Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Immigrazione fuori controllo: sbarchi triplicati negli ultimi 12 mesi

Pubblicato

-

Arrivano notizie di continue aggressioni e rivolte in tutta l’Italia col rischio di contrarre il coronavirus dai migranti che riescono a fuggire dai centri di accoglienza e diventano vere e proprie bombe sanitarie in grado di scoppiare da un momento all’altro.

L’estate delle forze dell’ordine è rovente a causa dei continui sbarchi di migranti sulle nostre coste. Gli operatori di polizia sono allo stremo e arrabbiati.

A peggiorare la situazione c’è il covid-19 che spaventa chi lavora a stretto contatto con i clandestini, talvolta anche in condizioni estreme. In alcuni centri di accoglienza ormai al collasso, come Pozzallo, secondo alcune fonti parte dei migranti positivi al virus sarebbero tenuti in tende con recinzioni precarie.  Situazione invece drammatica a Treviso dove nella ex caserma Serena 260 migranti su 300 sono stati trovati positivi al tampone. I migranti non vogliono più rimanere in quarantena e tentano di fuggire. Da due giorni è nuovamente in corso una guerriglia contro la polizia dopo i disordini di giugno. 

Pubblicità
Pubblicità

Dal 1 gennaio ad oggi, da dati del Viminale, sono arrivate 15.198 persone contro le 4.261 del 2019. Il picco si è avuto a luglio con 7.067, il dato più alto degli ultimi tre anni. 

Negli ultimi 12 mesi, cioè dal primo agosto 2019 al 31 luglio 2020, il Viminale ha registrato 21.618 sbarchi, in aumento rispetto a quelli dello stesso periodo nel 2018-9, fermi a 8.691. (dati contenuti nel rapporto del dicastero dell’Interno presentato dal ministro Lamorgese in persona)

E in tutto questo, le forze dell’ordine devono contrastare un’escalation di violenze da parte degli ospiti nei Centri di accoglienza. L’ultimo episodio è quello di Marsala, dove un agente ha riportato gravi lesioni durante l’inseguimento di 40 tunisini fuggiti dal Cas. In seguito, sono state sequestrate le armi che i rivoltosi hanno usato per aggredire i poliziotti: pezzi di vetro appuntiti e una spranga. 

Pubblicità
Pubblicità

Sui questi dati drammatici è intervenuto anche l’ex ministro dell’interno Matteo Salvini che era riuscito ad azzerare gli sbarchi durante il suo mandato.

«15.198 sbarchi dall’inizio dell’anno a oggi, contro i 4.261 dello stesso periodo di un anno fa: il fallimento di questo governo è nei numeri, mentre il ministro Lamorgese si vanta di aver controllato più di 20 milioni di italiani durante l’emergenza Covid»

Sulla stessa lunghezza d’onda di Salvini anche Roberto Calderoli. Il vice presidente leghista del Senato ha così replicato alla conferenza di Luciana Lamorgese: «Sono davvero incredibili le esternazioni del ministro Lamorgese secondo cui in Italia il problema non sono gli immigrati che stanno arrivando ma il Covid».

«Intanto ha chiarito Calderoli– facciamo notare al ministro che sotto la sua gestione c’è stato un incremento degli arrivi rispetto ad un anno fa del 148%, con oltre 15mila clandestini sbarcati, e che tra questi c’è un’elevata percentuale di positivi al Covid“. Questo governo, secondo Calderoli, non solo non è in grado di controllare le acque territoriali italiane così da limitare gli approdi di migranti; una volta fatti sbarcare i naufraghi non riesce neppure a controllarli e impedire la loro fuga dai centri in cui vengono smistati».

“Quest’estate stiamo assistendo a una recrudescenza senza precedenti in tutta Italia di fenomeni aggressivi da parte dei migranti nei Centri di identificazione e di rimpatrio – spiega Domenico Pianese, segretario del Coisp – Questo è dovuto sia all’emergenza covid, e quindi alla necessità di sottoporre queste persone che arrivano da Paesi extracomunitari a protocolli sanitari obbligatori, ma anche al fatto che il sistema è al collasso, dal momento che ogni Centro ospita tanti migranti in più rispetto alle sue capacità. Quello che noi delle forze dell’ordine troviamo inconcepibile durante lo svolgimento del nostro lavoro è il fatto che queste rivolte nella maggior parte dei casi vengono premeditate e organizzate confezionando vere e proprie armi per aggredirci. Purtroppo, dunque, quello che riscontriamo è un sistema d’accoglienza che non sta riuscendo a far fronte alle esigenze di sicurezza del Paese e di tutti i cittadini – sottolinea Pianese – La nostra non vuole essere una sterile polemica politica sull’esclusivo malfunzionamento dell’accoglienza, tuttavia non possiamo non tener conto del fatto che i protocolli di intervento non stanno funzionando come dovrebbero. Le donne e gli uomini della Polizia fanno sempre il massimo per garantire la sicurezza del Paese, ma non possono più sopportare questa situazione: già costretti a turni massacranti, a ore di straordinario obbligate e a poche accortezze per la loro incolumità fisica, non possono rischiare persino la vita per arginare una situazione alla quale il governo non sembra voler porre rimedio”.

Il grido di allarme per quello che sono costrette a subire le forze dell’ordine, arriva anche dal Sinafi, Sindacato nazionale finanzieri. “Siamo fortemente preoccupati per le condizioni in cui si trovano ad operare gli appartenenti alle forze di Polizia che operano nella gestione dei migranti che continuano ad arrivare sulle coste italiane, molti dei quali risultati positivi al Covid 19 – dichiara il segretario Eliseo Taverna – L’accoglienza verso i più deboli, seppur rientra in una fondamentale vicinanza e solidarietà tra i popoli, deve avvenire con regole certe e in piena sicurezza, sia per gli operatori, sia per la collettività. Non è possibile scaricare sulle forze di polizia l’onere della gestione dei migranti, peraltro con modalità, regole e strutture che non diano certezze sotto l’aspetto della sicurezza. Per queste ragioni e fortemente sollecitati dai finanzieri che operano in prima linea nella gestione dell’immigrazione, nei giorni scorsi la segreteria nazionale ha scritto ai Prefetti delle province siciliane chiedendo un preciso intervento volto a contenere il fenomeno e ad implementare il livello di sicurezza nei centri di accoglienza”

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza