Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

“Uffizi in Passeier. Chi protegge l’arte in guerra?”: una nuova mostra a Trento

Pubblicato

-

Il 1° luglio a Trento apre al pubblico la mostraUffizi in Passeier. Chi protegge l’arte in guerra?”, curata e prodotta dal Museo Passiria e riallestita presso Le Gallerie nell’ambito del programma di collaborazione istituzionale tra i due Musei.

Un interessante percorso, visitabile fino al 1° novembre 2020, che racconta la vicenda delle importanti opere d’arte fiorentine custodite in un deposito in Alto Adige durante la seconda guerra mondiale.

Perché, durante il secondo conflitto mondiale le opere d’arte arrivano in Alto Adige? Quali capolavori si trovavano tra queste? È possibile che si trattasse di un tentativo di trafugamento sotto mentite spoglie?

PubblicitàPubblicità

Partendo da questi interrogativi la mostra “Uffizi in Passeier” ricostruisce una vicenda fuori dall’ordinario, nella quale si intrecciano storia locale e capolavori di fama mondiale.

Fotografie e filmati storici riportano i visitatori e le visitatrici nel pieno degli anni di guerra 1944/45.

Il percorso è incentrato sulle due prospettive che si alternano attraverso gli attori che le rappresentano: il Deutscher Kunstschutz difende il trasferimento delle opere d’arte definendolo un’azione di salvataggio dagli attacchi aerei degli americani, la US-Army mette in evidenza il recupero delle opere d’arte dalle mani dei tedeschi che intendevano trafugarle.

Pubblicità
Pubblicità

Sulla base di brani estratti da atti, lettere e diari, i curatori della mostra, Judith Schwarz e Albert Pinggera, avvicinano le persone coinvolte nei fatti: su due scrivanie si trova la corrispondenza ufficiale e privata per attirare l’attenzione sulle difficoltà da superare, sulle esperienze particolari e sulla responsabilità immensa nell’aver a che fare con opere d’arte di rilevanza mondiale.

Da un lato la mostra racconta le storie che si svolgono attorno al deposito dell’epoca con capolavori di artisti quali Rubens, Tiziano, Caravaggio, Cranach e Botticelli e inscena le riproduzioni dei dipinti a grandezza originale. Dall’altro, nel percorso trilingue, emergono anche altre domande cruciali e attuali: la propaganda culturale della guerra mondiale si è radicata nelle nostre menti? A chi appartiene il patrimonio dell’umanità? Si può proteggere un’identità culturale?

La storia –  Nell’estate bellica del 1944 gli Alleati sono vicini alla vittoria, l’armata di Hitler in Italia è in ritirata. I tesori artistici di Firenze, che per paura dei bombardamenti erano stati trasferiti in chiese, conventi e ville fuori città, corrono il pericolo di essere distrutti o saccheggiati nella confusione dei combattimenti.

Il Deutscher Kunstschutz, una sezione dell’amministrazione militare tedesca per la tutela dei beni culturali nell’Italia occupata, sgombera i depositi e porta le opere d’arte in Alto Adige.

Queste opere dell’arte mondiale devono essere protette in località remote nella zona prealpina. Qui, dove le opere d’arte sono ancora in territorio italiano, ma saldamente in mano tedesca, viene scelto un ex edificio giudiziario come deposito per i capolavori del valore di svariati milioni di euro.

I dipinti – trasportati senza imballaggio sui camion, protetti solo da paglia e coperte di lana – raggiungono la loro destinazione dell’agosto 1944 e vi rimangono per sei mesi scarsi.

Poco prima della fine della guerra il generale Karl Wolff, comandante in capo delle SS in Italia, ordina di consegnare le opere d’arte solo ed esclusivamente agli americani.

La 5th US-Army prende in consegna i dipinti nel maggio 1945 e nei due mesi successivi lavora alacremente per catalogare e imballare le 293 opere in casse di legno realizzate allo scopo. In luglio le opere ritornano a Firenze su un treno. La città le accoglie con un corteo festante.

La mostra, che sarà visitabile fino al 1° novembre 2020, rientra nell’ambito del programma di collaborazione istituzionale tra il Museo di San Leonardo in Passiria e la Fondazione Museo storico del Trentino e, come sottolinea il direttore Giuseppe Ferrandi, “rappresenta un’occasione interessante per conoscere una vicenda particolare e poco nota che coinvolse la Wehrmacht tedesca, le autorità fasciste di Mussolini e la US-Army”

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]
  • Uno sguardo a Kazan, un microcosmo di stili e culture che vivono in armonia
    A circa 820 kilometri da Mosca, dove i fiumi Volga e Kazanka si uniscono, si erge da oltre 1000 anni la splendida capitale della repubblica del Tatarstan: Kazan. Il suo splendore e le sue innumerevoli caratteristiche l’hanno portata ad essere nominata, nel 2005, la Terza Capitale della Russia (appellativo a cui può essere ufficialmente associata […]
  • Riscoprire il turismo lento in Italia, con le mini crociere fluviali
    Una parte della penisola Italiana è composta da un piccolo mosaico di isole e canali che insieme rappresentano la perfetta geometria di un mondo pieno di fascino. Riscoprire una dimensione lenta del turismo, attraverso gli imperdibili itinerari fluviali italiani è uno dei modi migliori per visitare questo mondo. Le crociere fluviali in houseboat sono in […]
  • Il rosmarino e le sue innumerevoli caratteristiche che fanno bene alla salute
    Il rosmarino è un arbusto perenne e sempreverde del genere della Salvia, originario dell’area mediterranea. Questa pianta, infatti, cresce nelle zone litoranee, macchia mediterranea, dirupi sassosi e assolati dell’entroterra, dal livello del mare fino alla zona collinare, ma si può trovare e coltivare anche nella zona dei laghi prealpini e nella Pianura Padana. Sin dall’antichità, […]

Categorie

di tendenza