Connect with us
Pubblicità

Trento

La cascata di Sardagna: un’ occasione di rilancio per Trento

Pubblicato

-

Quante città al mondo hanno nel loro comune una cascata con un salto d’acqua di 200 metri in bella vista sul panorama della città? Eppure sembra che a Trento nessuno si sia mai accorto della sua presenza e delle grandi potenzialità di valorizzazione.

Si parla tanto di idee per il turismo, piani di rilancio del Bondone, progetti per la città di Trento, e ….una soluzione ce l’abbiamo sotto gli occhi!

Un piano di recupero della destra Adige, dopo che si è fatto terra bruciata dell’ex Italcementi, non è solo necessario, ma vitale per la città. E poco si sembra si sia fatto, e poco sembra si voglia fare.

Pubblicità
Pubblicità

Ogni città che si sviluppa lungo un fiume, di solito, e basta muoversi un po’ in Europa e nel mondo, valorizza lo spazio fluviale e le zone adiacenti come aree adatte per l’incontro e il tempo libero. A Trento si è pensato, per quello che si è visto, prima alla realizzazione di spazi abitativi, cercando di trovare l’affare della vita, per poi trovarsi nella realtà del fallimento.

Questo perché sembra non esserci la voglia o capacità di sviluppare una visione di città e il suo fiume con spazi adiacenti.

Mi ha sempre fatto pensare, anche da sociologo, come in una città dove la sociologia urbano rurale ha una tradizione anche accademica, che si declina in pianificazione del territorio a livello non solo di spazio urbano, ma soprattutto di centri di vita, aggregazione e organizzazione dell’entropia pubblica, il perché non ci sia una visione lungimirante dello sviluppo del territorio quando questo necessita di una pianificazione pluriennale.

Pubblicità
Pubblicità

Chissà, forse la visione non è patrimonio della politica e dei vari consulenti incaricati di dare idee e soluzioni ai politici poco lungimiranti. L’importante è essere pagati, dei risultati, dei fatti, della qualità dei progetti, quello rimane solo un dettaglio.

Tornando alla cascata, se chiedete a chi passa per Trento per la prima volta, quello che notano sono la cascata e la funivia di Sardagna. Ambiti che i trentini, che ce li hanno sotto gli occhi, sono abituati a non vedere più di tanto nei termini di potenziale interesse turistico.

La leggenda narra che un pastore che pascolava il gregge nei prati del Bondone, in un momento in cui stava riordinando il gruppo e cercava alcune pecore disperse, ebbe la disgrazia di cadere dalle pendici della parete di roccia, e così mori.

La moglie che non lo vide arrivare, cominciò le ricerche, e lo trovo morto. Dal suo pianto incessante e pieno di dolore iniziò la cascata. Comunque se qualcuno, per pura semplice curiosità, volesse raggiungere più da vicino questa cascata, si trova in difficoltà.

Non c’è un accesso, non c’è un sentiero Sat, un sentiero improvvisato, o indicazione di sorta. Ci si trova davanti ad un cancello della proprietà vescovile, con un bel cartello “Proprietà privata”, nella tenuta di San Nicolò.

Dalla città partendo dal ponte di san Lorenzo, non ci sono indicazioni, si vede sopra la testa questa enorme cascata, e non si può avvicinarsi più di tanto. Eppure penso che sarebbero in molti curiosi a volere vedere da vicino questo angolo di “fresca natura”.

Anche si volesse tentare l’accesso per vie boschive, manco un sentierino striminzito un po’ decente si può trovare. Insomma, questo accesso alla cascata non sa da fare. Comunque la cascata, nella parte alta, parte nei pressi del cimitero di Sardagna, e il salto d’acqua è di quasi 200 metri, giungendo nello spazio di san Nicolò e proseguendo in un piccolo ruscello fino all’Adige.

Le possibilità per valorizzare questo ambito di territorio trentino ci sono, basta volerlo. Anche la Sat potrebbe prendersi carico della questione dell’accesso alla cascata, magari nella rimodulazione del sentiero che da Belvedere giunge a Sardagna, o in qualche altra possibilità di accesso.

Se la visione del futuro della città poi fosse più consistente, un collegamento dal Muse verso la destra Adige e quindi una passeggiata alla cascata, con panchine e tavolini e magari anche mettiamoci un posto di ristoro, non sarebbe da scartare.

Con 100000 persone che hanno tempo libero e voglia di godere degli spazi del comune, in particolare le montagne che circondano la città, sia a piedi, sia in M-bike, sembra una prospettiva più che opportuna.

Ci vuole coraggio, volontà di agire, lasciando perdere i ragionamenti elettoralistici. Ci si deve chiedere che tipo di futuro sostenibile abbiamo in mente per Trento e il suo territorio comunale. Centomila persone sarebbero contente di vedere realizzate novità per colmare gli spazi di tempo con itinerari e passeggiate ben curate e ben accessibili.

Un vero peccato, anche da quanto dicono persone di passaggio, che non conoscono Trento, e vedono la parte destra dell’Adige per quello che gli occhi possono vedere.

Anche il turismo estero ne trarrebbe beneficio, nessuno si negherebbe una visita alla cascata, magari in un progetto più articolato con l’accesso dall’alto tramite la funivia.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob
    Il fenomeno criptovalute è così attuale e crescente, tanto da spingere il numero uno della Consob, Paolo Savona a lanciare un’allarme sulla situazione. La similitudine tra criptovalute e mutui subprime Savona infatti, ha dedicato un... The post Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza