Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Emergenza manodopera in agricoltura: ecco il “Modello Gen Z” per il reclutamento di giovani e studenti

Pubblicato

-

L’obiettivo è trovare 25 mila braccia che evitino che la frutta rimanga sugli alberi e la verdura nei campi.

Con l’emergenza sanitaria legata al Coronavirus è a rischio più di un quarto del raccolto nelle campagne italiane, che veniva svolto perlopiù da quelle mani straniere che ora sono rientrate in patria.

Secondo Coldiretti parliamo di 370 mila lavoratori regolari stranieri in Italia: ovvero il 70% della manodopera totale. In Trentino il fabbisogno stimato è di 25 mila persone. L’emergenza è duplice: economica della filiera agricola e di approvvigionamento alimentare.

Pubblicità
Pubblicità

Per questo è stato elaborato un “Modello operativo” di reclutamento di giovani della Generazione Z (denominato appunto “Modello Gen Z”) per superare questa emergenza lavorativa ed economica partendo dall’analisi del contesto in cui ci si trova ad operare.

Il blocco delle frontiere, le quarantene forzate, ma anche la paura di spostarsi e il protrarsi dell’emergenza sanitaria con ogni probabilità causeranno una crisi della mobilità per cui il sistema agricoltura avrà carenza di lavoratori stranieri che non verranno in Italia.

Ma non solo, tutto ciò riguarderà anche il mercato del lavoro interno: anche gli italiani non si muoveranno tra una regione e l’altra.

Pubblicità
Pubblicità

Ecco quindi la proposta di Marco Parolini, job trainer ed esperto di formazione manageriale, che punta forte su giovani e studenti: è proprio su di loro che il modello propone di indirizzare gli sforzi.

Il mio pensiero da consulente di innovazione territoriale e studioso di politiche del lavoro per i giovani – spiega Parolini – è che in questa fase vada preferito il reclutamento dei giovani appartenenti alla Generazione Z, che sono tanto difficili da reclutare, ma altrettanto risorsa importante in questa fase storica”.

Con Generazione Z vengono indicati i giovani nati dal 1995 in poi: stiamo parlando di giovani tra i 16 i 25 anni. I Millennials descrivono invece la generazione precedente, quella nata tra il 1985 e il 1995.

Il “Modello Gen Z” si propone di risolvere 4 macro problemi in una volta sola: di manodopera, evitando la crisi economica della filiera agricola e alimentare; educativo, consentendo ai giovani di dare un contributo e fare un’esperienza; economico: 120 milioni di euro di reddito che ogni anno rimangono in Trentino; di sostenibilità e spreco, evitando che la frutta marcisca sugli alberi.

In Trentino sono oltre 45 mila i giovani nella fascia 18-25 anni che sarebbero già residenti in loco (niente trasferte, quindi) e che garantirebbero la redistribuzione di ben 120 milioni di euro di reddito annuo nella nostra Provincia.

Una sorta di “manodopera a km 0” forzatamente ferma a casa, la cui inattività potrebbe essere trasformata da “costo sociale” a “vantaggio sociale”, permettendo loro di essere di aiuto a tutta la comunità, di conoscere l’agricoltura e la filiera agricola, sviluppando in seguito nuove idee e iniziative d’impresa.

L’agricoltura, tra l’altro, è considerata un’attività lavorativa poco esposta alla vicinanza fisica.

Sicuramente sono diversi gli aspetti da tenere sotto controllo. Si tratta di una generazione meno predisposta a lavori umili e faticosi, i giovani d’oggi sono cresciuti in condizione di benessere, raramente hanno bisogno di reddito integrativo e spesso hanno tempi e orari “diversi” da quelli del contadino, e anche dell’impiegato comune.

Ma sono diversi anche i punti di forza della “Generazione Z”: hanno per esempio un legame forte con il Trentino, la loro terra, hanno voglia di sentirsi utili e concreti, oltre a una significativa sensibilità per i temi della sostenibilità e della natura.

Una proposta, dunque, che mira alla responsabilizzazione e alla crescita di quei giovani troppo spesso sottovalutati e, talvolta, etichettati a priori come poco volenterosi e con scarsa voglia di rimboccarsi le maniche.

Il “Modello Gen Z” potrebbe rappresentare per i ragazzi un’opportunità da cogliere al volo: da una parte l’occasione per rendersi utili e guadagnare, dall’altra quella di imparare, lavorare sul campo, maturare come lavoratori ma soprattutto come persone.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]
  • Il paese più felice del mondo? La Finlandia!
    La classifica del World Happiness Report parla chiaro: per il terzo anno di fila il posto più felice del mondo sarebbe la Finlandia. Il World Happiness Report è una classifica redatta dalla United Nations Sustainable Development Solutions Network in base ai dati del Gallup World Poll. Mentre il primo posto vede i colori della bandiera […]
  • Il posto perfetto per staccare dal mondo? Le Isole Lofoten!
    Se pensi che i fiordi norvegesi siano belli, potrebbe interessarti fare una bella vacanza alle Isole Lofoten. Un luogo da sogno, un arcipelago simile a un’appendice di montagne frastagliate incredibilmente belle che si protendono nel Mare di Norvegia a ovest di Narvik. Le varie isole sono unite dalla E10, un’impresa di ingegneria altrettanto impressionante come […]
  • X-Bionic Sphere: in Slovacchia un vero paradiso per gli amanti del lusso e dello sport
    Non tutti sanno che a Samorin, in Slovacchia, esiste un vero e proprio paradiso per atleti e per appassionati di lusso e sport. X-Bionic® Sphere è un complesso di hotel e strutture sportive dove il lusso ed il comfort vanno a braccetto con tutte le esigenze di atleti, famiglie e visitatori. L’Hotel offre un servizio di […]
  • Boscareto Resort and Spa: ritrovate la giusta quiete tra vini, buon cibo e paesaggi mozzafiato
    Immerso tra le colline, il Boscareto Resort & Spa rivela la sua bellezza nell’incantevole panorama su cui si affaccia, nei colori dei vigneti e nel meraviglioso territorio delle Langhe, dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Alba è punto di partenza e di arrivo per chi viaggia nella zona, con i suoi caffè, le chiese, la storia romana […]

Categorie

di tendenza