Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Consiglio choc della viceministro M5s: «Ristoratori in crisi? Cambino lavoro». Commercianti sul piede di guerra

Pubblicato

-

ristoratori che non hanno più clienti devono cambiare mestiere: “La crisi ha spostato la domanda e l’offerta. Le persone hanno cambiato il modo di vivere e bisogna tenerne conto“. Il consiglio arriva direttamente dal viceministro dell’Economia, Laura Castelli, che con poche ma brutali parole ha fatto capire quale sia l’approccio del governo giallorosso a una crisi senza precedenti.

Le parole di Castelli – Nelle ultime settimane diverse categorie, dai commercianti agli addetti al settore ospitalità, si sono lamentati per la risposta offerta dall’esecutivo guidato da Giuseppe Conte. La crisi è sempre più grande e lo Stato sembrerebbe non essere intenzionato a offrire un salvagente a chi è sul punto di annegare e chiede disperatamente aiuto.

Dopo bonus discutibili e soldi a pioggia, Castelli, esponente del Movimento 5 Stelle, ha spiegato al Tg2 che se i clienti non affollano più le stanze dei ristoranti italiani la colpa è del mercato. Non degli effetti della crisi scaturiti dalla pandemia di Covid, neppure dagli errori del governo. La causa è da ricercare altrove.

Pubblicità
Pubblicità

La soluzione? Un alzata di spalle e festa finita. I ristoratori inizino a cambiare mestiere. Sia chiaro, il governo sarà pronto a sostenerli. “Bisogna aiutare gli imprenditori creativi a muoversi nei nuovi business. Se una persona decide di non andare più a sedersi al ristorante bisogna aiutare l’imprenditore a fare un’altra attività e non perdere l’occupazione“, ha sostenuto con estrema naturalezza Castelli.

E pensare che l'”idea” di Castelli era arrivata in risposta a un ristoratore di Milano che spiegava come lui – e molti altri colleghi – dovessero sorbirsi un calo dell’80% degli affari. Tra la paura del virus, lo smart working, che costringe gli uffici a lavorare a ranghi ridotti, e l’esigenza di risparmiare, la clientela è ormai ridotta all’osso. “Non abbiamo ricevuto aiuti sufficienti“, si lamentava il ristoratore milanese.

La reazione dei commercianti – Le parole del viceministro hanno scatenato polemiche su polemiche. Paolo Trancassini, deputato di Fratelli d’Italia, nonché proprietario del ristorante più antico di Roma, in attesa che il Guinnes dei record lo certifichi come il più antico al mondo, ha risposto per le righe all’uscita di Castelli.

Pubblicità
Pubblicità

Ascoltare il viceministro Laura Castelli consigliare ai ristoratori, me compreso, di cambiare mestiere lascia increduli e genera rabbia in ognuno di noi”, ha sbottato Trancassini. ‘‘Sorprende la superficialità dell’approccio ad un tema così drammatico, che ricordo alla ‘ignorante’ rappresentante del Governo, riguarda non pochi ristoratori ma migliaia di posti di lavoro legati all’enorme filiera della ristorazione”, ha aggiunto.

Se ”un governo di incapaci” si arrende davanti alla crisi del settore ”con una presunzione inaccettabile” e ”resta sordo” alle proposte concrete per affrontare questa problematica, il problema non è tanto del mercato ma di chi dovrebbe guidare il Paese verso la ripresa post Covid. ”No viceministro Castelli, io non cambio mestiere, lo cambi lei così da regalarci almeno una speranza”, ha ribadito Trancassini.

Lo chef Gianfranco Vissani ad Adnkronos commenta duramente le parole del viceministro Castelli: “Dovrebbe cambiare mestiere lei, perché non è all’altezza di giudicare! Si dovrebbe vergognare di quello che ha detto. Dovrebbe cambiare mestiere lei, non i ristoratori che hanno il 13% del Pil. Lei prende lo stipendio dallo Stato, o bene o male che faccia. Dovrebbero cominciare a pagare i debiti che lo Stato ha, con me ad esempio, che non sono stati mai saldati da vent’anni“.

L’opposizione insorge: “Castelli si dimetta” -Ancora più esplicite le parole di Francesco Zicchieri, vice presidente del gruppo Lega alla Camera e coordinatore del partito. Zicchieri ha definito ”ignobile e vergognosa” la dichiarazione di Castelli. Parole, quelle del viceministro, che offendono ”migliaia di imprenditori, operatori e loro dipendenti che stanno affrontando una crisi gravissima senza alcun sostegno dallo Stato”. Zicchieri ha concluso la sua replica intimando a Castelli di dimettersi, ”mettendo fine a due anni di gaffes, strafalcioni e idiozie varie”. ”Dopo Beppe Grillo che definisce Roma una fogna, ora la Castelli che se ne esce con questa frase vergognosa: la dimostrazione che tra i 5 Stelle sono ormai allo sbando, in piena crisi di nervi“, ha concluso il leghista.

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, affonda: “Dopo aver massacrato il settore dell’ospitalità con divieti e regole assurde e aver multato gli esercenti che scendevano in piazza perché chiedevano aiuto, l’ultima trovata del Governo giallorosso arriva dalla grillina Castelli: i ristoratori che non hanno più clienti devono cambiare lavoro. Sono senza parole. Sarebbe questa la gente che dovrebbe aiutare l’Italia a ripartire?“.

Il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Mariastella Gelmini, lancia la sua accusa su Facebook: “La viceministro Laura Castelli, invece di andare in tv e farci improbabili lezioni di economia politica, conti fino a 10 prima di aprir bocca e abbia più rispetto per chi lavora, per chi sta facendo i salti mortali per rialzare la serranda pur senza aver ricevuto un euro in questi mesi di lock down. Qui gli unici a dover cambiare lavoro sono Conte, Castelli e compagni“.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]

Categorie

di tendenza