Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Emergenza manodopera in agricoltura: ecco il “Modello Gen Z” per il reclutamento di giovani e studenti

Pubblicato

-

L’obiettivo è trovare 25 mila braccia che evitino che la frutta rimanga sugli alberi e la verdura nei campi.

Con l’emergenza sanitaria legata al Coronavirus è a rischio più di un quarto del raccolto nelle campagne italiane, che veniva svolto perlopiù da quelle mani straniere che ora sono rientrate in patria.

Secondo Coldiretti parliamo di 370 mila lavoratori regolari stranieri in Italia: ovvero il 70% della manodopera totale. In Trentino il fabbisogno stimato è di 25 mila persone. L’emergenza è duplice: economica della filiera agricola e di approvvigionamento alimentare.

Pubblicità
Pubblicità

Per questo è stato elaborato un “Modello operativo” di reclutamento di giovani della Generazione Z (denominato appunto “Modello Gen Z”) per superare questa emergenza lavorativa ed economica partendo dall’analisi del contesto in cui ci si trova ad operare.

Il blocco delle frontiere, le quarantene forzate, ma anche la paura di spostarsi e il protrarsi dell’emergenza sanitaria con ogni probabilità causeranno una crisi della mobilità per cui il sistema agricoltura avrà carenza di lavoratori stranieri che non verranno in Italia.

Ma non solo, tutto ciò riguarderà anche il mercato del lavoro interno: anche gli italiani non si muoveranno tra una regione e l’altra.

Pubblicità
Pubblicità

Ecco quindi la proposta di Marco Parolini, job trainer ed esperto di formazione manageriale, che punta forte su giovani e studenti: è proprio su di loro che il modello propone di indirizzare gli sforzi.

Il mio pensiero da consulente di innovazione territoriale e studioso di politiche del lavoro per i giovani – spiega Parolini – è che in questa fase vada preferito il reclutamento dei giovani appartenenti alla Generazione Z, che sono tanto difficili da reclutare, ma altrettanto risorsa importante in questa fase storica”.

Con Generazione Z vengono indicati i giovani nati dal 1995 in poi: stiamo parlando di giovani tra i 16 i 25 anni. I Millennials descrivono invece la generazione precedente, quella nata tra il 1985 e il 1995.

Il “Modello Gen Z” si propone di risolvere 4 macro problemi in una volta sola: di manodopera, evitando la crisi economica della filiera agricola e alimentare; educativo, consentendo ai giovani di dare un contributo e fare un’esperienza; economico: 120 milioni di euro di reddito che ogni anno rimangono in Trentino; di sostenibilità e spreco, evitando che la frutta marcisca sugli alberi.

In Trentino sono oltre 45 mila i giovani nella fascia 18-25 anni che sarebbero già residenti in loco (niente trasferte, quindi) e che garantirebbero la redistribuzione di ben 120 milioni di euro di reddito annuo nella nostra Provincia.

Una sorta di “manodopera a km 0” forzatamente ferma a casa, la cui inattività potrebbe essere trasformata da “costo sociale” a “vantaggio sociale”, permettendo loro di essere di aiuto a tutta la comunità, di conoscere l’agricoltura e la filiera agricola, sviluppando in seguito nuove idee e iniziative d’impresa.

L’agricoltura, tra l’altro, è considerata un’attività lavorativa poco esposta alla vicinanza fisica.

Sicuramente sono diversi gli aspetti da tenere sotto controllo. Si tratta di una generazione meno predisposta a lavori umili e faticosi, i giovani d’oggi sono cresciuti in condizione di benessere, raramente hanno bisogno di reddito integrativo e spesso hanno tempi e orari “diversi” da quelli del contadino, e anche dell’impiegato comune.

Ma sono diversi anche i punti di forza della “Generazione Z”: hanno per esempio un legame forte con il Trentino, la loro terra, hanno voglia di sentirsi utili e concreti, oltre a una significativa sensibilità per i temi della sostenibilità e della natura.

Una proposta, dunque, che mira alla responsabilizzazione e alla crescita di quei giovani troppo spesso sottovalutati e, talvolta, etichettati a priori come poco volenterosi e con scarsa voglia di rimboccarsi le maniche.

Il “Modello Gen Z” potrebbe rappresentare per i ragazzi un’opportunità da cogliere al volo: da una parte l’occasione per rendersi utili e guadagnare, dall’altra quella di imparare, lavorare sul campo, maturare come lavoratori ma soprattutto come persone.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza