Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Il sindaco Laura Ricci ha deciso di non ricandidarsi: «Lascio con la serenità e la convinzione di aver fatto tutto ciò che era possibile per la comunità di Croviana»

Pubblicato

-

Laura Ricci e l'immagine che il sindaco di Croviana ha scelto per salutare e ringraziare su Facebook la sua comunità

Laura Ricci ha deciso: non si ricandiderà a sindaco di Croviana.

Dopo 10 anni da primo cittadino ha scelto di dire basta. Lo ha fatto attraverso un lungo post su Facebook, riprendendo l’intervento letto a conclusione dell’ultimo Consiglio comunale.

«Ho deciso di non mettermi a disposizione per una nuova candidatura – scrive Ricci – con la serenità e la convinzione di aver fatto tutto ciò che era possibile per la comunità di Croviana tenendo conto delle risorse economiche, organizzative e umane a disposizione».

Pubblicità
Pubblicità

Si chiude così, con un saluto e un ringraziamento a tutta la comunità, un’avventura amministrativa iniziata nel 2005 come consigliere.

«Amministrare per 15 anni, tempo rapido per certi versi e per altri piuttosto lungo, è il tempo adeguato per apprendere, condividere, realizzare idee, opere e progetti. Molto di più si poteva fare e molto è stato fatto –prosegue il sindaco –. Non rimpiango nulla, se non forse l’ammaccatura di qualche relazione, ma si sa che in quanto relazioni dipendono da entrambi i soggetti. Sono stati belli e entusiasmanti i primi cinque anni, impegnativi i secondi, frutto dei tempi di cambiamento nell’organizzazione comunale e fortemente incentrati a far fronte ad una struttura organizzativa che abbisognava di migliorie e ad un progetto di collaborazione tra comuni che esige, tuttora, un lavoro più fitto e intimo tra le comunità, prima che esso diventi concreto e tangibile. Ciononostante sono convinta questa sia l’unica via desiderabile: collaborare per l’interesse generale. Ringrazio ciascun consigliere e i cittadini di Croviana della fiducia in me riposta e dell’esperienza assimilata».

Laura Ricci racconta come a renderla particolarmente soddisfatta di questi ultimi dieci anni siano gli aspetti meno istituzionali, il vedere le persone in strada a fare festa insieme, la collaborazione che con tanto impegno, fatica e ascolto e non giudizio si può creare in un progetto comune.

Pubblicità
Pubblicità

E poi il Mmape, un gioiello gestito in modo professionale, ammirato in tutto il Trentino come esempio di buona didattica e proposta turistica culturale, la scuola primaria B. Pezzen rinnovata, la palestra e gli spazi comunali utilizzati da tante associazioni del paese e della Val di Sole.

«Mi rende inoltre soddisfatta –aggiunge – restituire un Comune più strutturato e con dei risparmi importanti, una viabilità e una pedonalità ordinate, un’illuminazione pubblica adeguata ai tempi ed a risparmio energetico».

«Ai miei concittadini dico che sedendo in Consiglio siamo rappresentanti e responsabili per le azioni, i gesti, le parole, l’esempio che diamo a tutti, non dimentichiamolo mai e se da una parte il desiderio prevalente emerso dal Referendum del 16 di maggio 2016 è stato quello di non avviare un progetto, che pur con i limiti che tutti conosciamo, avrebbe dato un nuovo corso alla bassa Val di Sole, la responsabilità di amministrare la nostra comunità singolarmente è altrettanto impegno oneroso se si vuole dare un futuro di opportunità e benessere alla comunità che vi abita. Desidero ricordare che siamo parte di una comunità che sta crescendo soprattutto grazie a persone che non sono originarie del paese ma che ne sono parte».

Il primo cittadino chiude con alcuni inviti: «Invito chi amministrerà domani a riflettere sull’importanza di dare buoni esempi, non tralasciando né identità, né complessità del mondo in cui viviamo, sapendo di dover gestire il bene comune attraverso regole ferree, programmando con anticipo e in modo mirato le risorse pubbliche. Invito a riflettere sull’importanza di rappresentare pienamente i generi, femminile e maschile, con la certezza che le donne al pari degli uomini contribuiscono ad arricchire una comunità con idee, progetti, cura e azioni. Invito a riflettere sul fatto che la diversità è ricchezza ed il confronto è un atteggiamento sano, sapendo bene che chi ha responsabilità alla fine deve decidere e deve avere il coraggio di prendere anche decisioni impopolari, per il bene di tutti».

Ricci invita anche a riflettere su quali siano «le basi per unire e non dividere una comunità, perché nelle tante comunità come le nostre serve unità di intenti, serve a chi decide, per prendere giuste e lungimiranti decisioni. Servono buoni consiglieri, sinceri nella parola e nel gesto, che comprendano il senso ultimo delle cose e non si limitino, alla prurigine dei pettegolezzi e sappiano approfondire e chiedere».

Per il sindaco uscente serve inoltre essere in costante disponibilità della comunità, dei giovani, delle associazioni, delle categorie, della scuola, della Chiesa, dei cittadini residenti, dei croviani, ma anche di chi sceglie di fare famiglia a Croviana ex novo e delle attività produttive che si sono insediate.

«Sono tante le anime da considerare e ciascuna di esse ha una sua opportuna ragione per richiedere attenzione all’ente pubblico che ha come obiettivo lo sviluppo, nell’interesse generale – scrive in conclusione Ricci –. Infine, se ancora me lo permettete, segnalo alcuni aspetti trasversali che credo importanti come l’attenzione alle persone di ogni età e al creare occasioni di incontro e di crescita, la salvaguardia delle valli, dei rii sovrastanti al paese e del territorio in generale, la riorganizzazione viabilistica della via principale che esige un’unità di intenti sovracomunale ed in generale la cura e l’ordine dell’aspetto del paese».

«Ringrazio ancora e auguro un buon lavoro a tutti coloro che candideranno nei prossimi giorni con l’auspicio che prevalgano pensieri alti e, se necessari all’interesse generale, coraggiosi e lungimiranti».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza