Connect with us
Pubblicità

Politica

Alcide De Gasperi, Agnoli e Cia rispondono al notaio Paolo Piccoli: «Legare la sua figura all’estrema sinistra di Ianeselli è una forzatura»

Pubblicato

-

Hanno scatenato incredulità e ironia le parole del notaio Paolo Piccoli candidato dell’estrema sinistra a sostegno di Franco Ianeselli, l’indomani della presentazione del candidato sindaco Marcello Carli avvenuta in piazza Venezia ai piedi della statua di Alcide De Gasperi.

Su l’Adige di domenica 5 luglio, il notaio Paolo Piccoli, capolista di Insieme per Trento Franco Ianeselli sindaco, ha lanciato un’invettiva: “Giù le mani da Alcide De Gasperi”.

Il senso dell’articolo è molto semplice: nessuno citi il grande statista trentino, perché solo noi possiamo farlo. Gli altri no. Degasperi era infatti di centro sì, ma guardava a sinistra.

Pubblicità
Pubblicità

E va bene: stando oggi a sinistra (una sinistra priva di un centro), nonostante il passato democristiano, Piccoli deve dire così. Ma la storia non bisogna strumentalizzarla pro domo propria.

Sulle dichiarazioni di Piccoli sono intervenuti Francesco Agnoli candidato che sostiene Silvia Zanetti e il segretario di Agire per il Trentino Claudio Cia

LA REPLICA DI FRANCESCO AGNOLI – «Avendo il sottoscritto citato più volte Degasperi – ad esempio in occasione della presentazione della lista di Si può fare! (Silvia Zanetti sindaco), cioè ben prima della quarantena- , mi sento in dovere di ricordare alcuni fatti storici.

Pubblicità
Pubblicità

Alcide Degasperi appartiene, come noto, al mondo popolare, al cosiddetto cattolicesimo sociale, che ha come vocazione quella di seguire la linea dell’enciclica Rerum novarum di Leone XIII: enciclica che ispira anche don Lorenzo Guetti e la cooperazione trentina, e che se da un lato si oppone al liberismo economico, a un capitalismo che pone il denaro al di sopra dell’uomo, dall’altra è del tutto antitetica alla visione della sinistra di allora, egemonizzata dal marxismo.

Se vogliamo ricordare alcuni episodi determinanti nella vita di Degasperi, non possiamo citare, decontestualizzato, un solo fatto, le elezioni del 1952 nel comune di Roma, come fa Piccoli nell’articolo suddetto.

Dobbiamo invece partire dal 1909, anno in cui Benito Mussolini viene nella nostra città di Trento per rimanervi alcuni mesi. Luigi Sardi, nel suo Battisti Degasperi Mussolini. Tre giornalisti all’alba del Novecento, racconta gli scontri durissimi tra Degasperi e i suoi due principali avversari di allora: Benito Mussolini e Cesare Battisti, entrambi militanti del partito socialista.

Non si può dimenticare infatti che Mussolini nasce e cresce nel partito socialista, e che molti dei suoi ideali della giovinezza rimarranno vivi e operanti anche nel ventennio fascista. Del resto anche molti altri gerarchi del fascismo, da Roberto Farinacci ad Alberto Beneduce, hanno militato nella file del socialismo (per non parlare delle muse ispiratrici del duce, Angelica Balabanoff e Margherita Sarfatti, entrambe socialiste; vedi:(https://www.youtube.com/watch?v=R43H19ZKk1c).

Il giovane Degasperi è dunque un avversario strenuo del socialismo, della sua visione di Dio, dell’uomo e della famiglia, così come sarà un coriaceo detrattore del fascismo, negli anni del ventennio. Nascosto per numerosi anni, anche insieme, dopo il 1938, ad alcuni docenti ebrei, nella biblioteca Vaticana, Degasperi torna sulla scena politica con la crisi del fascismo.

Come si colloca, in questi anni decisivi per il nostro paese? Ovviamente lavora per costruire un’Italia “antifascista”, ma anche, e questo è ciò che Piccoli ha voluto omettere, anticomunista. La destra fascista è ormai un problema del passato: al presente, in Italia, l’unica aggregazione che può contendere il primato alla Democrazia Cristiana è quella composta dalle sinistre, socialisti e comunisti.

Le sinistre italiane di allora vogliono legare l’Italia a Mosca: Degasperi invece si reca in America per chiedere aiuti economici, e poi, due anni dopo, fa entrare l’Italia nel patto Nato, cioè il patto militare contrapposto al patto di Varsavia, cui aderiscono i paesi comunisti.

Poi, il 18 aprile 1948, Degasperi schiera la Dc contro le sinistre, raggiungendo la vittoria e scongiurando il rischio che l’Italia possa passare dal totalitarismo fascista a quello comunista.

Richiesta degli aiuti economici agli americani, adesione al patto Nato, sconfitta delle sinistre nel 1948: questi sono gli eventi decisivi nella vita politica di Degasperi, in cui lo statista trentino non è affatto un alleato della sinistra, bensì, al contrario, il suo principale avversario.

Anche la costruzione dell’Europa da parte di Degasperi, Adenauer e Schuman, tutti e tre popolari, tutti e tre contrapposti, in precedenza, a nazisti e fascisti, è legata anche alla volontà di dare all’Europa un’anima e una forza che la rendano alleata ma non suddita degli Usa, e soprattutto alternativa all’URSS, cioè al paese cui guardano invece, come fosse la Terra Santa, le sinistre italiane.

Arruolare Degasperi a sinistra, come fa il notaio Paolo Piccoli, è dunque una forzatura storica davvero notevole. Per concludere, ricordo che l’ultimo governo Degasperi, l’VIII, del 1953, cadde proprio per l’opposizione determinante delle sinistre (oltre che di monarchici e missini, numericamente piuttosto ininfluenti).»

Claudio Cia invece usa toni meno concilianti nella sua disamina delle parole del notaio Piccoli: «L’idea di fare campagna elettorale parlando degli altri mi pare certifichi clamorosamente l’assenza di qualcosa di proprio da dire – replica Claudio Cia – detto questo, parlando di credibilità, ci spieghi piuttosto il Piccoli che scrive libri su De Gasperi come concilia il suo sostegno a Ianeselli, uomo del sindacato comunista CGIL che, ad oltre 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino, ha ancora come stendardo la bandiera rossa (simbolo di morte ed oppressione per oltre 60 milioni di persone) senza contare il sostegno del candidato sindaco a politiche come: l’utero in affitto, l’aborto e le lobby LGBTQ più fautrici della disgregazione del ruolo della famiglia naturale. Probabilmente Degasperi si limiterebbe a dirgli che “Nell’urna elettorale Dio ti vede, Stalin no”. Noi, come diceva De Gasperi, sappiamo che “oggi belano i comunisti, ma ben conosciamo le loro zanne e lo zoccolo da caproni”.»

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza