Connect with us
Pubblicità

Riflessioni fra Cronaca e Storia

Morto il padre della fecondazione assistita. Carlo Flamigni faro delle donne? «Esaltazione esagerata ed acritica»

Pubblicato

-

Il 5 luglio è morto nella sua città, Bologna, Carlo Flamigni. Un media provinciale il giorno successivo, lo ha ricordato così: “medico, ginecologo, luminare della fecondazione assistita, strenuo sostenitore di un insegnamento laico, mente brillante, aperta e curiosa agli scambi… faro sulla salute delle donne e appassionato di bioetica e di filosofia. …”. A caratteri più grandi, un’ulteriore e reiterata celebrazione: “Un faro per le donne”. Nulla di meno.

Sui morti, si diceva un tempo, nihil nisi bonum, ed era ciò che mi ero riproposto di fare. Ma nello statuto del partito che ho contribuito a fondare, “Si può fare!”, c’è anche l’impegno a proporre un pensiero critico, in un’epoca di pensiero unico dominante.

Per questo l’esaltazione esagerata ed acritica – non solo nostrana – di Flamigni, che è stato anche un uomo del Partito Comunista Italiano, un collaboratore del quotidiano l’’Unità, e uno dei più ricchi e potenti cittadini della città felsinea (il 29 dicembre del 2000 Repubblica lo metteva in cima alla lista dei “paperoni” di Bologna, indicando il suo guadagno dell’anno precedente: 824 milioni), mi spinge ad intervenire.

Pubblicità
Pubblicità

Flamigni, padre della fecondazione assistita, lo ho conosciuto: gli ho dedicato vari articoli sui quotidiani nazionali Avvenire e il Foglio, dal 2005 in poi.

Lui mi ha sempre risposto dalle colonne di altri quotidiani, mi ha dedicato pagine dei suoi libri (vedi ad esempio il suo “Diario di un laico”) ed ha anche cercato di portarmi in tribunale (ma è stato poi il suo avvocato a convincerlo a ritirare una querela che sarebbe stata, per lui, un boomerang).

Quale le ragioni del contendere? Una visione del tutto contrapposta di ciò che la tecnica può fare e di ciò che non può fare.

Pubblicità
Pubblicità

Flamigni, per intenderci, era aperto a qualsiasi sperimentazione, proprio sul corpo delle donne (oltre che dei bambini), di cui si dichiarava paladino. E’ stato, infatti, il massimo alfiere del cosiddetto far west della procreazione.

Voglio fare un solo esempio, per brevità.

Nel suo romanzo, “Giallo uovo. Un mistery romagnolo” (Mondadori, 2002), Flamigni si divertiva a raccontare la storia di un medico di Bologna (un alter ego?) specializzato in fecondazione artificiale, cioè – sono parole sue – in un “settore che, in fondo, non aveva uno statuto scientifico particolarmente avanzato“, in cui però in molti “avevano fatto soldi, carriera e comparivano nei talk-show”.

Tale medico era chiamato a procurarsi un utero in affitto,certamente non gratis et amore dei“, bensì in cambio di “cento meloni”, da una donna extra-comunitaria, per poi produrre in laboratorio un bambino maschio, scartando e buttando via tutti gli embrioni mal riusciti, e le femmine (alla faccia del femminismo!).

Questo era il presunto “faro per le donne”, l’ “alfiere dei diritti”! Un uomo che conosceva bene e difendeva alcune pratiche clandestine economicamente molto redditizie, connesse alla fecondazione artificiale (dall’utero in affitto alla selezione occisiva degli embrioni umani, passando per pratiche assai pericolose per la salute delle donne e dei bambini come le iperstimolazioni ovariche a donne in età avanzata) e che si è battuto in ogni modo perché all’interno delle cliniche fosse possibile ai tecnici agire senza alcuna limitazione etica, sperimentando sull’uomo come fosse un oggetto.

Un uomo che venne anche a Trento, nel 2017, per difendere da una cattedra dell’Università la pratica dell’utero in affitto, dopo che essa era stata definita dal Comitato Nazionale di Bioetica “mercificazione del corpo umano” (vedi qui).

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Dalle centrali solari, al recente parco eolico: Sudafrica sempre più green e sostenibile
    Sono sempre di più le nazioni in Africa che utilizzano fonti rinnovabili per coprire il fabbisogno di energia, aumentando così la possibilità di sviluppo nel rispetto dell’ambiente. A partire dal sud del continente, dove Btswana e Namibia stanno collaborando alla costruzione di alcune centrali solari con l’agenzia americana Power Africa, per arrivare a guadagnare un […]
  • L’hotel di ghiaccio più grande del mondo, Ice Hotel e il fascino temporaneo dell’arte ghiacciata
    Ogni anno dal 1990 a soli 200 km dal circolo polare articolo, prende vita l‘iconica struttura temporanea che ha fatto del ghiaccio, delle sue immense forme e della natura che lo circonda punto di forza e di incredibile successo. Si tratta dell’Ice Hotel in Svezia, l’hotel di ghiaccio più grande del mondo, che ogni anno […]
  • Hyperloop, viaggiare a 1.000 Km/h: il primo test per il treno supersonico
    Un progetto nato con un solo obiettivo: battere tutti per sviluppare il treno più veloce al mondo. Si tratta di un progetto molto ambizioso nato nel 2013 da uno scritto di Elon Musk e sviluppato negli anni da diverse realtà tra cui la Virgin. Il treno promette di viaggiare a 1.000 km/h via terra su un […]
  • L’anima del Metallo. Luce e calore in un design d’autore
    L’entusiasmo esplosivo ed elegante di Laura Giorgi non passa inosservato. Dirigente aziendale, mamma, artista partecipa al successo dell’azienda di famiglia, metalcenter con il papà Luciano e la sorella Annalisa. Il suo racconto inizia con dei ricordi: “fin da bambina sento parlare e lavoro nel mondo dei metalli. Di loro mi sono innamorata, come può succedere per […]
  • Nasce il Giardino dei Sensi, il percorso sensoriale per scoprire profumi, sapori e rumori della natura
    Ognuno dei nostri sensi ci regala una visione unica del mondo. Quello che riesce a guidare il nostro inconscio più profondo, legando la sfera emotiva con ricordi e profumi è sicuramente l’olfatto, il più antico e potente dei sensi, l’unico che può aiutare ad acquisire un benessere psicofisico per allentare la tensione. In quest’ottica, è […]
  • Tesla lancia sul mercato una tequila di lusso: l’ultima folle idea di Elon Musk
    Dal colosso Tesla, a Paypal, fino alla rincorsa verso il pianeta rosso con Space X, Elon Musk, noto imprenditore della Silicon Valley,  ha fatto della sua stravaganza, della genialità e della voglia di innovare un marchio di successo, portando sempre sul mercato progetti brillanti e vincenti. Con l’ultima idea ha invece deciso di sorprendere, abbandonando […]
  • Sostenibilità metropolitana, Taipei offre il grattacielo ruotante e autosufficiente: appartamenti disponibili a 30 milioni di dollari
    Oggi come non mai, le grandi metropoli stanno ottimizzando i propri tempi e spazi rinnovando il proprio skyline cittadino con progetti futuristici programmati per essere sostenibili, e alimentati da energie rinnovabili, quindi totalmente ad impatto zero e autosufficienti. In questa visione di architettura verde, Taipei ha costruito un incredibile torre – grattacielo residenziale ecosostenibile: l’Agorà […]
  • Amazon mette in vetrina i big del lusso: arriva la nuova piattaforma “Luxury Store”
    In uno mondo ormai sempre più digitalizzato, il noto colosso dell’ e- commerce, Amazon sta per sbarcare anche sulle piazze più lussuose, lanciando una sua personalissima piattaforma dedicata all’abbigliamento di lusso: Luxury Store. La piattaforma, che dovrebbe debuttare inizialmente negli Usa per poi allagarsi a livello internazionale, ha l’obbiettivo di attrarre i grandi distributori in […]
  • Biologico, settore in continua crescita: nasce il progetto sostenibile “Distretto Bio Sardegna”
    Una parte del settore alimentare finanzia i piccoli imprenditori che hanno fatto del loro terreno e delle loro coltivazioni una filiera sana e controllata: il cibo biologico. La scelta e il consumo del biologico è aumentato esponenzialmente a livello nazionale e internazionale grazie alla vendita dei prodotti a chilometro zero che puntano sull’integrità del prodotto […]

Categorie

di tendenza