Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

UniTrento – Covid-19 e impatto sull’economia: uno studio UniTrento misura in tempo reale la “temperatura” del Pil

Pubblicato

-

Nel primo trimestre del 2020 i dati Eurostat e Ocse hanno fotografato per l’Unione europea un calo del prodotto interno lordo del 5.3%.

I dati sono stati resi noti, come di consueto, a distanza di circa tre mesi. Un lasso di tempo che non aiuta a capire in tempo reale come sta andando l’economia e a prendere decisioni rapide.

Soprattutto in situazioni di crisi come quella portata dal confinamento causato dalla pandemia. Misurare in tempo reale l’impatto sulle attività produttive del Covid-19 e di ogni altro shock di tale portata è possibile.

Pubblicità
Pubblicità

Lo dimostra uno studio dell’Università di Trento pubblicato ieri sulla rivista scientifica “Environmental and Resource Economics”.

La chiave del nuovo metodo di analisi della salute del Pil in tempo reale sono i dati di consumo del mercato elettrico. Si tratta di indicatori non nuovi all’utilizzo in chiave di analisi di scenario, ma integrati ad altri dati, perfezionati e messi direttamente in correlazione con l’andamento del Pil.

A condurre lo studio, Carlo Fezzi e Valeria Fanghella, rispettivamente professore associato e ricercatrice post doc al Dipartimento di Economa e Management dell’Ateneo trentino, in collaborazione con il centro LEEP (Land, Environment, Economics and Policy Institute) della University of Exeter Business School.

Pubblicità
Pubblicità

Accurato e facilmente accessibile, il nuovo sistema di controllo potrebbe in futuro orientare in tempo reale le decisioni in caso di eventuali ulteriori lockdown, ma potrebbe essere utile in generale come strumento di analisi aggiuntivo dei trend in corso. «L’uso dell’energia elettrica ormai coinvolge potenzialmente ogni attività umana» spiega il professor Carlo Fezzi. «La connessione tra i consumi e lo sviluppo economico è già stata ampiamente dimostrata e impiegata in altre occasioni per analisi e approfondimenti sullo scenario economico. Ma il nostro è un modello statistico formale più elaborato, che tiene conto di indicatori diversi e include test placebo svolti nelle settimane precedenti al lockdown per escludere l’interferenza di altri fattori che potrebbero falsare il risultato. Il nostro metodo prevede anche la presenza di intervalli di confidenza nella misurazione».

Riprende: «In questo periodo di incertezza e di recessione economica i decisori hanno bisogno di indicatori in tempo reale per monitorare l’impatto del Covid-19 sull’economia e per capire quanto siano incisive le politiche messe a punto per contenere il virus e per stimolare la produzione e i consumi dopo l’allentamento delle restrizioni sociali». «Ciò che è davvero significativo è che il nostro studio può essere applicato ad ampio spettro e ovunque» aggiunge Valentina Fanghella. «Richiede soltanto l’accesso ai dati sui consumi elettrici e sulla temperatura e queste sono informazioni pubbliche e facilmente accessibili potenzialmente in tutti i sistemi economici sviluppati al mondo. I dati da soli però non bastano: devono essere interpretati in una valutazione più ampia dell’impatto del Covid-19 e non messi in relazione a singole politiche di lockdown. Ad esempio, in paesi che non hanno attuato politiche di confinamento, come la Svezia, si registrano comunque riduzioni significative del Pil. Per analizzare meglio questi casi stiamo ampliando il nostro ambito di studi verso altri paesi europei. Un approfondimento che ci permetterà di fare confronti più accurati tra le diverse situazioni».

Come funziona la stima: Lo studio ha preso in esame l’Italia, primo Paese in Europa a introdurre le misure di lockdown, e ha analizzato i dati attinti dal consumo giornaliero di energia elettrica. I ricercatori dell’Università di Trento hanno scoperto che i consumi nel 2020 si sono sviluppati in modo sostanzialmente analogo a quelli del quinquennio 2015-2019 fino all’introduzione del lockdown, che ha drasticamente cambiato lo scenario.

Lo studio stima poi l’andamento che si sarebbe potuto registrare se non vi fosse stata la pandemia, tenendo conto di tutte le variabili che generalmente incidono sui consumi: la temperatura dell’aria, la presenza di giorni di vacanza e le caratteristiche meteorologiche del clima stagionale. Messe queste stime in relazione con i consumi reali e introducendo meccanismi di scala, lo studio misura l’impatto del Covid-19 sul Pil.

Che il metodo sia preciso lo dimostra l’aderenza dei risultati con i dati ufficiali sul Pil del primo trimestre: rispetto alla stima di calo del 5.3% di Eurostat e Ocse, il metodo dell’Università di Trento ha calcolato una perdita del 5.1%, del tutto in linea.

Lo studio poi calcola una perdita del 30% del Pil durante le tre settimane di lockdown a marzo e aprile 2020, quando la maggior parte delle industrie e aziende italiane hanno forzatamente chiuso e soltanto supermercati, farmacie e pochi altri servizi essenziali hanno potuto proseguire l’attività.

In maggio si sono registrati segnali di recupero con l’allentamento delle restrizioni in Italia che ha ridotto lo scarto del Pil a un calo dell’11% rispetto alle stime dello stesso periodo se non ci fosse stata la pandemia.

Entro la fine di giugno, secondo l’analisi, il recupero si è stabilizzato fino a un calo dell’8.5% rispetto ai livelli attesi senza Covid-19. Questo indica che il recupero vero e proprio dalla crisi economica causata dal Covid-19 ha ancora molta strada da fare.

Nella figura riportata sotto, la stima dell’impatto del Covid-19 sul Pil. La linea marcata indica l’impatto medio giornaliero mentre la linea tratteggiata segnala l’intervallo di sicurezza del 95%.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]
  • Botticelli va all’asta: raro dipinto, valore stimato 80 milioni di dollari
    La straordinaria stagione del Rinascimento italiano ammirato da tutto il mondo grazie al domino culturale, economico e sopratutto artistico di quegli anni, attira nuovamente l’attenzione a causa del recente annuncio d’asta di un capolavoro del Botticelli. La nota casa d’Aste Sotheby’s ha infatti comunicato che nel gennaio 2021 verrà messo all’asta un magnifico dipinto del […]

Categorie

di tendenza