Connect with us
Pubblicità

Politica

Dalzocchio (Lega): «Riforma del turismo grande svolta per il rilancio del Trentino»

Pubblicato

-

Via libera nella mattinata alla legge di riforma del turismo dove si è giunti a un accordo tra minoranza e la Giunta con due emendamenti alla legge 53, firmati da tutti i capigruppo, uno all’articolo 5 e l’altro all’articolo 25.

Secondo l’emendamento che modificherà l’articolo 5, le Aree territoriali (Ata) non saranno, come prevedeva la prima stesura del ddl, fissate per legge, ma saranno definite con regolamento dalla Giunta.

Regolamento che dovrà essere sottoposto al parere del Consiglio delle autonomie e dalla commissione consiliare competente. Le Ata saranno al massimo 5 e saranno individuate, non solo per la contiguità territoriale, ma valorizzando l’omogeneità del prodotto e delle vocazioni turistiche

Pubblicità
Pubblicità

Le Apt saranno 11, ma, in deroga fino al 31 dicembre 2022, quelle della Val di Non, Altipiano di Pinè e Valle di Cembra, Terme di Comano – Dolomiti del Brenta e della Val di Ledro, secondo l’emendamento che verrà presentato sull’articolo 25, anche questo sottoscritto dai capigruppo, potranno continuare a operare se però dimostreranno di raggiungere il 51% dei finanziamenti privati, come prevede il ddl di riforma, per l’attività del 2021.

Sul via libera alla riforma è intervenuta il capogruppo della lega Mara Dalzocchio: “A dispetto dell’insistenza con cui le minoranze del Consiglio provinciale seguitano a parlare di «leggina» o di «riforma sbilenca», quella in fase di approvazione è una vera e propria riforma del turismo trentino”.

Dalzocchio sull’argomento era intervenuta anche in aula  dove ha sottolineato gli svariati elementi che caratterizzano nel profondo questa sostanziale novità legislativa, per la quale ha ringraziato la Giunta provinciale e, in particolare, l’Assessore al Turismo Roberto Failoni.

Pubblicità
Pubblicità

“Il carattere di riforma della nuova Legge appare difatti evidente da più aspetti. Si pensi in primo luogo alla vastità dell’articolato, che incide sull’intera governance turistica, cosa che negli ultimi loro dieci anni di governo provinciale i colleghi di centrosinistra – gli stessi che oggi parlano di «leggina» – non sono neppure lontanamente arrivati a fare; ma si pensi soprattutto alla rinnovata visione – con la messa al centro dell’ospite quale nuovo paradigma – che, sul comparto turistico, questa riforma promuove. Trattasi di una rivoluzione direi quasi copernicana, con il passaggio da un «turismo dell’attrattività» a un «turismo dell’esperienza!” – spiega Dalzocchio

Sulle agenzie territoriali d’Area  Dalzocchio ha parlato di “nuovi segmenti d’incontro tra APT e Trentino Marketing all’insegna di prodotti turistici e di tanto altro ancora, che manca qui lo spazio di ricordare ma che costituisce – nel suo insieme – una legge che il Trentino aspettava da oltre 30 anni, dato che l’ultima riforma turistica degna di tal nome data 1986. All’epoca non c’era Internet, mentre oggi, nel 2020, la comunicazione si gioca anzitutto sui canali istantanei dei social. Un cambiamento epocale, quest’ultimo – unitamente a quelli della globalizzazione e della conseguente evoluzione di un turismo ora più che mai a ricerca di eccellenze – che la riforma voluta dall’Assessore Failoni interpreta in modo a mio avviso magistrale.

In aggiunta a ciò, nel corso del suo intervento in Aula Dalzocchio ha affermato che “diversamente da quanto pensano alcuni colleghi di minoranza, secondo i quali la delicata fase attuale avrebbe dovuto rinviare interventi legislativi di simile portata, ho anche sottolineato come proprio il contesto odierno, che vede il Trentino tra l’emergenza sanitaria e i Giochi Olimpiadi del 2026, sia quello più idoneo per avviare riforme che, come nel caso del turismo, investano settori trainanti. Per questo, come ho detto nel corso della discussione, considero questa riforma non solo ottima ma anche quanto mai opportuna, certa che a breve tutti i trentini, non quelli impegnati nel comparto ricettivo, sapranno apprezzarne i frutti”.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Piccoli angoli di paradiso immersi nella natura incontaminata, una perfetta alternativa al mare
    La bellezza incontaminata della natura fatta di scrigni selvaggi e posti da favola, accende la passione per l’Italia e per le sue straordinarie mete che spesso, nascondono scenari incredibili. Non solo acqua di mare, ma anche fiumi, cascate e canyon diventano un luogo ed un’alternativa perfetta per fare il bagno e rilassarsi. Infatti, per chi vuole […]
  • Nuotare nel Reno: un’esperienza unica nel suo genere
    Dalle montagne spettacolari, agli immensi boschi fino alle gole selvagge, la Svizzera circondata dalla sua natura incontaminata diventa inevitabilmente sinonimo di sostenibilità. Questa attenzione si riflette sui consumi, sulla lungimiranza nel riciclaggio della popolazione, ma anche sul turismo. Infatti, il turismo svizzero spinge i suoi visitatori ad entrare quanto più possibile a contatto con l’ambiente […]
  • Kylie Skin, la linea beauty di Kylie Jenner
    “La cura della pelle e il trucco vanno di pari passo e Kylie Skin è qualcosa che ho sognato subito dopo Kylie Cosmetics. Ci ho lavorato per quella che sembra una vita, quindi non posso credere che sia finalmente arrivato! Costruire la mia linea di trucco da zero mi ha insegnato molto e sono così […]
  • The Ordinary – The Balance Set: la skin care di qualità adatta a tutte le tasche
    The Ordinary è un marchio di DECIEM (società ombrello di brand focalizzati su trattamenti avanzati di bellezza) in continua evoluzione di trattamenti per la skin care. The Ordinary offre trattamenti clinici elettivi di cura per la pelle a prezzi onesti. The Ordinary è “Formulazioni cliniche con onestà”. Tutti i prodotti DECIEM,  compresi quelli del brand The Ordinary, […]

Categorie

di tendenza