltre 15mila clandestini sbarcati, e che tra questi c’è un’elevata percentuale di positivi al Covid“. Questo governo, secondo Calderoli, non solo non è in grado di controllare le acque territoriali italiane così da limitare gli approdi di migranti; una volta fatti sbarcare i naufraghi non riesce neppure a controllarli e impedire la loro fuga dai centri in cui vengono smistati».

“Quest’estate stiamo assistendo a una recrudescenza senza precedenti in tutta Italia di fenomeni aggressivi da parte dei migranti nei Centri di identificazione e di rimpatrio – spiega Domenico Pianese, segretario del Coisp – Questo è dovuto sia all’emergenza covid, e quindi alla necessità di sottoporre queste persone che arrivano da Paesi extracomunitari a protocolli sanitari obbligatori, ma anche al fatto che il sistema è al collasso, dal momento che ogni Centro ospita tanti migranti in più rispetto alle sue capacità. Quello che noi delle forze dell’ordine troviamo inconcepibile durante lo svolgimento del nostro lavoro è il fatto che queste rivolte nella maggior parte dei casi vengono premeditate e organizzate confezionando vere e proprie armi per aggredirci. Purtroppo, dunque, quello che riscontriamo è un sistema d’accoglienza che non sta riuscendo a far fronte alle esigenze di sicurezza del Paese e di tutti i cittadini – sottolinea Pianese – La nostra non vuole essere una sterile polemica politica sull’esclusivo malfunzionamento dell’accoglienza, tuttavia non possiamo non tener conto del fatto che i protocolli di intervento non stanno funzionando come dovrebbero. Le donne e gli uomini della Polizia fanno sempre il massimo per garantire la sicurezza del Paese, ma non possono più sopportare questa situazione: già costretti a turni massacranti, a ore di straordinario obbligate e a poche accortezze per la loro incolumità fisica, non possono rischiare persino la vita per arginare una situazione alla quale il governo non sembra voler porre rimedio”.

Il grido di allarme per quello che sono costrette a subire le forze dell’ordine, arriva anche dal Sinafi, Sindacato nazionale finanzieri. “Siamo fortemente preoccupati per le condizioni in cui si trovano ad operare gli appartenenti alle forze di Polizia che operano nella gestione dei migranti che continuano ad arrivare sulle coste italiane, molti dei quali risultati positivi al Covid 19 – dichiara il segretario Eliseo Taverna – L’accoglienza verso i più deboli, seppur rientra in una fondamentale vicinanza e solidarietà tra i popoli, deve avvenire con regole certe e in piena sicurezza, sia per gli operatori, sia per la collettività. Non è possibile scaricare sulle forze di polizia l’onere della gestione dei migranti, peraltro con modalità, regole e strutture che non diano certezze sotto l’aspetto della sicurezza. Per queste ragioni e fortemente sollecitati dai finanzieri che operano in prima linea nella gestione dell’immigrazione, nei giorni scorsi la segreteria nazionale ha scritto ai Prefetti delle province siciliane chiedendo un preciso intervento volto a contenere il fenomeno e ad implementare il livello di sicurezza nei centri di accoglienza”

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE!
    Le soluzione di YWN – la rete nazionale delle imprese Il mondo del lavoro è oggi tormentato da una miriade di problemi ulteriormente aggravati dalla pandemia che ci accompagna ormai da quasi due anni. La... The post RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE! appeared first on Benessere Economico.
  • IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA
    La motivazione del personale strategia centrale nel business plan della ripresa. Condividere sorrisi, esperienze, riflessioni per consolidare lo spirito di squadra e la voglia di normalità negli ambienti di lavoro diventa oggi la leva principale... The post IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA appeared first on Benessere Economico.
  • Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti
    Dal 1 ottobre, come annunciato, sono scattati gli aumenti in bolletta per gas ed elettricità rispettivamente del 14,4% e del 29,8% per la famiglia tipo. Per contenere l’emergenza, il Governo ha stanziato oltre 3 miliardi... The post Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti appeared first on Benessere Economico.
  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Appartamenti moderni fatti in tubi di cemento, Hong Kong trova la soluzione per la crisi immobiliare
    L’improvviso aumento della popolazione, ha portato Hong Kong ad attraversare una crisi immobiliare dettata proprio dalla crescita della domanda di alloggi. Di conseguenza, con i prezzi immobiliari alle stelle e i sempre più scarsi spazi disponibili, l’architetto James Law ha trovato una soluzione davvero innovativa per risolvere il problema della carenza di appartamenti. L’architetto ha […]
  • Verso una caricabatterie universale per tutti i dispositivi mobili, la proposta dell’UE
    Da una proposta presentata dalla Commissione Europea, spunta la possibilità di un carica batterie universale e utilizzabile per qualsiasi dispositivo mobile. Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti, la proposta punta quindi ad armonizzare i cavi di ricarica su una serie di dispositivi elettronici venduti nell’Unione Europea. In particolare, è stato proposto di puntare sull’utilizzo del […]
  • In Cile, il meraviglioso hotel interamente ecologico costruito con container ricilati
    Negli ultimi anni, il mondo dei viaggi tende sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente tanto che la ricerca di spostamenti meno inquinanti, i cottage o le casette in legno immerse nella natura, sono diventate una vera e propria tendenza. La ricerca di alloggi in strutture sempre più originali è in […]
  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]

Categorie

di tendenza