Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Quando la musica è più forte anche del Covid: torna “TrentinoInJazz Valli del Noce”, un festival all’insegna della leggerezza

Pubblicato

-

Chiara Biondani e Massimo Faes illustrano i dettagli di "TrentinoInJazz Valli del Noce 2020" (foto Nicola Bortolamedi)

Quando la musica è più forte anche del Covid. E riesce a regalare momenti di leggerezza, di gioia, di spensieratezza.

Nonostante il periodo particolare e le incertezze a esso legate, che fino all’ultimo hanno messo in dubbio una proposta entrata ormai nel tradizionale palinsesto estivo noneso e solandro, anche quest’anno “Trentino In Jazz Valli del Noce” tornerà a riempire – con tutte le accortezze del caso – le piazze dei centri abitati delle Valli di Non e di Sole. Senza dimenticare l’immancabile e suggestivo appuntamento a San Romedio.

Il Festival, guidato dall’associazione TrentinoJazz e realizzato grazie al contributo della Fondazione Caritro, della Regione Trentino-Alto Adige e della Provincia Autonoma di Trento, prenderà il via venerdì prossimo 17 luglio in piazza Municipio a Cles.

Pubblicità
Pubblicità

Proprio a Cles, a Palazzo Assessorile, si è tenuta oggi pomeriggio la conferenza stampa di presentazione della rassegna musicale, alla quale hanno preso parte anche i consiglieri provinciali Lorenzo Ossanna e Denis Paoli, che si sono complimentati con gli organizzatori, rivolgendo un augurio particolare di buona riuscita della manifestazione.

A fare gli onori di casa è stato l’assessore alla cultura Vito Apuzzo. «Direi che oggi la frase più significativa è: “ce l’abbiamo fatta” – ha esordito Apuzzo nel sottolineare l’importanza di una manifestazione diffusa, che coinvolge diversi luoghi e diverse realtà –. E questo grazie alla collaborazione di tutti coloro che hanno scommesso sulla cultura, superando le mille difficoltà di questo periodo. Questa volta abbiamo fatto una richiesta agli organizzatori: che il programma puntasse sulla leggerezza, perché ne abbiamo davvero bisogno. Il che non significa avere proposte di minor valore, anzi, anche quest’anno la qualità sicuramente non manca».

La parola è quindi passata a Chiara Biondani, presidente di TrentinoJazz: «Sarebbe stato un peccato, considerati anche i pochi eventi previsti in questo periodo, rinunciare al nostro Festival – ha detto –. Anche se siamo arrivati quasi all’ultimo a decidere di realizzare la rassegna, la cordata storica di Comuni ha risposto ancora una volta “presente” e quindi avremo sei appuntamenti fino al 26 luglio sparsi nelle Valli del Noce: da Malé a Cles, da Predaia a Ville d’Anaunia».

Pubblicità
Pubblicità

Vito Apuzzo e Chiara Biondani (foto Nicola Bortolamedi)

Ad animare questa 18esima edizione ci saranno artisti italiani e alcuni trentini. Rappresenta una novità il fatto di poter prenotare il proprio posto online (garantito fino a 20 minuti prima dell’inizio dello spettacolo), visto che gli spazi saranno allestiti per assicurare il distanziamento e godere dei vari concerti in sicurezza: per ogni informazione è possibile consultare la pagina Facebook “TrentinoInJazz” e il servizio, così come la partecipazione ai concerti, è gratuito.

Soddisfatto della nuova proposta anche Massimo Chini, presidente della Scuola Musicale Celestino Eccher che collabora all’organizzazione: «Sono felice che il Festival sia riproposto anche quest’anno – ha sottolineato –. Questi appuntamenti ci danno la speranza di poter riaprire a settembre la scuola musicale, speriamo siano di buon auspicio».

SEI CONCERTI, UN’UNICA ANIMA JAZZ – A illustrare il programma nel dettaglio è stato il direttore artistico Massimo Faes, che ha offerto anche una breve descrizione degli artisti coinvolti.

«Stavamo preparando un programma nutrito e ambizioso – ha rivelato Faes –. Poi è arrivato il Covid e abbiamo dovuto ripensare un po’ il tutto. Alcune proposte della struttura originale, comunque, le abbiamo potute conservare. Da sottolineare il fatto che proponiamo tre appuntamenti con protagonisti degli artisti della nostra regione. In questo modo cerchiamo di valorizzare le nostre risorse territoriali».

Come detto, si inizia venerdì prossimo 17 luglio alle 21 in Corso Dante a Cles (in caso di pioggia in aula magna delle scuole medie) con i “Four on six”.

Con la nuova produzione discografica “Colpo di Testa”, il gruppo siculo-milanese unisce diversi generi (swing, jazz melodico, chanson francaise, musiche popolari e addirittura brani tratti dalla tradizione operistica italiana) riproposti in chiave manouche. Nascono così sonorità variegate ed eleganti che trovano un punto d’incontro nel ritmo incalzante tipico della musica gitana.

La piazza dei Cristani di Rallo farà da cornice mercoledì 22 luglio alle 21 al concerto “Morning Light” di Fiorenzo Zeni, sassofonista e compositore bolzanino che ha pubblicato, dopo una lunga attesa, la seconda opera discografica che porta il suo nome.

Chiara Biondani ha sottolineato l’importanza di riproporre un festival come “TrentinoInJazz Valli del Noce” in un momento come questo (foto Nicola Bortolamedi)

Il giorno dopo, giovedì 23 luglio, si torna a Cles, stavolta in piazzetta Cesare Battisti, per sentire il “Michelangelo Scandroglio Group”, formato da giovani (ma già affermati) musicisti. Il contrabbassista leader del gruppo ha pubblicato quest’anno il proprio album d’esordio, un lavoro profondamente ispirato dalla nuova corrente jazzistica contemporanea.

Venerdì 24 luglio sempre alle 21 sarà poi la volta del “Mirko Pedrotti Quintet”, che si esibirà in piazza Padre Eusebio Chini a Segno con tutta la propria forza compositiva ed espressiva ricca di coerenza e originalità.

C’è grande attesa per l’appuntamento al Santuario di San Romedio, che si terrà sabato 25 luglio alle 21, con Lula Pena, chitarrista e poetessa portoghese che si muove nel mondo del “fado”. «La sua musica è essenziale, sembra una poetessa che legge poesie arricchite dalla melodia. Uno spettacolo sempre intenso» è il commento del direttore artistico Faes.

Il Festival di musica jazz si concluderà quindi in piazza Regina Elena a Malé domenica 26 luglio alle 21 con il concerto di “Giuliano Cramerotti – Krambriz Quartet”.

Cramerotti, jazzista trentino con oltre 40 anni di carriera musicale all’attivo, sigla il suo album da solista con il cd “Tokyo”: una miscela di brani originali e due bellissimi omaggi e Chick Corea con “Windows” e a Carlos Aguirre con “Milonga Gis”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]
  • Botticelli va all’asta: raro dipinto, valore stimato 80 milioni di dollari
    La straordinaria stagione del Rinascimento italiano ammirato da tutto il mondo grazie al domino culturale, economico e sopratutto artistico di quegli anni, attira nuovamente l’attenzione a causa del recente annuncio d’asta di un capolavoro del Botticelli. La nota casa d’Aste Sotheby’s ha infatti comunicato che nel gennaio 2021 verrà messo all’asta un magnifico dipinto del […]

Categorie

di tendenza