Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Ti droghi? Quasi. Vendita legale di cannabis light a Caldonazzo, genitori contrari

Pubblicato

-

immagine di repertorio

Chi ci legge sa da tempo che la Voce è il megafono dei cittadini. Questa volta la segnalazione ci arriva da un gruppo di genitori di Caldonazzo.

La cittadina in riva al lago ha un bel parco, campi da tennis, scuole e un aspetto rassicurante per gli abitanti di questo tranquillo borgo di provincia.

I bambini vanno e vengono dalle lezioni, gli adolescenti si riuniscono nei prati o sulle panchine dei numerosi spazi verdi. Ma che succede se improvvisamente qualcosa viene a turbare la fiducia che i genitori ripongono sui figli, come ad esempio l’apertura di uno spazio che può idealmente diventare una bottega di attrazioni degne di Lucignolo?

Pubblicità
Pubblicità

È il caso della recente inaugurazione di un negozio per la vendita legale di cannabis light, strategicamente situato nel punto di passaggio e ritrovo della gioventù del luogo.

E’ tutto legale, viene da pensare, e non si può fare nulla, gli affari sono affari, il commercio deve prosperare ecc.. Qui però si parla di opportunità, di scelta, di prevenzione.

Va detto che il Consiglio Superiore della Sanità appena pochi mesi addietro aveva dato un parere negativo sulla vendita della canapa nei negozi di cannabis light poiché, sempre secondo il CSS, vi sono soggetti che potrebbero essere particolarmente esposti agli effetti della cannabis, anche con un basso livello di principio attivo.

Pubblicità
Pubblicità

Accanto al parere il CSS aveva detto di auspicarsi “che siano attivate, nell’interesse della salute individuale e pubblica e in applicazione del principio di precauzione, misure atte a non consentire la libera vendita dei suddetti prodotti”.

In sostanza, il Consiglio Superiore della Sanità ha detto di non essere in grado di escludere la pericolosità dei prodotti in vendita negli shop di cannabis light.

Non è certo un mistero che sempre più adolescenti inizino ad usare eroina o droghe analoghe dopo un passaggio, spesso nemmeno troppo lungo, di utilizzo di cannabinoidi (brutalmente: dallo spinello al buco). E non è nemmeno un mistero che la cannabis utilizzata per gli spinelli della nostra gioventù più debole (e meno informata) è trattata con sostanze oppiacee che ne accelerano il passaggio a sostanze più forti, più costose e spesso letali.

Mettetevi nei panni di un ragazzino curioso, come è giusto che siano i ragazzini. Passa davanti ad un negozio che ha mille richiami di un qualcosa che ha a che fare con ragazzi più grandi, all’apparenza indipendenti e socialmente brillanti, specialmente con le ragazze.

Poniamo che in qualche modo il ragazzino riesca, anche per emulazione, a procurarsi questo qualcosa, il simbolo di uno spirito free tanto caro agli adolescenti, che di fatto rappresenta un certo stile di vita alternativa, apparentemente libera da pastoie borghesi e ancora lontana dalle responsabilità morali di chi ha famiglia e gli impegni dati da un lavoro per mantenerla.

E il simbolo di uno stile, fatto di rappresentazioni di piante allucinogene, strumenti per utilizzarle, abbigliamento identitario e sostanze similari seppure innocue a quelle che portano agli psicoviaggi dei tossici può contribuire ad essere un primo passo per arrivare a quello successivo, l’acquisto di cannabis vera, quella che scompensa sul serio, quella che nella maggior parte dei casi porta diritta alle droghe pesanti e alla fine dei giochi, con la morte dell’innocenza e di riflesso della famiglia.

I genitori che si sono rivolti alla Voce è giusto che avvertano queste preoccupazioni, chi assiste agli incontri promossi da S. Patrignano unitamente all’arma dei Carabinieri sul rischio delle droghe in famiglia viene colpito da un fatto: l’estrema facilità con cui si passa da una vita spesso serena e priva di scossoni emotivi, diretta a formarsi un futuro costruttivo che porti benessere e indipendenza, a quella di un adolescente tossico, dipendente, privo di dignità, con il corpo in decadenza e le sinapsi bruciate tranne per una riserva attiva: quelle necessarie a procurarsi droga, con ogni mezzo.

La chiave che apre le porte di questo Inferno è nella maggior parte dei casi il primo spinello, a cui, persino molti genitori, danno la stessa importanza di una sigaretta. Ma non è il caso dei genitori di Caldonazzo.

Soluzioni? Poche allo stato attuale, mentre le sale giochi sono state allontanate dalle scuole e dai luoghi di ritrovo dei minori, un negozio di cannabis legale può idealmente aprire di fronte ad una scuola media.

Non sappiamo quanto serva un ragionamento basato sulla distanza, riteniamo che la prevenzione sia ancora la forma più efficace di contrasto al fenomeno della tossicodipendenza tra gli adolescenti.

Tempo fa alcune province illuminate avevano promosso dei corsi finalizzati a formare gli esercenti delle sale giochi o degli apparecchi da scommesse aleatorie sul rischio della dipendenza dal gioco, preparandoli a vigilare i soggetti a rischio, con la facoltà di intervenire, segnalare e di riflesso aiutare i ludopatici.

Non sarebbe male pensare ad un qualcosa del genere anche per chi vende sostanze legali, peraltro comunemente chiamate da molti genitori “droghe leggere”. Un errore certo, che però la dice lunga sulla percezione del fenomeno commerciale dei cannabis shop, e dell’allarme sociale che sta destando nelle famiglie.

In mancanza di norme specifiche potrebbe essere interessante operare un confronto mediante le istituzioni, S.Patrignano e i Carabinieri tra gli esercenti di cannabis legale e i genitori, e promuovere delle iniziative di informazione e dissuasione all’upgrade del principio attivo, all’interno degli esercizi che vendono tali sostanze e tutta l’accessoristica annessa.

Questo è quanto propongono gli allarmati genitori di Caldonazzo, ci sembra una proposta sensata e la sposiamo in toto. Speriamo sia lo stesso per le istituzioni.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza