Connect with us
Pubblicità

Trento

Le mille contraddizioni del divieto della distillazione della grappa

Pubblicato

-

Noi trentini siamo da sempre grandi distillatori(e bevitori) di grappa; soprattutto in alcuni paesi di valle, dopo il periodo di fermentazione del vino, quando si hanno le cosiddette “bràsche”, non è troppo difficile sentire il forte olezzo che deriva dalla distillazione dell’uvaggio.

Un solo pomeriggio all’interno di un locale adibito alla produzione di grappa artigianale potrebbe portare chiunque ad uno stato di “dolce”  ebrezza.

Ma tali momenti di felicità potrebbero costare cari, la possessione del prezioso distillato fatto “homemade”  oppure anche la semplice possessione dei distillatori potrebbe portare fino a tre anni di reclusione e ad una multa che parte dai 7.700 euro.

Pubblicità
Pubblicità

Insomma, coltivare una droga come la Cannabis è meno rischioso… non si scherza, in molti ricorderanno il caso di quel ragazzo al quale avevano trovato due piante di Marijuana sul bancone; era stato assolto poiché secondo la cassazione erano per uso personale.

Non si capisce dunque perché ci si possa produrre droga per uso personale e non  si possa distillare della grappa.

L’ironia abbonda. Si dovrebbe rivendicare il diritto alla produzione per uso personale di grappa!

Pubblicità
Pubblicità

Ma non si può! Perché? Perché logicamente lo Stato preferisce fare cassa; su ogni litro di grappa si paga infatti quasi il 50% i più del prezzo reale a causa delle imposte.

Viviamo dunque in uno Stato in cui è possibile coltivarsi la Cannabis ma non distillare un litro di acquavite.

Un ‘altra motivazione dell’impedimento alla distillazione è la prevenzione all’evasione fiscale; seguendo questo ragionamento dunque dovremmo anche vietare il possesso di galline…le uova potrebbero essere vendute evadendo il fisco.

Dovremmo anche impedire la produzione di marmellate, di sambuco, di vino e di qualunque tipo di prodotto fatto in casa. Non si capisce come mai sia possibile (sempre per uso personale) la produzione di birra fatta in casa e della grappa no, del latte e del formaggio fatti in casa e della grappa no. Insomma, le incongruenze e le contraddizioni abbondano. 

E’ poi interessante il fatto che sia possibile reperire gli attrezzi per lavorare i distillati (non sul Deep  Web ma su Amazon) e  sia illegale possederli; si fa fatica a trovare la coerenza anche in questo caso.

In questi giorni in cui in parlamento si discutono leggi per la liberalizzazione della Cannabis viene dunque spontaneo ricordare ai politici che la grappa si spera possa presto essere prodotta legalmente senza rischiare anni di reclusione.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Chalet Pinocchio, dove sentirsi sempre a casa
    Chalet Pinocchio si trova a Brentonico, nel sud del Trentino, a 16 km dal centro di Rovereto e a 10 km dall’uscita autostradale di Rovereto sud. Situato in una piccola località montana che d’inverno diventa il centro ideale per accedere alla Ski Area Polsa San Valentino, con piste facili ideali anche per chi vuole imparare; d’estate, […]
  • Bear with Benefits: gli integratori a forma di orsetti gommosi
    Bears with Benefits sono degli orsetti gommosi ricchi di vitamine e minerali. Si tratta infatti di integratori alimentari con un complesso vitaminico e minerale altamente concentrato. Le formulazioni sono sviluppate in Germania e rispettano i più elevati standard di qualità. Durante la produzione, non vengono utilizzati antiagglomeranti, agenti di carica e allergeni: i prodotti sono […]
  • MasonBees: la casa delle api
    MasonBees Ltd. è nata come parte della Oxford Bee Company, ovvero un’organizzazione che ricerca il ciclo di vita delle Red Mason Bee. CJ Wildbird Foods Ltd. ha acquistato la Oxford Bee Company nel 2006 ed ha proseguito la ricerca, conducendo varie prove sul campo con le Red Mason Bees. Queste prove avevano lo scopo di […]
  • Dolomiti Wellness Hotel Fanes: un piccolo angolo di paradiso in Alta Badia
    Il Dolomiti Wellness Hotel Fanes è in una delle terrazze più assolate e panoramiche di San Cassiano, piccolo e grazioso villaggio di montagna, nelle Dolomiti a poco più di 1.500 metri s.l.m. in Alta Badia: cinque minuti per raggiungere il centro a piedi, isola pedonale ricca di vetrine e negozi, servizi ancillari e noleggio attrezzatura, […]
  • Abiby: la Beauty Box perfetta per chi vuole qualità e innovazione
    Abiby è il servizio in abbonamento che permette ogni mese di scoprire le migliori novità in ambito skincare, make-up e beauty con un’esperienza unica e a sorpresa. La missione di Abiby è quella di usare l’esperienza per far scoprire i migliori brand al mondo, quelli che da soli è difficile trovare. Come? Viaggiando costantemente alla ricerca di prodotti […]
  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]

Categorie

di tendenza