Connect with us
Pubblicità

Trento

Scricchiola sempre di più la candidatura di Baracetti, si allunga dietro di lui l’ombra di Marcello Carli

Pubblicato

-

La posizione di Alessandro Baracetti come candidato sindaco del centro destra autonomista starebbe vacillando ogni ora sempre di più.

Il coordinamento di Trento di Agire per il Trentino avrebbe solo dato il via ai tanti malesseri e disagi già presenti dentro gli alleati fin dalla nomina di Alessandro Baracetti a candidato sindaco del centro destra per la poltrona di palazzo Thun.

«All’interno del coordinamento di Trento di Agire per il Trentino è in corso una riflessione ad ampio raggio sulla situazione sociale, economica, ambientale e conseguentemente anche politica – spiega Mauro Corazza  – quanto accaduto in questi mesi crediamo imponga dei ripensamenti a più livelli e su larga scala perché tutto è stato stravolto».

Pubblicità
Pubblicità

«In questi mesi avremmo auspicato un cambio di marcia per una coalizione che presenta molte liste alla prima partecipazione alle elezioni comunali. Nessuna accusa – aggiunge Corazza –  nessuna pretesa, soltanto delle riflessioni politiche sul merito»

Corazza rimarca nuovamente che Agire per il Trentino ha convocato un incontro con tutti gli alleati per i necessari chiarimenti e che, per la dovuta correttezza e responsabilità, non è stato avviato alcun discorso con figure o liste non appartenenti alla coalizione di centrodestra.

Per quanto riguarda Fratelli d’Italia il senatore Andrea de Bertoldi ha dichiarato ieri che «è cambiato lo scenario socio-economico globale. È inevitabile dunque capire se in chiave amministrative quello che era stato pianificato per la Trento del futuro prima dell’inizio della pandemia va ancora bene oppure no».

Pubblicità
Pubblicità

Francesca Gerosa invece mantiene un profilo basso pur ammettendo che la situazione è molto cambiata dalla nomina di Baracetti, «Il nostro candidato rimane Baracetti, stiamo guardando cosa succede per capire e fare le opportune valutazioni, l’unica cosa certa è che gli scenari sono mutati e di molto e che e ci sono da rivedere molte cose del programma perché le priorità sono cambiate»

Anche Fratelli d’Italia ha chiesto un incontro chiarificatore con gli alleati che dovrebbe svolgersi a metà della prossima settimana.

Sul nome di Marcello Carli dentro il movimento della Meloni cascano tutti dalle nuvole: «Mai arrivato il suo nome sul tavolo della coalizione, ripeto che il nostro candidato è Baracetti, se ci saranno cambiamenti vedremo ma ripeto prima c’è bisogno di un chiarimento fra di noi. Le valutazioni infatti vanno fatte fra di noi e non attraverso la stampa» – afferma Gerosa

Nonostante le parole rassicuranti di Giorgio Leonardi anche in Forza Italia non ci sarebbe una completa condivisione sul nome di Baracetti aumentata ancora di più dopo lo scoppio dell’emergenza sanitaria.

Ma i maggiori dubbi arrivano proprio dal partito di maggioranza. Dentro la Lega infatti la frangia dei militanti contrari alla nomina dell’avvocato fin dall’inizio si starebbe allargando a macchia d’olio.

Gli addetti ai lavori parlano apertamente di «Uomo sbagliato, nel posto sbagliato e nel momento sbagliato». Pare anche che da qualche movimento di centrodestra siano stati inviati degli emissari con il compito di far desistere Baracetti invitandolo ad un’uscita di scena onorevole da vincitore e che lui per il momento abbia risposto «picche».

Sulla figura di Baracetti in quanto persona seria, chiara, trasparente e senza scheletri nell’armadio nessuno discute, ma i rumors invece si confrontano sulla sua mancanza di autorevolezza nella comunicazione, di empatia, esperienza politica e conoscenza delle problematiche del capoluogo, dote fondamentale per chi dovrà prendere delle decisioni immediate e forti nella fase due.

La sensazione è che la coalizione di centrodestra vada in ordine sparso e c’è chi dice anche che andando con un candidato sindaco in ogni lista si arriverebbe ad avere il doppio dei consensi. 

Sulle perplessità sul nome di Baracetti pesano anche alcune sue dichiarazioni fatte alla stampa e la poco incisiva e secondo molti deludente presentazione della coalizione alla città avvenuta in piazza Duomo.

Le voci sul possibile cambio del candidato nelle ultime ore aumentano e riguardano anche persone che fino ad ora, pur essendo rimasti perplessi dopo la scelta di nome di Baracetti, erano rimaste in silenzio e che ora a fronte di quanto successo non ritengono più la sua figura adatta per trainare Trento fuori dalla palude.

Molti i pareri. Da chi pensa che sia stato scelto per perdere, oppure chi è sicuro che allora non ci fossero alternative.

Ma se allora poteva essere così, ora lo scenario è cambiato. Marcello Carli infatti si è apertamente proposto con un «programma per far tornare a correre Trento».

Carli è giusto ricordare che ha un’ottima esperienza politica alle spalle, è un buon oratore e un moderato che in questi anni ha raccolto moltissimi consensi nel mondo cattolico e all’interno del grande bacino delle famiglie trentine.

Molti all’interno della coalizione di centro destra pensano ora al suo nome per uscire dall’emergenza sanitaria che nei prossimi mesi rischia di mettere in ginocchio il capoluogo.

Dietro di lui nessun scandalo e nessuna ripercussione ne penale ne civile. Un passato cristallino come quello di Baracetti.

Finiamo con due dichiarazioni, quella di Claudio Cia: «Io ho solo iniziato a raccogliere le serie preoccupazioni che serpeggiano fra i cittadini e anche nelle file degli altri partiti della coalizione, chiedo il rispetto di tutti, in primo luogo quello di Baracetti, ma anche del mio come segretario di un partito del centro destra che vuole vincere le elezioni e finalmente conquistare la città di Trento»

E poi di quella scritta qualche ora fa da Marcello Carli sul suo profilo: «Nulla di personale, davvero, dicevo, e qui vengo al punto, nei confronti degli attuali candidati a sindaco di Trento, degne persone. Ma qui è la partita che è diversa. Sono le esigenze ad essere mutate. Siamo in una situazione incredibilmente impegnativa, nella quale non potremo fermarci mai.d Dovremo lavorare con la stessa capacità dei politici della Ricostruzione dopo la guerra, li ricordate, i vostri nonni ve ne hanno parlato?

Questo, lo avrete capito, è un luogo di stimolo e di confronto. Da domani, parte il cantiere del programma per Trento. E voglio dirlo subito: qui non si impone, né si ha l’arroganza di “pretendere”: sono accettati i contributi di tutte le donne e tutti gli uomini di buona volontà.

Dobbiamo farlo per una Trento civica, libera da troppe regole e troppi divieti che frenano la ripresa, per una Trento che ricominci a correre e che come in una maratona, fino al traguardo, non si fermi mai. E si faccia finalmente rispettare: in provincia, a Roma, nel mondo. Io per questo contributo di programma ci sono, e voi?»

L’ultima parola ora spetta al partito di maggioranza e al suo segretario Mirko Bisesti che dovrà decidere le sorti di Trento nei prossimi duri e difficili 5 anni. (c.c.)

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]
  • “ Sentiero dei Parchi”: presto anche l’Italia avrà il suo Cammino di Santiago italiano
    Dai Tg flash, ai treni velocissimi ai fast food fino ai pranzi al volo: viviamo in un mondo in cui la velocità è diventata una dote essenziale e molto ricercata, ma esiste un’alternativa che cerca di promuovere il valore della lentezza e della scoperta. Esistono infatti, diversi modi di viaggiare e dopo lo slow food […]
  • “Regalati il Molise”:case vacanze gratis per rilanciare turismo e piccoli borghi
    Nell’anno in cui l’emergenza sanitaria ha rotto tutti gli schemi del classico turismo legato alle grandi mete e alle vacanze tradizionali, una delle regioni più piccole d’Italia ha deciso di riaprire i confini del turismo con una particolare iniziativa aperta al mondo: “ Regalati il Molise perché il Molise è un regalo speciale”. L’annuncio arriva […]

Categorie

di tendenza