Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Naso elettronico: finiti gli odori molesti a Villa Lagarina

Pubblicato

-

La qualità dell’aria a Villa Lagarina è buona: non ci sono particolari presenze di inquinanti e si sono attenuati anche i cattivi odori segnalati diversi mesi fa.

La fonte delle puzze era la Cartiera che però stava già operando alcuni interventi di miglioramento e mitigazione dell’impatto tanto che, come spiega l’ispettore ambientale dell’Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente (APPA) Gabriele Tonidandel: «L’indagine è servita a certificare il miglioramento che di fatto era già in atto. In un anno, il naso elettronico ha rilevato la puzza 5 volte, per un tempo di circa un’ora, un’ora e mezza l’una».

L’assessore all’ambiente Marco Vender spiega: «Qualche cattivo odore, di tanto in tanto, si sente ancora ma con lo Sportello ambiente comunale e grazie alle segnalazioni dei cittadini continuiamo a tenere alta l’attenzione e fare le verifiche del caso. Molto importante che nei giorni scorsi la cartiera abbia messo in funzione il nuovo essiccatore dei fanghi biologici che lavora in atmosfera controllata e abbatte ulteriormente le fastidiose emissioni odorose. Stanno inoltre proseguendo i lavori di posa in opera della tubazione che trasporterà le acque depurate di risulta direttamente in Adige bypassando il rio Molini».

Pubblicità
Pubblicità

L’occasione è buona per tracciare un bilancio del monitoraggio. A raccontare i dettagli è ancora l’ingegner Tonidandel.

«Sapevamo già che nell’aria di Villa Lagarina non c’erano particolari inquinanti. Ma quello dell’odore è un problema anch’esso importante, rappresentando una molestia. Sul tema non c’è una norma nazionale e anche a livello europeo non c’è molto».

Utile in tal senso è stata la recente esperienza a Rovereto dopo che già nel 2012 il Consiglio comunale di Villa Lagarina aveva approvato un ordine del giorno con il quale si portava all’attenzione della Giunta provinciale il problema della regolamentazione delle emissioni odorigene connesse alle attività produttive artigianali e industriali: «Nel 2015 e 2016 c’erano grossi problemi di puzze e la giunta roveretana di allora aveva richiesto delle linee guida. Bisognava dare delle misure rispetto alle soglie di percezione, intese come numero di episodi e di ore per episodio. A Rovereto c’era un ulteriore problema: le aziende sono molte e servivano dati oggettivi per individuare l’emittente degli odori. A Villa Lagarina è apparso subito chiaro che la fonte era la Cartiera, in particolare col depuratore dei fanghi. Abbiamo impostato una campagna di monitoraggio che doveva durare tre mesi, in realtà è durata un anno: iniziata a fine maggio 2019, abbiamo smontato gli strumenti lo scorso aprile. Il recettore è stato posizionato all’angolo tra via Giardini e via Oriola».

Pubblicità
Pubblicità

Come funziona il “naso”? «La macchina va prima istruita: dunque la abbiamo esposta ai punti più puzzolenti – vasche del depuratore e i container dei fanghi – trovando sempre grande collaborazione in Cartiera. Nella fase in cui si sono accumulate le segnalazioni, la Cartiera stava affrontando un problema per lo smaltimento dei fanghi, che poi è stato risolto. Inoltre, ha poi costruito la copertura per la carta da macero, che dunque non si bagna e non marcisce più. Contavamo di fare ulteriori rilievi più verso il centro, ma allo stato delle cose sembra inutile procedere».

Pubblicità
Pubblicità

Dalla Cartiera, il responsabile d’azienda Stefano Pretto spiega: «Cartiere Villa Lagarina SpA ripone grande attenzione al continuo miglioramento dell’ambiente in cui opera sin dal 2005, anno in cui l’opificio è stato acquistato dal gruppo cartario Pro-Gest. Il Gruppo investe con l’obiettivo di ridurre le emissioni nell’ambiente e migliorare l’impiego di energie necessario per i processi produttivi. Pro-Gest è la prima realtà europea ad aver ottenuto la certificazione di custodia forestale FSC® e PEFC di tutta la filiera. Negli ultimi mesi, Cartiere Villa Lagarina Spa si è focalizzata sulla riduzione degli odori installando dispositivi e apparecchiature. Tra questi un impianto per l’essiccazione dei fanghi biologici provenienti dall’impianto di depurazione: un intervento fortemente voluto per venire incontro alle esigenze del Comune in merito a odori e riduzione dei fanghi stoccati, grazie alla loro disidratazione. L’impianto di essiccazione lavora con un procedimento completamente automatico; il processo è a bassa temperatura (35°-130°C) e permette di recuperare l’energia termica dei camini della cartiera stessa, risparmiando molta energia e raffreddando i vapori in uscita. I vantaggi in termini ambientali sono molteplici in quanto l’essiccazione permette l’azzeramento degli odori provenienti dal “digestato”. Inoltre, grazie alla riduzione del volume di fanghi, si è ridotto notevolmente il traffico veicolare pesante».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza