Connect with us
Pubblicità

Trento

“In caso di pandemia la catena di comando della Sanità deve essere unica e affidata allo Stato”

Pubblicato

-

“La competenza sulla Sanità delle Regioni deve venire meno in caso di pandemia e di situazioni di emergenza nazionale, perché serve una catena di comando unica e in capo allo Stato. Durante il Coronavirus, il Governo non ha applicato il Piano pandemico, che prevedeva la regia centralizzata ed avrebbe garantito soluzioni all’emergenza, preferendo la soluzione politica, finalizzata ad ottenere il consenso da parte dei governatori e delle Regioni”.

Due dei maggiori esperti italiani in tema di Sanità – il professore e consigliere del ministro della Salute per l’emergenza Covid-19, Walter Ricciardi, e il professore di Scienza delle Finanze dell’Università Cattolica di Milano, Gilberto Turati – concordano su una delle questioni più dibattute durante il lockdown, ovvero il ruolo dello Stato per garantire ai cittadini risposte uniformi di fronte all’emergenza Coronavirus.

Il dibattito è andato in onda, in diretta streaming, nel pomeriggio di ieri durante il Format Intersezioni del Festival dell’Economia di Trento, condotto da Laura Berti, giornalista scientifica del Tg2.

Pubblicità
Pubblicità

L’emergenza Coronavirus è stato uno shock per il sistema sanitario italiano. L’Italia ne è uscita, indicando anche delle buone pratiche per altri Paesi, ma ha evidenziato delle lacune su cui è opportuno lavorare.

Al Festival dell’economia di Trento è stato il giorno di Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute per l’emergenza Covid-19, e di Gilberto Turati, docente dell’Università Cattolica di Milano, intervistati dalla giornalista del Tg2 Laura Berti sul tema economia, salute e sistema sanitario.

Secondo Gilberto Turati, i bisogni sanitari sono differenziati sul territorio italiano perché le patologie non sono distribuite in modo omogeneo, con differenze importanti tra Nord e Sud, e tra le diverse classi sociali. Una posizione condivisa anche da Ricciardi, secondo il quale però “va garantita omogeneità  di erogazione del servizio sanitario sul territorio nazionale.  E su questo punto l’Italia non è omogenea”.

Pubblicità
Pubblicità

Una delle componenti che può incidere sul livello di erogazione è la diversa capacità finanziaria delle Regioni, grazie alla raccolta fiscale. Su questo punto, il professor Ricciardi ha aggiunto:

“Se le regioni non garantiscono un livello omogeneo di servizi, è necessario introdurre dei meccanismi correttivi, non solo di natura finanziaria.Ad esempio, in alcuni Paesi europei, è il caso del Regno Unito, squadre di intervento, coordinate a livello centrale, possono ripristinare l’ordinaria amministrazione e risolvere situazione critiche.Questo, attualmente, non può accadere in italia. L’emergenza Covid – ha spiegato Ricciardi – ha visto la Regione Lombardia in difficoltà ad arginare la pandemia, pur avendo maggiore disponibilità finanziaria rispetto ad altri territori”.

Un altro aspetto di criticità evidenziato dal Coronavirus – secondo il professor Turati – ha riguardato il mancato un coordinamento tra realtà sanitarie nell’attività di informazione dei  pazienti sulla presenza, ad esempio, del Covid negli ospedali:

“Non capisco perché il Piano pandemico, con una regia centralizzata, non è stato tirato fuori dal cassetto, eppure avrebbe garantito soluzioni all’emergenza”.

La discussione si è poi spostata sulla sanità del territorio.

Turati: “In mancanza di specializzazione resta problematico spostare la cura e le terapie dagli ospedali al territorio perché ciò implicherebbe la presa in carico dei pazienti e lavorare con un network di specialisti”.

La posizione è condivisa dal professor Ricciardi, il quale ricorda che “l’Italia è l’unico Paese in Europa dove la formazione dei medici di base non è standardizzata a livello universitario ma a livello provinciale. Inoltre il rapporto tra medico di base e il sistema sanitario è reso ancora più complesso in quanto questi ultimi sono di fatto dei liberi professionisti”.

L’emergenza Coronavirus consentirà, in ogni caso, all’Italia di migliorare il sistema sanitario, completando la copertura dei servizi sul territorio.

“La medicina – hanno concluso i due esperti – sarà sempre più digitale e l’emergenza Covid fornirà al sistema la spinta necessaria all’innovazione”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza