Connect with us
Pubblicità

Trento

Gli alpini ancora in prima linea: «64 giorni di servizio consecutivo, noi pronti ad affrontare qualsiasi urgenza»

Pubblicato

-

“I miei 64 giorni consecutivi a consegnare pacchi alimentari”

Pezzato (Alpini): “Ho fatto fino a otto ore di servizio quotidiano. È stato terapeutico, ho aiutato ma ho anche ricevuto”. Le Penne nere hanno percorso migliaia di chilometri per portare i viveri del Banco alimentare alle famiglie in difficoltà

Migliaia di chilometri percorsi, centinaia di ore di lavoro: gli Alpini della sezione di Trento hanno battuto tutta la città per consegnare i pacchi viveri del Banco alimentare.

Pubblicità
Pubblicità

Senza gli Alpini, affiancati dai volontari che il Comune ha “arruolato” tramite la piattaforma di Trento si aiuta, non sarebbe stato possibile sostenere a domicilio tante famiglie in difficoltà.

Tra i protagonisti di questo superlavoro, che si è concluso la settimana scorsa, c’è Gregorio Pezzato, da 35 anni iscritto all’Ana: “Tutto è iniziato quando Paolo Frizzi, capogruppo dell’Ana di Trento, si è sentito con il Comune per capire che cosa potevamo fare per essere d’aiuto durante il lock-down – racconta Pezzato – È uscita la proposta di portare i pacchi del Banco alimentare a chi ne aveva bisogno, visto che per colpa del virus non era più possibile tenere aperti i punti di ritiro”.

Quanti eravate all’inizio?

Pubblicità
Pubblicità

«Il 18 marzo abbiamo cominciato con un alpino solo: Rocco Coletta, maresciallo veterano che, con l’aiuto del vicepresidente e di alcuni amici, è riuscito nel compito per qualche giorno.

Poi si è visto che la situazione era pesante, le cose da fare erano molte e una persona sola non era sufficiente. Come Alpini eravamo impegnati anche in altre attività: dalla consegna dei tablet per i bambini che non avevano dispositivi da usare per seguire le lezioni, ai vestiti in ospedale per chi aveva dovuto lasciare la casa troppo in fretta, alle collette per il Banco alimentare fuori dai supermarket, al controllo dei parchi cittadini. Per questo dal 21 marzo ho iniziato anch’io il servizio».

Riuscivate a gestire le consegne su tutto il territorio da soli?

«Fino al 3 di maggio sì, perché durante il lock-down era bellissimo girare per le strade completamente prive di traffico. Poi la circolazione ha iniziato ad intensificarsi e diventava difficile riuscire a fare lo stesso numero di consegne negli stessi tempi. Per questo dal 3 di maggio abbiamo chiesto l’aiuto dei volontari che avevano dato la loro disponibilità al servizio Attività Sociali del Comune tramite la piattaforma Trento si aiuta.

Così abbiamo iniziato ad uscire con due furgoni, uno degli Alpini e uno del Comune. Un lavoro intenso quindi. Io e Rocco lavoravamo anche 8 ore al giorno, dalle 8 del mattino fino alle 6 di sera. Oltre alle consegne c’era il lato logistico da gestire. Quando arrivava la lista delle persone, bisognava creare il tracciato più efficiente per consegnare i pacchi in tutte le zone, mettere in ordine gli indirizzi e controllare lo stradario.

Con il mio compagno abbiamo fatto 64 giorni consecutivi di servizio. Mi sono trovato benissimo, è stato molto bello. In parte mi sono sentito in dovere di fare qualcosa per gli altri, di rispondere ad un ideale. In parte il servizio è stato terapeutico anche per me perché ho potuto girare mentre gli altri stavano a casa. Alcuni momenti mi hanno strappato anche un sorriso. Per esempio quando arrivava il grazie delle signore a cui portavamo i pacchi o quando vedevamo la gratitudine delle nonnine a cui consegnavamo il pane fresco o ancora quando vedevamo i sorrisi dei bambini a cui davamo le caramelle. È stata un’occasione per portare un aiuto agli altri e un’occasione per ricevere qualcosa.»

Come vi siete trovati con i volontari che vi aiutavano?

«Ci siamo trovati benissimo con gli altri ragazzi, erano volenterosi e ben disposti. Quando erano in difficoltà, se qualche utente non apriva, non era in casa, o l’indirizzo era sbagliato, ci chiamavano per farsi aiutare. Magari passavano alcuni pacchi a noi.»

Cosa ne pensa della situazione?

«Come Alpini abbiamo dato tanto in questo periodo lavorando a 360 gradi su tutti i fronti. È vero che ci sono state e ci saranno molte difficoltà ma, se penso al futuro, credo che forse sarà meno nero di quanto previsto. Forse è l’ottimismo che contraddistingue gli Alpini che mi fa vedere un futuro roseo. Noi saremo sempre pronti ad affrontare qualsiasi urgenza ed emergenza, l’abbiamo sempre fatto e lo faremo ancora. “Se ghe da far, sel fa”, in fondo il nostro motto è sempre stato questo.»

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]

Categorie

di tendenza