Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Ristorante Mezzolago frazione Valcanover: il coraggio di tornare alla normalità

Pubblicato

-

La pandemia e la conseguente emergenza sanitaria ha messo in ginocchio le attività collegate al turismo che in Trentino vale il 20% del PIL 

Ora gli operatori guardano al futuro mettendo al centro il turista e la qualità della loro esperienza ma anche, e sempre più, la sua sicurezza che il comparto detiene un ruolo di motore importante dell’economia territoriale, in grado di incidere in maniera trasversale in molteplici settori: ambiente, agricoltura, cultura, servizi, commercio, mobilità e viabilità, e produzioni.

Per il turismo regionale il blocco costa caro per ora. Il mancato aggancio al «turismo primaverile» ha portato solo nel capoluogo 2,7 milioni di presenze in meno, in regione 8,1 milioni di euro

Pubblicità
Pubblicità

Ora però si gira pagina e tutte le strutture ricettive e le attività di ristorazione hanno già riaperto in totale sicurezza e a partire da circa 15 giorni sul laghi Trentini sono ricominciati ad apparire turisti, vele al vento sull’acqua e famiglie che passeggiano sulle bellissime piste ciclabili panoramiche.

I ristoranti cominciano a lavorare adottando le misure di sicurezza e stanno preparandosi per i prossimi due mesi di stagione estiva. Uno di questi, il ristorante albergo Mezzolago di località Valcanover negli ultimi giorni ha visto un notevole aumento del lavoro. «Dopo l’emergenza sanitaria eravamo combattuti se aprire o meno, poi abbiamo deciso di farlo consapevoli che probabilmente se va bene riusciremo a coprire le spese»ci spiega il titolare Dino Alili. (nella foto)

L’hotel pizzeria offre un servizio ristorante pizzeria con 12 camere che in stagione sono sempre sold-out e un panorama da mille una notte in riva al lago di Caldonazzo sulla «punta degli Indiani» dove è ubicata anche l’associazione Velica Trentina.

Pubblicità
Pubblicità

Un posto singolare come la storia del titolare Dino Alili, 45 anni nato in Serbia, fuggito dalla terribile e sanguinosa guerra dei Balcani e arrivato in Italia quasi per caso alla fine degli anni ’90. «Avevamo un ristorante di famiglia vicino ad una miniera dove si estraeva l’oro e lo zinco. Gli operai guadagnavano un sacco di soldi e li spendevano presso la nostra struttura. Poi la guerra ci ha portato via tutto, ogni giorno il denaro valeva sempre meno finché con la paga di un mese non riuscivi nemmeno più a comprarti una cassa di birra».

Poi il viaggio in Italia, l’arrivo a Trento ospitato da un amico sul lago, «Sono rimasto qui per sei mesi con la mia famiglia, poi è arrivata l’opportunità di aprire un ristorante a Roma e siamo subito partiti per la capitale.»

Pubblicità
Pubblicità

Dino Alili  gestirà questo ristorante nella capitale insieme alla moglie per oltre 15 anni. Poi la necessità di fare studiare e vivere meglio i due figli che stavano crescendo lo riporta in Trentino, dove si presenta la possibilità di riaprire dopo due anni di chiusura il ristorante Mezzolago.

«Abbiamo dovuto ristrutturarlo ma dopo l’inaugurazione del 29 aprile del 2017 abbiamo lavorato benissimo. Nella prima stagione sono riuscito a pagare i debiti per gli investimenti fatti e sono convinto di essere stato aiutato da Dio. Infatti per tutta la stagione non è scesa nemmeno una goccia di pioggia e il sole ha portato molti turisti che hanno riempito il mio locale dalla mattina alla sera» Ricorda il titolare del ristorante Mezzolago.

Tutto insomma funziona molto bene fino ai primi di marzo del 2020: «Stavamo preparandoci per l’apertura primaverile, che in riva al lago porta molti turisti, quando la notizia shock della chiusura totale degli esercizi commerciali ci ha bloccato tutto» 

La famiglia Alili gestisce anche il bar Tennis di Pergine, quindi la famiglia è stata penalizzata due volte. «Ero molto preoccupato e confesso che la notte non riuscivo a prendere sonno – racconta Dino – rischiavo di veder andare in fumo anni di lavoro e di sacrifici. Poi quando l’emergenza è finita i dubbi se aprire o meno mi hanno assalito, e confesso che non tutti in famiglia eravamo concordi sull’aprire visto il futuro incerto»

Dino Alili ha deciso di riaprire richiamando i dipendenti al lavoro nella speranza di vedere riapparire i clienti degli altri anni. «Noi lavoriamo sui turisti ma anche sui residenti che apprezzano molto la nostra pizza e il panorama che puoi ammirare mentre sei seduto ad uno dei nostri tavoli». 

Lui e la sua famiglia hanno scommesso sui 150 posti a sedere del ristorante e sulla cucina che fra il resto propone dei piatti di pesce davvero speciali coordinati dal cuoco barese con trascorsi ed esperienza ormai trentennale in vari locali della zona.

La sua più grande soddisfazione? «Il veder ritornare i clienti dell’anno prima». Nessun rimpianto? chiediamo alla fine dell’intervista: «No rifarei tutto uguale senza cambiare una sola virgola» – Risponde senza esitare Dino Alili. 

Un velo di tristezza scende solo quando parliamo della sua terra d’origine: «Ogni tanto ci penso, è la terra dove sono nato e vissuto fino all’età di 25 anni. Ogni tanto ci torniamo per le vacanze, ma è cambiata molto. Oggi mi sento comunque un cittadino italiano che si è integrato molto bene nella comunità Trentina. Ma non è stata facile all’inizio perché la popolazione trentina è sospettosa e chiusa. Ma poi quando ti conosce ti aiuta e diventa il tuo miglior amico. Io e la mia famiglia siamo felici qui» 

Oggi l’obiettivo è quindi resistere, con speranza e con coraggio. Ma per una persona che ha vissuto la guerra dei Balcani il coronavirus non può certo fare paura.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]

Categorie

di tendenza