Connect with us
Pubblicità

Ambiente Abitare

Prima uscita della Sat di Arco alla Cima Sassopiatto

Pubblicato

-

Dopo il blocco dell’attività escursionistica a causa dell’epidemia Coronavirus, con la prima domenica di agosto, la Sat di Arco ha ripreso l’attività escursionistica, con un’uscita alla vetta del Sassopiatto a 2958 metri.

La partenza è avvenuta al Rifugio Passo Sella 2180 metri, e quindi seguendo il sentiero Friedrich August fino ai rifugi Pertini, si è arrivati in circa due ore al rifugio SassoPiatto, in un percorso di saliscendi, molto frequentato da escursionisti in questo periodo.

A questo punto, il gruppo si è diviso in due, c’è chi è rimasto al Rifugio Sassopiatto a 2300 m, mentre gli altri arditi escursionisti esperti hanno proseguito per la vetta.

Pubblicità
Pubblicità

Per raggiungere la vetta ci sono volute due ore circa, lungo un tracciato sassoso, abbastanza ben segnato, che ha portato fino alla cima, da dove si può ammirare un panorama eccezionale a 360 gradi, scorgendo le cime della Marmolada, Cima Uomo, Sass Pordoi, Catinaccio, Sciliar, Odle, Il Dente di Terrarossa e molte altre.

Nonostante le previsioni poco invitanti, la giornata è stata ottimale, alternando qualche nuvola, qualche goccia di pioggia, al sole splendente. In vetta un po’ di foschia nella parte verso l’Alpe di Siusi ha precluso un po’ la vista, o meglio ha permesso in molti momenti di assistere a panorami stupendi in cui sole e nuvole si amalgamavano, dando luogo ad affreschi di paesaggio unici e particolari.

La discesa poi si è svolta lungo la val Duron ed è terminata a Campitelo di Fassa. La compagnia delle marmotte con i loro fischi, le particolari mucche di razza scozzese, insieme a molte stelle alpine, hanno accompagnato gli escursionisti durante il percorso.

Pubblicità
Pubblicità

Adriano, l’accompagnatore CAI e guida del gruppo, si è detto molto soddisfatto della giornata, che contro ogni previsione metereologica, si è rivelata ottimale per camminare, evitando sia pioggia che troppo sole. Anche i partecipanti, tutti un po’ arruginiti in questa stagione per l’inattività a causa del Covid, si sono dimostrati all’altezza, e hanno apprezzato il giro, un classico percorso delle Dolomiti. E’ stato un buon allenamento per le prossime uscite, e pensare con nuovo entusiasmo e speranza di godersi l’estate nonostante la situazione ancora difficile e piena di incognite.

L’ uscita si è svolta rispettando tutti i parametri e le misure di sicurezza anticovid, per cui è stata obbligatoria

la compilazione del modulo di autocertificazione prima di effettuare l’escursione. l’uso della mascherina sul pulmann, e nello zaino, e il disinfettante.

Negli obiettivi per il prossimo triennio della Sat di Arco, dice la guida Adriano, c’è un forte impegno per valorizzare il rapporto con l’ambiente, preservando l’integrità del “paradiso terrestre montano trentino”, attraverso la conoscenza del territorio, con attività anche di conoscenza e informazione, a tutti i livelli. Questo perché è un dovere mantenere integro un patrimonio anche per le nuove generazioni, e rispettare gli animali e le piante che hanno il loro habitat naturale in questo territorio.

Solo con il rispetto della Natura si può pensare di non rovinare un ecosistema che vive da milioni di anni, e in cui l’uomo è solo una parte e non può rovinarlo per incuranza e motivi economici.

Al temine dell’ escursione, una birra fresca in rifugio per chiudere la giornata in allegria è momento molto piacevole per tutti.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza