Connect with us
Pubblicità

Trento

Assestamento di bilancio: mezzo milione di euro a sostegno del mondo dello spettacolo

Pubblicato

-

Alle 12.30 di ieri il Consiglio provinciale – dopo ben 4.756 votazioni – ha approvato l’assestamento del bilancio preventivo Pat 2020, con 20 sì e le 2 astensioni degli unici consiglieri di minoranza rimasti nell’emiciclo, cioè De Godenz e Lorenzo Ossanna.

Il testo delinea in modo analitico le linee di azione che si chiedono al governo provinciale per pilotare il Trentino fuori dall’emergenza e dalla crisi attuali.

Si parla di Pubblica amministrazione improntata a obiettivi e risultati, di prospettiva macroregionale, di Agenda 2030 delle Nazioni Unite, di scuola organizzata il più possibile in presenza, di formazione dei docenti, sviluppo delle tecnologie telematiche, politiche per la casa, politiche attive per il lavoro, welfare aziendale, rafforzamento e patrimonializzazione delle aziende.

Pubblicità
Pubblicità

Nell’assestamento è stato dato un occhio di riguardo anche al mondo dello spettacolo, un settore molto penalizzato dalla grave emergenza sanitaria.

Alessia Ambrosi a riguardo aveva proposto un emendamento per la creazione di un fondo straordinario che corresse in aiuto ai lavoratori del comparto.

L’emendamento è stato approvato ed è significativo sia sotto il profilo economico sia, sotto quello sociale e politico.

Pubblicità
Pubblicità

«La mia è davvero una grande soddisfazione e deriva dal fatto che tale Fondo Straordinario va in aiuto ad un comparto di lavoratori – quelli dello spettacolo, appunto – che da un lato è stato tra i maggiormente colpiti e penalizzati dalla pandemia e, dall’altro, è spesso anche tra i più dimenticati. Fino a ieri, s’intende; perché con questo emendamento, frutto di tavoli di lavoro, audizioni in quinta commissione cultura, e votato all’unanimità dall’aula, è stato lanciato un segnale forte»dichiara la consigliera Leghista.

Secondo Alessia Ambrosi questo è un segnale, in particolare, di vicinanza concreta e di supporto tangibile per i tanti operatori economici, anche costituiti in associazione, operanti sul territorio provinciale, oltre che per i singoli professionisti dello spettacolo – artisti e tecnici – che operano in regime di ditta individuale o partita Iva.

«É evidente, a questo proposito,  – conclude la presidente della quinta commissione – che mezzo milione di euro non potrà compensare tutti i disastrosi effetti anche locali della pandemia a danno dell’ambito dello spettacolo; ma ritengo tra i più nobili fini della politica ci sia quello di operare facendo attenzione a non lasciare indietro nessuno, che è precisamente lo scopo del Fondo introdotto nell’Assestamento di Bilancio».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza