Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Motociclismo in Trentino: «Basta astio contro i centauri, Fugatti ci ascolti!»

Pubblicato

-

Egregio direttore,

la stagione motociclistica sta iniziando, in ritardo, ma inizia e con essa gli incidenti, anche mortali, che vedono coinvolti noi motociclisti.

Leggevo con attenzione le notizie riguardanti il “Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica“, convocato dal Presidente Fugatti, che cerca soluzioni per arginare questa strage di motociclisti, più o meno incolpevoli, ma prima di tutto mi è sorta spontanea una domanda: in quel comitato quanti sono effettivamente motociclisti?

Pubblicità
Pubblicità

Tanti bei nomi, titoli, gradi altisonanti, ma convocare alla riunione del comitato anche chi effettivamente ci va in moto? Sentire quali sono le impressioni, le idee e le possibili soluzioni ai diversi problemi da chi quei problemi li deve affrontare ogni volta che mette in testa il casco?

Lo abbiamo potuto vedere e saggiare con mano durante la crisi pandemica del COVID: il Governo ha preso decisioni, emanato decreti, ma il tutto ascoltando medici e scienziati specializzati. Non è che perché un politico è “assessore” di qualcosa o “presidente” di qualcos’altro, automaticamente è un esperto della materia, anzi, se fossero stati veri scienziati o medici, non sarebbero stati politici: sono due mestieri diversi.

Allora perché quando si parla di motociclismo, di sicurezza stradale, di modi per prevenire incidenti, anche troppo spesso mortali, non si interpellano i motociclisti?

Pubblicità
Pubblicità

Eppure ci sono varie realtà associative trentine che si occupano di motociclismo, abbiamo anche un campione mondiale delle due ruote, Marco Melandri, sponsorizzato dalla Provincia, così come il team Gresini, impegnato nei mondiali MotoGP e MotoE, ma nel comitato che decide sulla prevenzione degli incidenti non ve n’è traccia.

Quello della prevenzione è un tema difficile e spinoso, è un balletto complesso tra pensare al bene comune e vendere un prodotto o un’immagine. Vi siete mai chiesti perché non ci sono spot di piloti famosi che dicono “Voi non siete piloti, la strada non è una pista, datevi una calmata“?

Perché sono proprio gli esaltati che pensano di vivere l’ultima curva del Gran Premio del Mugello di MotoGP quelli che comprano la moto “replica MotoGP”, il casco con le grafiche del pilota famoso e gli adesivi con il suo numero di gara, quindi quelli sono “clienti” che sognano di essere “piloti” e per questo comprano quei prodotti, se il loro beniamino infrangesse quel sogno, forse non rischierebbero di schiantarsi per un sorpasso azzardato mentre sognano Guido Meda che urla il loro nome, ma non comprerebbero nemmeno quei prodotti che servono proprio per fargli sognare quei momenti, in realtà irraggiungibili.

Ma non solo: la prevenzione, quella vera, è un costo che ha grandi benefici, ma difficilmente misurabili in termini di rientro monetario, mentre mettere autovelox e sguinzagliare sceriffi armati di goniometro per calcolare la giusta angolatura della targa, sono un guadagno, un’entrata diretta di soldi nelle casse comunali, quindi è più facile mettere autovelox, piuttosto che cercare una soluzione reale al problema.

Per cercare di fare prevenzione e migliorare la situazione dovrebbero fare uno studio approfondito, che cerchi tra decine di fattori, che crei una reale istantanea su come avvengono gli incidenti, che tipo di dispositivi di sicurezza avevano i motociclisti addosso al momento dell’impatto, quali tipi di ferite in relazione ai dispositivi di sicurezza, con che tipologia di motociclo è stato fatto l’incidente, quale l’esperienza di guida effettiva del motociclista, insomma, uno studio lungo e costoso, che porterebbe a dei benefici, ma tutto questo ad un costo economico e di tempo: meglio mettere autovelox a caso in giro, così si fa cassa, si fanno i titoloni sui giornali per saziare l’astio di chi odia chi va in moto e “spaventare” i motociclisti.

Permettetemi anche di dire un’ultima cosa, una provocazione ironica, lungi da me voler insultare il comitato, ma se in questi anni la soluzione è sempre stata, ma allora perchè riunire un comitato pieno di grandi nomi titoli e gradi per trovare una soluzione che altro non è che la stessa che danno ogni anno? Mi immagino la riunione: “Facciamo come al solito? Si, ok, nuovi autovelox, da proponiamo anche limiti diversi per le moto, del resto dove mettiamo i 70 all’ora le moto vanno a 120, è logico pensare che se imponiamo i 50 all’ora magicamente tutti lo rispetteranno!“.

Quando vorrete ascoltarci, noi motociclisti siamo qui, magari troveremo insieme un modo per limitare i danni, magari no, ma almeno ci avremo provato, seriamente e con il cuore in mano, quel cuore di motociclista che troppo spesso smette di battere sull’asfalto delle nostre strade.

Lorenzo Galasso – Trento

Potete inviare le email al direttore da inserire nella rubrica «io la penso così» scrivendo a: redazione@lavocedeltrentino.it

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza