Connect with us
Pubblicità

Benessere e Salute

Italiani salutisti: aumenta il consumo di frutta e verdura

Pubblicato

-

L’Italia occupa tra i primi posti in Europa per il consumo di frutta e verdura; il regime alimentare medio degli italiani prevede infatti l’apporto di uno di questi cibi almeno una volta al giorno.

Alcuni dati rendono l’idea di questa realtà locale: l’Italia risulta essere al terzo posto in classifica con l’80% di consumi giornalieri di prodotti ortofrutticoli; nella classifica si fa superare solo da Belgio e Irlanda.

La Coldiretti ha identificato in questo dato interessante, probabilmente, un cambio generazionale nelle regole dell’alimentazione.

Pubblicità
Pubblicità

I più giovani stanno dimostrando di avere un occhio più attento verso la propria salute alimentare rispetto alle generazioni precedenti e, di conseguenza, verso il proprio benessere fisico; questo li spinge ad includere nella loro alimentazione quotidiana dei cibi ricchi di vitamine e proteine.

LE PREFERENZE DEGLI ITALIANI – Riguardo alle preferenze degli italiani in fase di acquisto, potremmo dire che molto spesso è tutta questione di colore: i consumatori sembrano infatti più attirati da una pigmentazione forte di frutta e verdura, e alcuni dati statistici rispecchiano questo scenario. Prendendo in considerazione gli ortaggi, gli italiani consumano principalmente patate, pomodori e insalate, e le varietà di pomodoro con una colorazione spiccatamente rossa sbaragliano la concorrenza.

Per quanto riguarda la frutta, invece, sono le mele e le arance quelle più apprezzate in assoluto. Un frutto che viene, a torto, meno scelto e valorizzato sembra invece essere la pera, che figura rare volte nella lista della spesa nonostante le sue proprietà nutritive notevoli (soprattutto per la presenza di fibre, calcio e vitamine).

Pubblicità
Pubblicità

Data la presenza di diverse varietà dalle qualità anche molto diverse tra loro, è sempre bene scegliere quella più adatta per ogni occasione: come spiega la pagina dedicata alle pere dei Fratelli Orsero, una torta o un frullato dissetante richiedono delle tipologie diverse e scegliere quella sbagliata può compromettere il risultato finale.

Le preferenze d’acquisto degli italiani, comunque, si estendono anche verso altri prodotti che hanno notoriamente delle proprietà benefiche: la vendita di spezie come lo zenzero, ad esempio, è aumentata in maniera esponenziale negli ultimi anni. In crescita anche le mandorle e i prodotti che le contengono, così come i mirtilli e cereali come il farro e la quinoa.

NUTRIRSI CORRETTAMENTE – dobbiamo attestare il merito che ci spetta, gli italiani dai dati raccolti sono quelli che negli ultimi anni hanno fatto scelte direzionate al nutrirsi con alimenti gustosi ma anche utili all’organismo. Questi alimenti contribuiscono al rafforzamento delle difese immunitarie e, allo stesso tempo, permettono di avere un minore impatto sull’investimento delle risorse della sanità pubblica dedicate alle patologie causate dalla malnutrizione.

Come ultimo fattore, le percentuali elevate di consumo di frutta e verdura, rappresentano un ottimo incentivo per aumentare i posti di lavoro nella filiera alimentare del nostro Paese.

Prodotti naturali come frutta e verdura sono ricchi di vitamine necessarie al corretto funzionamento e sostentamento del nostro organismo e la loro insufficienza nella dieta causa problemi come avitaminosi o ipovitaminosi. Per questo è assolutamente necessario seguire il più possibile una dieta che sia davvero variegata e completa.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza