Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Ristorante Mezzolago frazione Valcanover: il coraggio di tornare alla normalità

Pubblicato

-

La pandemia e la conseguente emergenza sanitaria ha messo in ginocchio le attività collegate al turismo che in Trentino vale il 20% del PIL 

Ora gli operatori guardano al futuro mettendo al centro il turista e la qualità della loro esperienza ma anche, e sempre più, la sua sicurezza che il comparto detiene un ruolo di motore importante dell’economia territoriale, in grado di incidere in maniera trasversale in molteplici settori: ambiente, agricoltura, cultura, servizi, commercio, mobilità e viabilità, e produzioni.

Per il turismo regionale il blocco costa caro per ora. Il mancato aggancio al «turismo primaverile» ha portato solo nel capoluogo 2,7 milioni di presenze in meno, in regione 8,1 milioni di euro

PubblicitàPubblicità

Ora però si gira pagina e tutte le strutture ricettive e le attività di ristorazione hanno già riaperto in totale sicurezza e a partire da circa 15 giorni sul laghi Trentini sono ricominciati ad apparire turisti, vele al vento sull’acqua e famiglie che passeggiano sulle bellissime piste ciclabili panoramiche.

I ristoranti cominciano a lavorare adottando le misure di sicurezza e stanno preparandosi per i prossimi due mesi di stagione estiva. Uno di questi, il ristorante albergo Mezzolago di località Valcanover negli ultimi giorni ha visto un notevole aumento del lavoro. «Dopo l’emergenza sanitaria eravamo combattuti se aprire o meno, poi abbiamo deciso di farlo consapevoli che probabilmente se va bene riusciremo a coprire le spese»ci spiega il titolare Dino Alili. (nella foto)

L’hotel pizzeria offre un servizio ristorante pizzeria con 12 camere che in stagione sono sempre sold-out e un panorama da mille una notte in riva al lago di Caldonazzo sulla «punta degli Indiani» dove è ubicata anche l’associazione Velica Trentina.

Pubblicità
Pubblicità

Un posto singolare come la storia del titolare Dino Alili, 45 anni nato in Serbia, fuggito dalla terribile e sanguinosa guerra dei Balcani e arrivato in Italia quasi per caso alla fine degli anni ’90. «Avevamo un ristorante di famiglia vicino ad una miniera dove si estraeva l’oro e lo zinco. Gli operai guadagnavano un sacco di soldi e li spendevano presso la nostra struttura. Poi la guerra ci ha portato via tutto, ogni giorno il denaro valeva sempre meno finché con la paga di un mese non riuscivi nemmeno più a comprarti una cassa di birra».

Poi il viaggio in Italia, l’arrivo a Trento ospitato da un amico sul lago, «Sono rimasto qui per sei mesi con la mia famiglia, poi è arrivata l’opportunità di aprire un ristorante a Roma e siamo subito partiti per la capitale.»

Dino Alili  gestirà questo ristorante nella capitale insieme alla moglie per oltre 15 anni. Poi la necessità di fare studiare e vivere meglio i due figli che stavano crescendo lo riporta in Trentino, dove si presenta la possibilità di riaprire dopo due anni di chiusura il ristorante Mezzolago.

«Abbiamo dovuto ristrutturarlo ma dopo l’inaugurazione del 29 aprile del 2017 abbiamo lavorato benissimo. Nella prima stagione sono riuscito a pagare i debiti per gli investimenti fatti e sono convinto di essere stato aiutato da Dio. Infatti per tutta la stagione non è scesa nemmeno una goccia di pioggia e il sole ha portato molti turisti che hanno riempito il mio locale dalla mattina alla sera» Ricorda il titolare del ristorante Mezzolago.

Tutto insomma funziona molto bene fino ai primi di marzo del 2020: «Stavamo preparandoci per l’apertura primaverile, che in riva al lago porta molti turisti, quando la notizia shock della chiusura totale degli esercizi commerciali ci ha bloccato tutto» 

La famiglia Alili gestisce anche il bar Tennis di Pergine, quindi la famiglia è stata penalizzata due volte. «Ero molto preoccupato e confesso che la notte non riuscivo a prendere sonno – racconta Dino – rischiavo di veder andare in fumo anni di lavoro e di sacrifici. Poi quando l’emergenza è finita i dubbi se aprire o meno mi hanno assalito, e confesso che non tutti in famiglia eravamo concordi sull’aprire visto il futuro incerto»

Dino Alili ha deciso di riaprire richiamando i dipendenti al lavoro nella speranza di vedere riapparire i clienti degli altri anni. «Noi lavoriamo sui turisti ma anche sui residenti che apprezzano molto la nostra pizza e il panorama che puoi ammirare mentre sei seduto ad uno dei nostri tavoli». 

Lui e la sua famiglia hanno scommesso sui 150 posti a sedere del ristorante e sulla cucina che fra il resto propone dei piatti di pesce davvero speciali coordinati dal cuoco barese con trascorsi ed esperienza ormai trentennale in vari locali della zona.

La sua più grande soddisfazione? «Il veder ritornare i clienti dell’anno prima». Nessun rimpianto? chiediamo alla fine dell’intervista: «No rifarei tutto uguale senza cambiare una sola virgola» – Risponde senza esitare Dino Alili. 

Un velo di tristezza scende solo quando parliamo della sua terra d’origine: «Ogni tanto ci penso, è la terra dove sono nato e vissuto fino all’età di 25 anni. Ogni tanto ci torniamo per le vacanze, ma è cambiata molto. Oggi mi sento comunque un cittadino italiano che si è integrato molto bene nella comunità Trentina. Ma non è stata facile all’inizio perché la popolazione trentina è sospettosa e chiusa. Ma poi quando ti conosce ti aiuta e diventa il tuo miglior amico. Io e la mia famiglia siamo felici qui» 

Oggi l’obiettivo è quindi resistere, con speranza e con coraggio. Ma per una persona che ha vissuto la guerra dei Balcani il coronavirus non può certo fare paura.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]

Categorie

di tendenza