Connect with us
Pubblicità

Riflessioni fra Cronaca e Storia

Morto il padre della fecondazione assistita. Carlo Flamigni faro delle donne? «Esaltazione esagerata ed acritica»

Pubblicato

-

Il 5 luglio è morto nella sua città, Bologna, Carlo Flamigni. Un media provinciale il giorno successivo, lo ha ricordato così: “medico, ginecologo, luminare della fecondazione assistita, strenuo sostenitore di un insegnamento laico, mente brillante, aperta e curiosa agli scambi… faro sulla salute delle donne e appassionato di bioetica e di filosofia. …”. A caratteri più grandi, un’ulteriore e reiterata celebrazione: “Un faro per le donne”. Nulla di meno.

Sui morti, si diceva un tempo, nihil nisi bonum, ed era ciò che mi ero riproposto di fare. Ma nello statuto del partito che ho contribuito a fondare, “Si può fare!”, c’è anche l’impegno a proporre un pensiero critico, in un’epoca di pensiero unico dominante.

Per questo l’esaltazione esagerata ed acritica – non solo nostrana – di Flamigni, che è stato anche un uomo del Partito Comunista Italiano, un collaboratore del quotidiano l’’Unità, e uno dei più ricchi e potenti cittadini della città felsinea (il 29 dicembre del 2000 Repubblica lo metteva in cima alla lista dei “paperoni” di Bologna, indicando il suo guadagno dell’anno precedente: 824 milioni), mi spinge ad intervenire.

Pubblicità
Pubblicità

Flamigni, padre della fecondazione assistita, lo ho conosciuto: gli ho dedicato vari articoli sui quotidiani nazionali Avvenire e il Foglio, dal 2005 in poi.

Lui mi ha sempre risposto dalle colonne di altri quotidiani, mi ha dedicato pagine dei suoi libri (vedi ad esempio il suo “Diario di un laico”) ed ha anche cercato di portarmi in tribunale (ma è stato poi il suo avvocato a convincerlo a ritirare una querela che sarebbe stata, per lui, un boomerang).

Quale le ragioni del contendere? Una visione del tutto contrapposta di ciò che la tecnica può fare e di ciò che non può fare.

Pubblicità
Pubblicità

Flamigni, per intenderci, era aperto a qualsiasi sperimentazione, proprio sul corpo delle donne (oltre che dei bambini), di cui si dichiarava paladino. E’ stato, infatti, il massimo alfiere del cosiddetto far west della procreazione.

Voglio fare un solo esempio, per brevità.

Nel suo romanzo, “Giallo uovo. Un mistery romagnolo” (Mondadori, 2002), Flamigni si divertiva a raccontare la storia di un medico di Bologna (un alter ego?) specializzato in fecondazione artificiale, cioè – sono parole sue – in un “settore che, in fondo, non aveva uno statuto scientifico particolarmente avanzato“, in cui però in molti “avevano fatto soldi, carriera e comparivano nei talk-show”.

Tale medico era chiamato a procurarsi un utero in affitto,certamente non gratis et amore dei“, bensì in cambio di “cento meloni”, da una donna extra-comunitaria, per poi produrre in laboratorio un bambino maschio, scartando e buttando via tutti gli embrioni mal riusciti, e le femmine (alla faccia del femminismo!).

Questo era il presunto “faro per le donne”, l’ “alfiere dei diritti”! Un uomo che conosceva bene e difendeva alcune pratiche clandestine economicamente molto redditizie, connesse alla fecondazione artificiale (dall’utero in affitto alla selezione occisiva degli embrioni umani, passando per pratiche assai pericolose per la salute delle donne e dei bambini come le iperstimolazioni ovariche a donne in età avanzata) e che si è battuto in ogni modo perché all’interno delle cliniche fosse possibile ai tecnici agire senza alcuna limitazione etica, sperimentando sull’uomo come fosse un oggetto.

Un uomo che venne anche a Trento, nel 2017, per difendere da una cattedra dell’Università la pratica dell’utero in affitto, dopo che essa era stata definita dal Comitato Nazionale di Bioetica “mercificazione del corpo umano” (vedi qui).

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Alfio Ghezzi: al Mart il perfetto connubio tra territorio, tradizione e semplicità
    Gli anni dell’infanzia, si sa, sono quelli che più segnano la nostra personalità nell’età adulta, e così dopo le esperienze nei più blasonati alberghi italiani e gli anni trascorsi con i maestri Gualtiero Marchesi e Andrea Berton, Alfio Ghezzi mai avrebbe immaginato che il Mart, nel suo Trentino, sarebbe diventato così importante per lui. Si […]
  • Castello Bonaria: nell’Alta Maremma un Luxury SPA Resort di eccellenza
    Meta ideale per chi sogna una vacanza in cui i tempi vengono scanditi dal silenzio e dall’armonia della natura, il Castello Bonaria offre agli ospiti anche un Centro Benessere, una piscina e un Ristorante con terrazza sulle colline toscane: tutto quello che serve per un Luxury SPA Resort di eccellenza. Adagiato tra vigneti e uliveti, il […]
  • AVA&MAY: home decor e candele dai profumi esotici
    A chi non piacciono le candele? A chi non piace entrare in casa e sentire subito il profumo fresco di pulito e di casa? Quanto si parla di candele, profumi e prodotti per la casa, si va subito a pensare ad Ava&May, un brand relativamente giovane ma di altissima qualità e dai prodotti con profumi […]
  • VIDEO – Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
    Negli ultimi anni, la tentazione sempre più frequente del “mollo tutto” combinata  all’aumento dello smart working ha creato una nuova tendenza all’interno del panorama lavorativo: i nomadi digitali, conosciuti anche come fulltimers. Persone che hanno scelto di spostare la loro casa in camper e il loro ufficio nel mondo, investendo su loro stessi per riprendersi […]
  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]

Categorie

di tendenza