Connect with us
Pubblicità

Trento

Scuola: aumento delle classi del 10%, stanziate risorse per 45 milioni di euro

Pubblicato

-

Ieri mattina si è tenuto un incontro in Provincia fra l’assessore all’istruzione Mirko Bisesti, il dirigente del dipartimento Roberto Ceccato, il presidente dell’APRan Giorgio Bolego e le sigle sindacali.

Il Dipartimento dell’istruzione e cultura, sulla base di quanto comunicato dalle scuole, ha deciso per un aumento del personale docente e del personale ATA (assunzioni a tempo determinato limitate a questo anno scolastico), un aumento delle ore contrattuali per chi è già impiegato nelle scuole trentine, un aumento del 10% del numero delle classi e lo stanziamento di risorse per 45 milioni di euro, che potrebbero arrivare a 60, sull’assestamento di bilancio (che dovrà essere approvato la Provincia).

Su tali proposte è arrivato anche il consenso dei sindacati. Pietro di Fiore (Uil) punta l’accento sull’orario dei docenti.  Dal momento che a oggi l’orario dei docenti è molto spezzettato con ore sparse su tutta la giornata, il segretario della Uil si augura che con l’aggiunta delle ore di lavoro ci sia anche una rivisitazione dell’orario in modo da evitare le frammentazioni.

Pubblicità
Pubblicità

Cinzia Mazzacca (Cgl Flc) chiede se si quantifichino in maniera precisa i milioni di euro messi a disposizione per la scuola.

Secondo i calcoli della segretaria generale servirebbero almeno 70 milioni solo per l’adeguamento strutturale, il potenziamento degli organici, le dotazioni tecnologiche e la formazione professionale.

I sindacati chiedono in particolare un disegno complessivo preciso da parte della Provincia, da attuare anche nel caso in cui possa ritornare un peggioramento della situazione legata al Covid-19.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza