Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

I Carabinieri restituiscono al Museo dell’Aeronautica Caproni documenti e materiale storico ritrovati in un’abitazione di Cles

Pubblicato

-

Il 25 giugno 2020, a Trento, presso il Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni, il Maggiore Lorenzo Pella, Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Udine, ha restituito al Soprintendente per i beni culturali della Provincia Autonoma di Trento, dott. Franco Marzatico, alla presenza dell’Assessore Provinciale all’Istruzione, Università e Cultura, dott. Mirko Bisesti, del Comandante Provinciale Carabinieri, Col. Simone Salotti, del Direttore della Fondazione Museo Storico del Trentino, dott. Giuseppe Ferrandi e del responsabile dell’Ufficio Beni Archivistici, Librari e Archivio Provinciale, dott. Armando Tomasi, 46 documenti di varia foggia e misura nonché 2 fotografie di proprietà dell’Archivio Caproni andati dispersi, presumibilmente verso la fine degli anni ’80 del secolo scorso, a seguito del trasferimento del citato ente dalle precedenti sedi lombarde a quella attuale.

La restituzione è il frutto di un’indagine condotta dal Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Udine, coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Trento dott.ssa Alessandra Liverani, nell’ambito dell’Operazione internazionale denominata Pandora II – Athena, finalizzata al contrasto del traffico illecito di beni culturali.

L’incarto è stato individuato dai militari dello speciale reparto dell’Arma, nel maggio del 2017, nel corso di una perquisizione in un’abitazione privata a Cles disposta dalla Procura trentina che concordava con le risultanze investigative prodotte nell’ambito di una serie di accertamenti effettuati in ordine alla vendita on-line di materiale archivistico. L’evidente pregio dei documenti rinvenuti suggeriva ai Carabinieri del Nucleo TPC di Udine di procedere al sequestro d’iniziativa della documentazione al fine di preservarla da eventuali future alienazioni.

Pubblicità
Pubblicità

I successivi accertamenti tecnici effettuati in collaborazione con Neva Capra, curatrice del patrimonio Caproni per conto della PAT, consentivano di determinarne l’autenticità e la provenienza dall’omonimo archivio, ammanco evidenziatosi solamente grazie alla segnalazione giunta dai Carabinieri del Nucleo di Udine.

La documentazione oggetto dell’odierna restituzione, disposta dal GIP del Tribunale di Trento a seguito dell’archiviazione del relativo procedimento penale all’epoca instauratosi, riguarda principalmente la corrispondenza intercorsa tra Giovanni Battista “Gianni” Caproni e il Generale della Regia Aeronautica Napoleone Del Duca, che tratta eventi relativi all’attività di costruzione di cantieri aeronautici nella zona di Bergamo tra il 1937 ed il 1938.

Il fascicolo – composto da documentazione interessante ed inedita da un punto di vista storico – risulta omogeneo e discretamente ordinato, fattore che spinge a ritenere che sia stato illecitamente prelevato in toto durante i vari spostamenti che hanno interessato l’Archivio Caproni nel corso degli anni.

Pubblicità
Pubblicità

La restituzione della preziosa documentazione consente la ricomposizione dei percorsi storici e culturali altrimenti leggibili solo parzialmente e costituisce ulteriore prova della fattiva collaborazione intercorsa tra i Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Udine e la Soprintendenza beni culturali della Provincia Autonoma di Trento, anche al fine di consentire la fruizione completa da parte della collettività della preziosa documentazione finalmente riaccorpata.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]
  • L’Italia e i boschi incantati: alla scoperta di fate, gnomi e folletti
    Ogni stagione con i suoi profumi e i suoi colori, invita qualsiasi escursionista ad esplorare la natura che, tra vegetazione ed alberi si mostra in tutto il suo splendore. In particolare, l’Italia è nota per essere una miniera di patrimoni artistici e culturali inestimabili capaci di scatenare la curiosità di grandi e piccini, con la […]

Categorie

di tendenza