Connect with us
Pubblicità

Politica

Marcello Carli incontra i candidati di Agire per il Trentino

Pubblicato

-

Nella serata di Martedì il segretario di Agire per il Trentino Claudio Cia insieme al coordinatore provinciale Mauro Corazza hanno presentato in via non ufficiale al ristorante il Pozzo i candidati della lista che correranno per le elezioni comunali del 20 settembre 2020.

Presente anche il candidato sindaco Marcello Carli che ha ricostruito la genesi della sua discesa in campo «Durante la gravissima emergenza sanitaria i due candidati sindaci Ianeselli e Baracetti sono completamente scomparsi dai radar invece che rincuorare e aiutare i cittadini trentini provati dalla più grave pandemia di sempre. Dopo la rottura del centro destra con Claudio Cia ho capito che c’era un enorme spazio al centro che nessuno stava occupando e ho deciso subito di mettermi in gioco. Sono l’uomo delle sfide impossibili. Ma voglio vincere per aiutare Trento ad uscire da un impasse che dura ormai da 25 anni»

E ancora: «Bisogna riattivare Trento che sta continuando a perdere Pil e che ormai da anni è bloccata per la mancanza cronica di decisionismo da parte dell’amministrazione di centro sinistra che non vuole attivare i grandi progetti. Se dovesse vincere Ianeselli per Trento sarebbe la fine ed in molti se ne andrebbero».

Pubblicità
Pubblicità

Poi Carli ha ricordato il gap con Bolzano e la forte burocrazia che frena qualsiasi cosa e si è soffermato sulla Movida tanto criticata: «Non è la questione di Movida si o movida no, ma movida come! Perchè a Trento gravitano 18 mila studenti universitari che hanno il diritto di divertirsi» – ha tuonato

Come detto all’inizio la lista di Agire per il Trentino è ormai quasi pronta, «siamo l’unico movimento civico che è in grado di presentare una lista – ha spiegato Cia –  e questo è senza dubbio un grande segnale. Come già più volte ripetuto il nostro avversario è solo il centro sinistra.»

Claudio Cia a lato della presentazione ha dichiarato che a livello provinciale sosterrà sempre il centro destra senza se e senza ma, «come già ripetuto mille volte non siano stati noi a rompere l’alleanza con il centro destra – ha concluso il consigliere provinciale – ma Baracetti che ci ha cacciato»

Pubblicità
Pubblicità

Fra i candidati oltre allo stesso Claudio Cia anche l’esperienza di Sandro Bordignon, Elena Sester, Mauro Corazza e Alfonso Larentis.

Poi i giovani Michael Iuni e Massimiliano Troilo fresco di laurea, la professionista molto conosciuta e preparata Cristina chemelli, la docente universitaria Casimira Grandi e la consigliera circoscrizionale di Ravina Fiorella Casagranda.

Fra il nutrito gruppo dei candidati anche infermiere, professionisti, assicuratori, imprenditori, casalinghe, pensionati e persino un bagnino. L’età media, piuttosto giovane, fa sperare bene.

 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza