Connect with us
Pubblicità

Trento

Sondaggio Confcommercio: il 60,5% dichiara che i propri clienti abituali non sono ancora tornati. Solo il 55% chiederà aiuti alla PAT

Pubblicato

-

I pubblici esercizi del Trentino hanno riaperto dopo oltre due mesi di chiusura dell’attività dovuta all’emergenza sanitaria.

L’Associazione dei Pubblici Esercizi del Trentino, attraverso un sondaggio, fa luce sulle difficoltà che gli imprenditori devono affrontare quotidianamente.

Mancanza di liquidità, protocolli da seguire e distanziamento sociale sono solo alcuni fattori che penalizzano la ripartenza delle imprese, ma la buona volontà non manca di certo agli imprenditori.

Pubblicità
Pubblicità

L’Associazione, dopo due settimane dalla riapertura dei pubblici esercizi, ha proposto a livello provinciale ai propri associati un sondaggio per comprendere la situazione attuale.

Durante i mesi di lockdown il 90% dei pubblici esercizi intervistati ha dichiarato di non aver effettuato il servizio di consegna a domicilio, chi invece ha attivato il servizio di consegna a domicilio afferma che lo manterrà attivo anche nei prossimi mesi.

Leggermente diverso il trend per il servizio di asporto dove il 40% dei pubblici esercizi intervistati ha dichiarato di aver provveduto ad effettuare il servizio di asporto e che tale servizio verrà mantenuto attivo.

Pubblicità
Pubblicità

I pubblici esercizi hanno potuto riprendere la loro attività dal 18 maggio e più del 90% ha confermato di aver riaperto, rimane però un 10% che dichiara di voler aspettare a riaprire.

Abbiamo chiesto agli imprenditori come valutassero le linee guida per la gestione del Covid-19 definite dalla Provincia Autonoma di Trento per la riapertura dei locali e il 47,5% ha dichiarato che tali linee guida siano “il meglio che si poteva ottenere, vista la situazione di emergenza”; un 31,3% le trova ragionevoli ma di difficile applicazione e il restante 21,2% le percepisce come complicate da capire e da attuare nella propria attività.

Dalla riapertura dei locali però gli esercenti non hanno visto l’afflusso di clientela che si aspettavano, il 60,5% dichiara che i propri clienti abituali non sono ancora tornati a consumare, il 39,5% invece ha rivisto i clienti affezionati. Secondo gli intervistati i clienti non sono ancora tornati a consumare nei loro locali sostanzialmente per due motivi: per paura del virus e per le disposizioni di distanziamento sociale.

Si nota comunque una risposta molto positiva da parte dei cittadini i quali sono molto ligi alle disposizioni provinciali tanto che l’88% dei gestori di locali vede i propri clienti seguire le indicazioni: indossano la mascherina, stanno distanziati tra loro e utilizzano gel disinfettante; solo il 12% nota qualche disattenzione.

È forte la preoccupazione degli esercenti di un’eventuale adozione da parte delle autorità di provvedimenti restrittivi per arginare/evitare la cosiddetta “movida”; il 65% ha questo timore: se dovesse succedere comporterebbe un ulteriore significativo calo di fatturato già largamente penalizzato dalle attuali disposizioni.

La Provincia Autonoma di Trento ha approvato i criteri per l’approvazione dei finanziamenti da concedere alle attività economiche #RipartiTrentino, però solo il 55% degli intervistati conferma di voler presentare la domanda, il restante 45% o non presenterà la domanda o sta ancora valutando se farlo.

Comunque il 31,2% ritiene siano esigui gli importi stanziati per gli aiuti alle imprese, il 46,5% li ritiene sì esigui ma comunque di aiuto alle imprese e il 22,4% li ritiene congrui vista la situazione di emergenza.

«Riaprire i nostri locali era assolutamente necessario – dichiara la vice presidente dell’Associazione dei Pubblici Esercizi del Trentino Fabia Roman (foto) – dopo quasi tre mesi di chiusura senza incassi. Abbiamo lavorato a stretto contatto con le istituzioni e gli organi sanitari per delineare le disposizioni necessarie che ci permettessero di ripartire garantendo sicurezza ai nostri clienti e collaboratori e ci siamo prontamente adeguati per attuarle al meglio. Voglio ringraziare tutti i nostri associati per aver risposto positivamente e con grande spirito di collaborazione. Abbiamo stretto i denti nei mesi di chiusura forzata e continuiamo a stringerli anche ora perché il lavoro è ripartito sì ma molto lentamente»

«Ora però chiediamo una risposta concreta al governo provinciale e, attraverso la nostra federazione nazionale (FIPE) alla politica nazionale, abbiamo bisogno di sostegni concreti: liquidità a fondo perduto, azzeramento delle imposte per i mesi di chiusura totale e un facile accesso al credito. Noi abbiamo seguito immediatamente e scrupolosamente ogni disposizione, chiediamo risposte altrettanto veloci. Ho timore che molti pubblici esercizi a fine anno saranno costretti a chiudere la propria attività se non supportati velocemente e in modo consistente.»

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]

Categorie

di tendenza