Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Quando la musica è più forte anche del Covid: torna “TrentinoInJazz Valli del Noce”, un festival all’insegna della leggerezza

Pubblicato

-

Chiara Biondani e Massimo Faes illustrano i dettagli di "TrentinoInJazz Valli del Noce 2020" (foto Nicola Bortolamedi)

Quando la musica è più forte anche del Covid. E riesce a regalare momenti di leggerezza, di gioia, di spensieratezza.

Nonostante il periodo particolare e le incertezze a esso legate, che fino all’ultimo hanno messo in dubbio una proposta entrata ormai nel tradizionale palinsesto estivo noneso e solandro, anche quest’anno “Trentino In Jazz Valli del Noce” tornerà a riempire – con tutte le accortezze del caso – le piazze dei centri abitati delle Valli di Non e di Sole. Senza dimenticare l’immancabile e suggestivo appuntamento a San Romedio.

Il Festival, guidato dall’associazione TrentinoJazz e realizzato grazie al contributo della Fondazione Caritro, della Regione Trentino-Alto Adige e della Provincia Autonoma di Trento, prenderà il via venerdì prossimo 17 luglio in piazza Municipio a Cles.

Pubblicità
Pubblicità

Proprio a Cles, a Palazzo Assessorile, si è tenuta oggi pomeriggio la conferenza stampa di presentazione della rassegna musicale, alla quale hanno preso parte anche i consiglieri provinciali Lorenzo Ossanna e Denis Paoli, che si sono complimentati con gli organizzatori, rivolgendo un augurio particolare di buona riuscita della manifestazione.

A fare gli onori di casa è stato l’assessore alla cultura Vito Apuzzo. «Direi che oggi la frase più significativa è: “ce l’abbiamo fatta” – ha esordito Apuzzo nel sottolineare l’importanza di una manifestazione diffusa, che coinvolge diversi luoghi e diverse realtà –. E questo grazie alla collaborazione di tutti coloro che hanno scommesso sulla cultura, superando le mille difficoltà di questo periodo. Questa volta abbiamo fatto una richiesta agli organizzatori: che il programma puntasse sulla leggerezza, perché ne abbiamo davvero bisogno. Il che non significa avere proposte di minor valore, anzi, anche quest’anno la qualità sicuramente non manca».

La parola è quindi passata a Chiara Biondani, presidente di TrentinoJazz: «Sarebbe stato un peccato, considerati anche i pochi eventi previsti in questo periodo, rinunciare al nostro Festival – ha detto –. Anche se siamo arrivati quasi all’ultimo a decidere di realizzare la rassegna, la cordata storica di Comuni ha risposto ancora una volta “presente” e quindi avremo sei appuntamenti fino al 26 luglio sparsi nelle Valli del Noce: da Malé a Cles, da Predaia a Ville d’Anaunia».

Pubblicità
Pubblicità

Vito Apuzzo e Chiara Biondani (foto Nicola Bortolamedi)

Pubblicità
Pubblicità

Ad animare questa 18esima edizione ci saranno artisti italiani e alcuni trentini. Rappresenta una novità il fatto di poter prenotare il proprio posto online (garantito fino a 20 minuti prima dell’inizio dello spettacolo), visto che gli spazi saranno allestiti per assicurare il distanziamento e godere dei vari concerti in sicurezza: per ogni informazione è possibile consultare la pagina Facebook “TrentinoInJazz” e il servizio, così come la partecipazione ai concerti, è gratuito.

Soddisfatto della nuova proposta anche Massimo Chini, presidente della Scuola Musicale Celestino Eccher che collabora all’organizzazione: «Sono felice che il Festival sia riproposto anche quest’anno – ha sottolineato –. Questi appuntamenti ci danno la speranza di poter riaprire a settembre la scuola musicale, speriamo siano di buon auspicio».

SEI CONCERTI, UN’UNICA ANIMA JAZZ – A illustrare il programma nel dettaglio è stato il direttore artistico Massimo Faes, che ha offerto anche una breve descrizione degli artisti coinvolti.

«Stavamo preparando un programma nutrito e ambizioso – ha rivelato Faes –. Poi è arrivato il Covid e abbiamo dovuto ripensare un po’ il tutto. Alcune proposte della struttura originale, comunque, le abbiamo potute conservare. Da sottolineare il fatto che proponiamo tre appuntamenti con protagonisti degli artisti della nostra regione. In questo modo cerchiamo di valorizzare le nostre risorse territoriali».

Come detto, si inizia venerdì prossimo 17 luglio alle 21 in Corso Dante a Cles (in caso di pioggia in aula magna delle scuole medie) con i “Four on six”.

Con la nuova produzione discografica “Colpo di Testa”, il gruppo siculo-milanese unisce diversi generi (swing, jazz melodico, chanson francaise, musiche popolari e addirittura brani tratti dalla tradizione operistica italiana) riproposti in chiave manouche. Nascono così sonorità variegate ed eleganti che trovano un punto d’incontro nel ritmo incalzante tipico della musica gitana.

La piazza dei Cristani di Rallo farà da cornice mercoledì 22 luglio alle 21 al concerto “Morning Light” di Fiorenzo Zeni, sassofonista e compositore bolzanino che ha pubblicato, dopo una lunga attesa, la seconda opera discografica che porta il suo nome.

Chiara Biondani ha sottolineato l’importanza di riproporre un festival come “TrentinoInJazz Valli del Noce” in un momento come questo (foto Nicola Bortolamedi)

Il giorno dopo, giovedì 23 luglio, si torna a Cles, stavolta in piazzetta Cesare Battisti, per sentire il “Michelangelo Scandroglio Group”, formato da giovani (ma già affermati) musicisti. Il contrabbassista leader del gruppo ha pubblicato quest’anno il proprio album d’esordio, un lavoro profondamente ispirato dalla nuova corrente jazzistica contemporanea.

Venerdì 24 luglio sempre alle 21 sarà poi la volta del “Mirko Pedrotti Quintet”, che si esibirà in piazza Padre Eusebio Chini a Segno con tutta la propria forza compositiva ed espressiva ricca di coerenza e originalità.

C’è grande attesa per l’appuntamento al Santuario di San Romedio, che si terrà sabato 25 luglio alle 21, con Lula Pena, chitarrista e poetessa portoghese che si muove nel mondo del “fado”. «La sua musica è essenziale, sembra una poetessa che legge poesie arricchite dalla melodia. Uno spettacolo sempre intenso» è il commento del direttore artistico Faes.

Il Festival di musica jazz si concluderà quindi in piazza Regina Elena a Malé domenica 26 luglio alle 21 con il concerto di “Giuliano Cramerotti – Krambriz Quartet”.

Cramerotti, jazzista trentino con oltre 40 anni di carriera musicale all’attivo, sigla il suo album da solista con il cd “Tokyo”: una miscela di brani originali e due bellissimi omaggi e Chick Corea con “Windows” e a Carlos Aguirre con “Milonga Gis”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]
  • Uno sguardo a Kazan, un microcosmo di stili e culture che vivono in armonia
    A circa 820 kilometri da Mosca, dove i fiumi Volga e Kazanka si uniscono, si erge da oltre 1000 anni la splendida capitale della repubblica del Tatarstan: Kazan. Il suo splendore e le sue innumerevoli caratteristiche l’hanno portata ad essere nominata, nel 2005, la Terza Capitale della Russia (appellativo a cui può essere ufficialmente associata […]
  • Riscoprire il turismo lento in Italia, con le mini crociere fluviali
    Una parte della penisola Italiana è composta da un piccolo mosaico di isole e canali che insieme rappresentano la perfetta geometria di un mondo pieno di fascino. Riscoprire una dimensione lenta del turismo, attraverso gli imperdibili itinerari fluviali italiani è uno dei modi migliori per visitare questo mondo. Le crociere fluviali in houseboat sono in […]
  • Il rosmarino e le sue innumerevoli caratteristiche che fanno bene alla salute
    Il rosmarino è un arbusto perenne e sempreverde del genere della Salvia, originario dell’area mediterranea. Questa pianta, infatti, cresce nelle zone litoranee, macchia mediterranea, dirupi sassosi e assolati dell’entroterra, dal livello del mare fino alla zona collinare, ma si può trovare e coltivare anche nella zona dei laghi prealpini e nella Pianura Padana. Sin dall’antichità, […]

Categorie

di tendenza