Connect with us
Pubblicità

economia e finanza

La politica della liquidità e il rischio delle imprese italiane al tempo del corona virus.

Pubblicato

-

In una situazione di crisi economica dovuta ad un calo drastico della produzione industriale, la misura di contenimento che più ha avuto successo è la creazione di base monetaria, con una forte immissione di liquidità nel sistema circolare di imprese e consumatori.

La liquidità per l’economia è come l’ossigeno per la salute. Quando si toglie la possibilità di respirare ad un essere umano, si va incontro ad una lenta asfissia, che deve essere contrastata con terapie intensive specializzate nell’ ossigenazione dei pazienti.

La stessa cosa può essere valida per il sistema economico. La circolazione di moneta è un motore di distribuzione di ricchezza, e permette a chi lavora di essere remunerato e avere disponibilità per potenziare il proprio business.

Pubblicità
Pubblicità

Nella storia, già ci sono stati grandi casi di crisi, a partire dalla crisi del 1929, fino con il 2008, durate la crisi innescata dal debito “tossico” dei “subprime”. In questo ultimo caso la risposta della Federal Reserve è stata quella di un’immediata iniezione di liquidità, ricorrendo al quantitativy easing, che ha portato all’acquisto istituzionale di titoli di debito in maniera massiccia, permettendo il rifinanziamento degli istituti di credito.

La mossa di Obama, in quel caso, ha avuto come conseguenza di spalmare il debito americano in tutto il mondo, e questo ha portato a spostare il problema, che da americano è diventato problema mondiale, per il fatto che i titoli americani sono stati acquistati, soprattutto dalla Cina, e quindi la liquidità è tornata sul mercato americano.

L’aumento della base monetaria in dollari, è stata perciò il fattore chiave per far si che l’economia americana potesse ripartire, esportando anche i propri problemi legati al debito.

Pubblicità
Pubblicità

La stessa mossa è stata seguita più tardi anche dall’Europa con la politica di Draghi, certo che il ritardo europeo, dovuto alla posizione della Germania, ha pesato sull’economia europea a vantaggio degli USA e della Cina.

La sovranità monetaria in questi casi di crisi determina un vantaggio competitivo indiscusso, e la gestione di una politica economica è il risultato di questo tipo di approccio. Eventuali critiche di rischio inflattivo, vengono superate innanzitutto da forti aumenti del PIL, e quindi, nello specifico da esportazione di debito, che, piaccia o non piaccia, risolve il problema a monte.

Per questo in una situazione come quella italiana, pesa molto il fatto di avere uno spazio limitato di manovra sulle decisioni di politica monetaria UE. In quanto, nell’area euro, la sovranità della BCE è il fulcro delle decisioni di politica monetaria. Entra in campo allora la qualità della politica.

Se le decisioni economiche UE sono frutto di una contrattazione, non concertazione, tra stati che viaggiano a diverse velocità, quanto più autorevole sono i rappresentati che portano avanti le trattative, tanto più si possono ottenere risultati significativi.

Quando si opera sui “tavoli europei”, l’approccio più efficace, sembra essere quello classico del Win to win, ovvero che quello che si propone, deve essere vantaggioso non solo per chi lo manifesta, ma tendenzialmente una situazione che riesce a soddisfare gli interessi di quanti piu membri sono seduti al tavolo.

Ecco dunque che il politico del terzo millennio ha la necessità di conoscere i meccanismi psicologici del dialogo competitivo, e sviluppare una forma di trattativa che si sviluppi a livello più ampio della mera difesa di interessi solo di parte. Perché per avere un risultato non conta solo la dialettica, conta di più la capacita di essere portavoce di una visione, in cui il successo di una scelta di politica monetaria è un successo condiviso. Saper ascoltare e conoscere gli interessi di chi vuoi convincere, è il punto di partenza.

Il rischio per l’Italia, in mancanza di politiche di forte incentivo alla spesa e all’aumento della liquidità circolante, non nascosta in banche, è quello di diventare oggetto non solo di speculazione, troppo facile per grandi investitori, soprattutto i fondi sovrani ed hedge founds, che hanno talmente tanti soldi, da determinare i flussi dei titoli, ma di dover svendere le proprie aziende e i propri asset migliori.

Perché la perdita di fiducia, la mancanza di scenari di crescita, il dover ricorrere all’autofinanziamento con grande cautela delle banche, che dovrebbero più ridefinirsi come merchant banks, minano la volontà di rischiare per molti imprenditori. Si ritiene più profittevole chiudere e spostare il rischio in contesti con minor tassazione, quindi meno costi e meno burocrazia.

Ormai la maggior parte delle aziende italiane che decidono di vendere, sono preda di fondi esteri, più che competitors. E questo è gravissimo, perché se un competitor con l’offerta di acquisto, tende ad acquisire quote di mercato, e possiede comunque la tecnologia per gestire l’attività e mantenere lo standard produttivo e il lavoro, un fondo speculativo avrà solo come obiettivo di rivendere le quote ad un prezzo più alto e quindi a lui interessa relativamente un piano industriale pluriennale, anche perché comporta investimenti. Meglio spezzettare l’impresa, e vendere gli asset ad un prezzo che superi il prezzo di acquisto dell’intera azienda.

Nel mondo di liquidità ce ne è tantissima, e deve trovare sbocco in economia reale, quindi ricollocata in beni e attività produttive. L’Italia, con le sue fragilità, ma con le sue enormi risorse culturali e anche imprenditoriali, è un boccone troppo ghiotto.

Se non si creano subito dei meccanismi per i quali si possa dare fiducia a chi ha voglia di lavorare e rischiare, l’arrivo della finanza mondiale porterà ad impoverimento del tessuto produttivo italiano. E in ogni contesto privato delle sue ricchezze, il risultato sarà quello di avere nuovi padroni, nuove regole e vivere come dei servi.

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza