Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Consiglio choc della viceministro M5s: «Ristoratori in crisi? Cambino lavoro». Commercianti sul piede di guerra

Pubblicato

-

ristoratori che non hanno più clienti devono cambiare mestiere: “La crisi ha spostato la domanda e l’offerta. Le persone hanno cambiato il modo di vivere e bisogna tenerne conto“. Il consiglio arriva direttamente dal viceministro dell’Economia, Laura Castelli, che con poche ma brutali parole ha fatto capire quale sia l’approccio del governo giallorosso a una crisi senza precedenti.

Le parole di Castelli – Nelle ultime settimane diverse categorie, dai commercianti agli addetti al settore ospitalità, si sono lamentati per la risposta offerta dall’esecutivo guidato da Giuseppe Conte. La crisi è sempre più grande e lo Stato sembrerebbe non essere intenzionato a offrire un salvagente a chi è sul punto di annegare e chiede disperatamente aiuto.

Dopo bonus discutibili e soldi a pioggia, Castelli, esponente del Movimento 5 Stelle, ha spiegato al Tg2 che se i clienti non affollano più le stanze dei ristoranti italiani la colpa è del mercato. Non degli effetti della crisi scaturiti dalla pandemia di Covid, neppure dagli errori del governo. La causa è da ricercare altrove.

Pubblicità
Pubblicità

La soluzione? Un alzata di spalle e festa finita. I ristoratori inizino a cambiare mestiere. Sia chiaro, il governo sarà pronto a sostenerli. “Bisogna aiutare gli imprenditori creativi a muoversi nei nuovi business. Se una persona decide di non andare più a sedersi al ristorante bisogna aiutare l’imprenditore a fare un’altra attività e non perdere l’occupazione“, ha sostenuto con estrema naturalezza Castelli.

E pensare che l'”idea” di Castelli era arrivata in risposta a un ristoratore di Milano che spiegava come lui – e molti altri colleghi – dovessero sorbirsi un calo dell’80% degli affari. Tra la paura del virus, lo smart working, che costringe gli uffici a lavorare a ranghi ridotti, e l’esigenza di risparmiare, la clientela è ormai ridotta all’osso. “Non abbiamo ricevuto aiuti sufficienti“, si lamentava il ristoratore milanese.

La reazione dei commercianti – Le parole del viceministro hanno scatenato polemiche su polemiche. Paolo Trancassini, deputato di Fratelli d’Italia, nonché proprietario del ristorante più antico di Roma, in attesa che il Guinnes dei record lo certifichi come il più antico al mondo, ha risposto per le righe all’uscita di Castelli.

Pubblicità
Pubblicità

Ascoltare il viceministro Laura Castelli consigliare ai ristoratori, me compreso, di cambiare mestiere lascia increduli e genera rabbia in ognuno di noi”, ha sbottato Trancassini. ‘‘Sorprende la superficialità dell’approccio ad un tema così drammatico, che ricordo alla ‘ignorante’ rappresentante del Governo, riguarda non pochi ristoratori ma migliaia di posti di lavoro legati all’enorme filiera della ristorazione”, ha aggiunto.

Se ”un governo di incapaci” si arrende davanti alla crisi del settore ”con una presunzione inaccettabile” e ”resta sordo” alle proposte concrete per affrontare questa problematica, il problema non è tanto del mercato ma di chi dovrebbe guidare il Paese verso la ripresa post Covid. ”No viceministro Castelli, io non cambio mestiere, lo cambi lei così da regalarci almeno una speranza”, ha ribadito Trancassini.

Lo chef Gianfranco Vissani ad Adnkronos commenta duramente le parole del viceministro Castelli: “Dovrebbe cambiare mestiere lei, perché non è all’altezza di giudicare! Si dovrebbe vergognare di quello che ha detto. Dovrebbe cambiare mestiere lei, non i ristoratori che hanno il 13% del Pil. Lei prende lo stipendio dallo Stato, o bene o male che faccia. Dovrebbero cominciare a pagare i debiti che lo Stato ha, con me ad esempio, che non sono stati mai saldati da vent’anni“.

L’opposizione insorge: “Castelli si dimetta” -Ancora più esplicite le parole di Francesco Zicchieri, vice presidente del gruppo Lega alla Camera e coordinatore del partito. Zicchieri ha definito ”ignobile e vergognosa” la dichiarazione di Castelli. Parole, quelle del viceministro, che offendono ”migliaia di imprenditori, operatori e loro dipendenti che stanno affrontando una crisi gravissima senza alcun sostegno dallo Stato”. Zicchieri ha concluso la sua replica intimando a Castelli di dimettersi, ”mettendo fine a due anni di gaffes, strafalcioni e idiozie varie”. ”Dopo Beppe Grillo che definisce Roma una fogna, ora la Castelli che se ne esce con questa frase vergognosa: la dimostrazione che tra i 5 Stelle sono ormai allo sbando, in piena crisi di nervi“, ha concluso il leghista.

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, affonda: “Dopo aver massacrato il settore dell’ospitalità con divieti e regole assurde e aver multato gli esercenti che scendevano in piazza perché chiedevano aiuto, l’ultima trovata del Governo giallorosso arriva dalla grillina Castelli: i ristoratori che non hanno più clienti devono cambiare lavoro. Sono senza parole. Sarebbe questa la gente che dovrebbe aiutare l’Italia a ripartire?“.

Il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Mariastella Gelmini, lancia la sua accusa su Facebook: “La viceministro Laura Castelli, invece di andare in tv e farci improbabili lezioni di economia politica, conti fino a 10 prima di aprir bocca e abbia più rispetto per chi lavora, per chi sta facendo i salti mortali per rialzare la serranda pur senza aver ricevuto un euro in questi mesi di lock down. Qui gli unici a dover cambiare lavoro sono Conte, Castelli e compagni“.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza