Connect with us
Pubblicità

Trento

Presentato al Consiglio sanitario il Piano di riorganizzazione della rete ospedaliera

Pubblicato

-

Si è riunito in videoconferenza ieri pomeriggio, alla presenza dell’assessore alla salute Stefania Segnana, il Consiglio sanitario, organo tecnico consultivo e rappresentativo della sanità trentina, con tutti i rappresentanti delle professioni sanitarie del territorio, tra i quali medici, infermieri, farmacisti, chimici, biologi, psicologi, pediatri, esponenti delle associazioni di familiari dei malati e della consulta delle salute.

Nel corso della riunione l’assessore ha informato il Consiglio delle prossime strategie in campo sanitario, presentando il Piano di riorganizzazione della rete ospedaliera, che è stato predisposto dalla Giunta e deliberato il 16 giugno scorso.

Segnana ha anche delineato gli sviluppi programmati sulla rete assistenziale ospedaliera e territoriale trentina, affiancata da Giancarlo Ruscitti, responsabile del Dipartimento salute e politiche sociali, da Franca Bellotti, del Servizio Politiche sanitarie e per la non autosufficienza e da Pier Paolo Benetollo, in rappresentanza della Direzione generale di Apss .

Pubblicità
Pubblicità

Al termine della riunione il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, è intervenuto per un saluto e ha informato ufficialmente i presenti delle imminenti dimissioni del direttore generale di Apss Paolo Bordon.

“Abbiamo sempre lavorato in modo costruttivo – ha detto il presidente – e lo ringraziamo per il lavoro importante che ha fatto e che sta facendo in questi giorni. La Giunta prende atto delle dimissioni volontarie del direttore generale, non è prassi di fronte ad una scadenza contrattuale così distante che si proceda ad un rinnovo: da parte nostra c’era intenzione di proseguire fino alla scadenza naturale del contratto. La Giunta provinciale sta formulando una deliberazione per procedere ad indire un bando per un nuovo direttore generale nei prossimi giorni, per individuare la persona più adatta nel più breve tempo possibile. Contemporaneamente verrà affidato a Pier Paolo Benetollo l’incarico protempore di gestione di direzione dell’azienda sanitaria”.

L’assessore Stefania Segnana ha ringraziato tutti i professionisti della sanità, pubblica e privata, che hanno dato il loro contributo durante l’emergenza.

Pubblicità
Pubblicità

“Sono stati mesi impegnativi e difficili, ha detto, stiamo affrontando un’emergenza sanitaria mondiale che purtroppo ancora non è finita. In questo momento, grazie all’alto numero di tamponi effettuati, vengono intercettati anche i casi di asintomatici e questo ci permette comunque adesso di gestire l’epidemia”.

Venendo al tema centrale dell’incontro, l’assessore ha informato che la riorganizzazione strutturale è stata inviata a Roma. Il decreto “Rilancio” prevede, infatti, che le regioni e le province autonome adottino piani di potenziamento e riorganizzazione della rete assistenziale allo scopo di rafforzare l’offerta sanitaria e socio-sanitaria territoriale necessaria a fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19, ad assicurare una presa in carico precoce dei pazienti contagiati, dei pazienti in isolamento domiciliare obbligatorio, dimessi o paucisintomatici non ricoverati e dei pazienti in isolamento fiduciario, oltre a potenziare l’assistenza domiciliare e l’assistenza infermieristica a favore dei pazienti fragili.

 “Siamo in attesa di una approvazione ufficiale, ha precisato Segnana, mentre per l’assistenza territoriale stiamo lavorando con Apss. Dobbiamo essere pronti, in caso ci dovesse essere ritorno della pandemia e della situazione emergenziale. La nostra intenzione è riequilibrare il rapporto territoriale e potenziare la rete assistenziale a 360 gradi. Già lo scorso gennaio, prima della pandemia, avevamo valutato come organizzare gli ambulatori territoriali con la presenza di un infermiere per rispondere alle necessità di seguire le malattie croniche e il decreto rilancio prevede l’infermiere di comunità: eravamo sulla strada giusta”.

Riguardo alle risorse, ha proseguito l’assessore, sarà necessario fare delle valutazioni puntuali.

La riorganizzazione vede una serie di ampliamento dei posti letto terapia intensiva e semintensiva, negli ospedali principali di Trento e Rovereto, ma anche negli ospedali di valle.

Si prevede dunque la realizzazione di nuovi posti letto di terapia intensiva: 36 presso l’ospedale di Rovereto, 6 presso l’Ospedale di Cles e 4 presso l’ospedale S. Chiara di Trento; la realizzazione di nuovi posti letto di terapia semi intensiva: 20 presso l’ospedale S. Chiara di Trento, 8 presso l’ospedale di Cles e 10 presso l’ospedale di Arco; la riorganizzazione dei percorsi presso i Pronto soccorso del Santa Chiara, di Arco, Cavalese, Cles e Rovereto.

Il nuovo modello di assistenza territoriale è orientato ad un ampliamento quantitativo–temporale e ad una migliore qualificazione della risposta assistenziale; si prevede una presa in carico multidimensionale delle persone meno frammentata e maggiormente integrata; il consolidamento, secondo programmi di attività distrettuali, di specifiche attività di prevenzione, di promozione della salute, di medicina di iniziativa; un rafforzamento dell’assistenza domiciliare integrata per una più efficace risposta ai bisogni dei pazienti cronici, dei disabili e delle persone con fragilità attraverso l’attivazione del nuovo modello dell’“infermiere di famiglia”.

Segnana ha anche evidenziato la necessità di migliorare le attività connesse all’emergenza epidemiologica attraverso la strutturazione di un sistema che permetta di intercettare tempestivamente eventuali focolai e quindi di assicurare altrettanto tempestivamente la presa in carico dei pazienti contagiati, il potenziamento del Dipartimento di Prevenzione attraverso il trasferimento delle competenze statistiche ed epidemiologiche dell’Osservatorio per la salute all’interno del dipartimento prevenzione; l’attivazione di una Centrale Operativa Provinciale con funzioni di coordinamento unitario e di raccordo di tutti i servizi sanitari e socio-sanitari con la rete di Trentino Emergenza 118 che si inserisce nel solco della centrale operativa del numero telefonico unico europeo 116-117 in fase di attuazione e in attesa di approvazione da parte del Ministero della Salute.

L’assessore ha auspicato infine di trovare la possibilità di un’intesa comune con tutti i professionisti del territorio, per creare una sanità più vicina ai cittadini e più efficiente, un auspicio che è stato  condiviso anche dai rappresentanti dei vari ordini professionali presenti.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]

Categorie

di tendenza