Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Degasperi non aveva il viso girato a sinistra. La replica di Francesco Agnoli al notaio Paolo Piccoli

Pubblicato

-

Egregio Direttore,

E’ un po’ di tempo che si sente aria di centro. Abbiamo iniziato noi di Si può fare!, prima della quarantena, a decidere di andare da soli, di andare “al centro”, con un nostro candidato sindaco, l’avvocato Silvia Zanetti, di provenienza civica. Al centro, dicevamo, o comunque alternativi alla sinistra che governa la città, e all’attuale destra, insediata in Provincia.

Per questo avevamo teso la mano, inizialmente ricambiati, con reciproca stima, al gruppo dei popolari di Renzo Gubert. Ci siamo definiti da subito: civici, popolari e autonomisti.

Pubblicità
Pubblicità

Poi è stata la volta del candidato della sinistra, Franco Ianeselli: accortosi di essere troppo sbilanciato a sinistra, lasciando scoperto il centro, ha voluto riposizionare il suo schieramento puntando sulla candidatura di un pezzo da novanta: il notaio Paolo Piccoli, di provenienza democristiana. Una verniciatina di centro istituzionale, per scolorire il rosso intenso.

L’anomalo matrimonio tra un sindacalista di sinistra e il “re dei notai” tridentini ha forse contribuito a destare l’attenzione di un terzo attore, Marcello Carli: anche lui, richiamandosi come noi di Si può fare! ad Alcide Degasperi, ha voluto presentarsi come alternativo alla destra ed alla sinistra.

Ne è nata così una polemica, innescata soprattutto dal quotidiano l’Adige, che è intervenuto più volte, con varie firme, invitando in modo perentorio a lasciar perdere Degasperi: o meglio a non volerlo strappare ai suoi presunti legittimi proprietari, Piccoli e Ianeselli (l’ultimo intervento di Piccoli, su l’Adige, era intitolato “Degasperi? Col viso girato a sinistra”).

Pubblicità
Pubblicità

Essendo già intervenuto sul tema, vorrei però chiarire ancora meglio la questione. Non è infatti in gioco soltanto una discussione storiografica, quanto una visione politica. Il già citato Piccoli, dovendo legittimare il suo passaggio dalla Dc alla sinistra di Ianeselli, ha citato Alcide Degasperi, e una sua singola frase: “Siamo un partito di centro che marcia verso sinistra”.

Dimenticando, come già si è detto, che Degasperi è l’uomo che ha sconfitto la sinistra nel 1948, che ha scelto di aderire al patto Nato, contro il Patto di Varsavia, e che nel 1953 è stato sfiduciato proprio dalle sinistre.

Ma vediamo la frase citata, per comprenderla meglio. Ci viene in aiuto nientemeno che la figlia, Maria Romana Degasperi, nel suo De Gasperi. Ritratto di uno statista (Mondadori 2005).

Leggiamola:Si è fatto un gran parlare sulla sua affermazione: ‘Siamo un partito di centro che marcia verso sinistra’. Eppure confrontando discorsi e affermazioni scritte, è indiscutibile, anche a chi non glielo abbia sentito ripetere a voce, che la sinistra di cui parlava non aveva niente a che vedere con la topografia parlamentare con la quale si volle o si tentò di confonderla… La marcia verso sinistra era da De Gasperi intesa come movimento verso una soluzione della questione sociale e poiché, nella terminologia corrente, il termine di sinistra stava ad indicare un atteggiamento di particolare sensibilità verso questo problema, egli non cercò vocabolo diverso o migliore”.

Maria Romana prosegue sostenendo che la fede cristiana di suo padre lo portava a non condividere per nulla il “sinistrismo demagogico”, “il fatalismo determinista” della dialettica marxista, e la visione materialista propria delle sinistre:la socialità quindi non sarà mai per De Gasperi un’apertura verso sinistra in senso parlamentare, ma una comprensione maggiore verso le classi più povere”, secondo la tradizione trentina, espressione pratica dello spirito della Rerum novarum di papa Leone XIII (del tutto contrario sia al marxismo, sia al capitalismo materialista).

Utilissimo, per comprendere il concetto, un discorso dello stesso Alcide, tenuto il 18 ottobre 1953:Spero che non vi perderete anche voi intorno a questa terminologia falsa di sinistra e di destra; è terminologia sbagliata e ingannatrice perché vi sono dei sinistri in senso giacobino, ereditari dell’anticlericalismo passato, i quali sono sinistri perché sono anticlericali, ma quando si tratta di difendere la propria proprietà, i propri affari, allora sono destri. Questi sono dei sinistri miscredenti, ma conservatori economicamente parlando e difendono la proprietà e spesso anche i privilegi. Ci sono poi dei sinistri talmente dirigisti che finiscono con l’accettare la dittatura economica; e anche questa posizione è tutt’altro che scevra di pericoli. Ci sono poi i comunisti che si dicono democratici solo perchè abusano delle libertà democratiche e parlamentari”.

De Gasperi concludeva affermando chese sinistra vuol dire – ed io contesto che questa parola abbia sempre tale significato- apertura verso il progresso sociale, verso la giustizia per i lavoratori, allora non è vero che non vogliamo andare verso sinistra…”.

In altre parole con quella celebre frase De Gasperi, lungi dal dichiararsi aperto alla sinistra nel senso politico del termine, attribuiva al centro cattolico una sensibilità sociale, rivendicata, ma falsamente, anche dai tanti “sinistri con il portafoglio a destra”.

Mutatis mutandis, come diceva il compianto Rodolfo Borga, è forse l’ora di abbandonare vecchie etichette di destra e sinistra che possono essere usate per definire tutto e il contrario di tutto, e nello stesso tempo diffidare di tanti falsi “amici del popolo” che lo sono soltanto a parole: è forse un caso che oggi la stragrande maggioranza degli uomini più ricchi del mondo – a partire dal padrone di Amazon, Jeff Bezos (il paperon dei paperoni mondiale)-, si collochino “a sinistra”, pur possedendo capitali superiori a quelli di interi stati sovrani?

Concludo con una frase di Degasperi: “Oggi bisogna liberare dal sepolcro l’uomo, l’anima, lo spirito

Francesco Agnoli, di Si può fare!

Potete inviare le email al direttore da inserire nella rubrica «io la penso così» scrivendo a: redazione@lavocedeltrentino.it

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]

Categorie

di tendenza