Connect with us
Pubblicità

Politica

Pattini ci ricasca, Moranduzzo: «Sulla sicurezza a Trento dal Patt solo belle parole»

Pubblicato

-


Le uscite e le stravaganze del consigliere comunale del Patt Alberto Pattini piccolo vassallo di Franco Ianeselli sono ormai all’ordine del giorno, soprattutto in prossimità delle elezioni.

Per lui si registra una nuova contraddizione.

Nella giornata di ieri ha voluto incontrare il titolare dell’hotel Everest Giorgio Sembenotti dopo l’aggressione subita dai suoi dipendenti da un gruppo di Rom ubriachi.

Pubblicità
Pubblicità

L’incontro però sembra non sia andato come sperava. Infatti l’esponente della maggioranza di centro sinistra è stato accolto fra il gelo assoluto. 

Poi ha avuto anche la «grande» idea di presentare, pubblicizzandola con una gran cassa mediatica, una domanda di attualità ponendo un quesito al sindaco e a alla sua maggioranza (cioè anche a se stesso).

Alberto Pattini ha deciso di chiedere spiegazioni in merito ad un’aggressione avvenuta presso l’Hotel Everest in corso degli Alpini a Trento, ma è talmente interessato alla cosa che sbaglia anche data collocando  l’episodio come successo la domenica anziché il sabato (sotto lo scritto di Pattini): roba da non credere insomma.

Pubblicità
Pubblicità

Non solo: Pattini chiede se la polizia abbia identificato gli aggressori Rom quando già ieri pomeriggio la Questura attraverso i media aveva già informato di aver preso delle misure contro gli aggressori. Siamo quindi al paradosso: un consigliere comunale presenta una interrogazione riportando la data dell’episodio sbagliata e chiedendo cose alle quali gli interessati hanno già dato risposta. Propaganda? Strumentalizzazione? Poco informazione? Ai posteri l’ardua sentenza. Saranno i cittadini e soprattutto gli elettori a rispondere.

L’iniziativa di Pattini pubblicata sulla sua pagina facebook non ha avuto molto successo: due soli gli interventi degli internauti molto critici nei suoi confronti.

Sul quanto successo ieri è intervenuto anche Devid Moranduzzo che spiega come sia difficile «far dimenticare ai cittadini 11 anni di amministrazione targata PATT-PD fallimentare per la città di Trento».

«Apprendo – scrive Moranduzzo in una breve nota –  che il Consigliere comunale Alberto Pattini ha deciso di chiedere spiegazioni in merito ad un’aggressione avvenuta presso l’Hotel Everest in corso degli Alpini a Trento. Non risultano – al momento – aggressioni avvenute nella giornata di domenica, eppure il Consigliere Pattini ha affermato che questa si sia svolta di domenica e non di sabato: nei fatti ennesimo esempio di come ci sia scarsa attenzione da parte della coalizione di centrosinistra a quanto avviene in città tanto da presentare una domanda di attualità inesatta. Spero che si sia trattato di una semplice svista».

E ancora: «Un fatto increscioso, ma non ci stupiamo più di nulla. Trento necessita di un’amministrazione comunale che mostri maggiore attenzione nei confronti della sicurezza, chiedendo – per esempio – l’utilizzo dell’esercito nei punti più delicati della Città, così come da me richiesto in una mozione approvata nel 2018 – sottoscritta anche da tutti i miei colleghi di partito – quando sedevo nei banchi del Consiglio comunale».

Nella mozione Moranduzzo impegnava il Sindaco e la Giunta Comunale a stabilire quanto prima dei contatti con le autorità militari preposte e presenti sul territorio, allo scopo di pianificare un contributo da parte dell’Esercito Italiano, con mezzi e uomini, alle Forze dell’Ordine che attualmente stanno già presidiando il territorio cittadino; a concordare con le autorità militari preposte, la presenza fissa di pattuglie dell’Esercito Italiano nell’ambito dell’operazione “Strade sicure” nei posti sensibili della città, come ad esempio piazza Dante, piazza S.Maria Maggiore, via Pozzo e le zone ad alto rischio di episodi criminosi come il quartiere del Magnete, del Tridente e di Canova di Gardolo e a concordare tempestivamente con le autorità militari preposte e con i responsabili delle Forze dell’Ordine già presenti sul territorio, l’eventuale estensione ad altri rioni cittadini del supporto di uomini e mezzi dell’Esercito Italiano nell’ambititi dell’Operazione Strade Sicure, qualora se ne verificasse la necessità.

Moranduzzo ora chiede «cosa è stato fatto da allora se non una politica da parte del centrosinistra che si è basata solo su promesse vaghe e senza alcun obiettivo raggiunto. Questo lo fa soprattutto il PATT che promette e basta. E’ tempo di cambiare»

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza